contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Rinoplastica: il giorno dell’intervento

3' di lettura
3480

di Redazione


Per chi deve sottoporsi a un intervento di rinoplastica l’idea di un’operazione chirurgica può causare dubbi o paure. Vediamo allora qui nello specifico tutto ciò che accade durante l’intervento di chirurgia al naso in maniera pratica e semplice così da avere del tutto chiaro, passo per passo, cosa accadrà e superare così le ansie.

Innanzitutto bisogna dire che la rinoplastica può essere eseguita sia in ospedale che in una struttura ambulatoriale. Durante l’intervento di chirurgia plastica al naso al paziente vengono somministrati dei farmaci. Spesso si tratta di anestesia locale o sedazione endovenosa, in alcuni casi però si può provvedere anche con l’anestesia generale, dipende dai casi e da che tipo di intervento deve essere eseguito. Durante l’operazione i parametri del paziente vengono costantemente monitorati, controllando quindi il cuore, la pressione sanguigna, il polso e l’ossigeno nel sangue.

Le tecniche utilizzate per la rinoplastica sono diverse in base ai risultati che si vogliono ottenere. Così come anche le incisioni possono essere posizionate all’interno o all’esterno del naso procedendo quindi a una rinoplastica aperta (preferita nei casi più complicati o nelle rinoplastiche secondarie) o chiusa. Una volta terminato l’intervento di chirurgia plastica al naso il paziente viene portato in una zona di recupero dove continua a essere monitorato. In questa fare può sopraggiungere una sensazione di disagio o di dolore che può comunque essere tranquillamente controllata con dei farmaci che poi potranno essere anche utilizzati una volta che il paziente sarà tornato a casa.

A seconda del tipo di intervento di chirurgia al naso e alla tecnica chirurgia utilizzata al paziente può essere applicata una stecca nel naso con o scopo di tenere i tessuti nella posizione più corretta fino a che non siano stabilizzati. Questa ha quindi la funzione di proteggere il naso dagli urti accidentali. A volte può venire posizionata anche una piccola benda triangolare sotto la punta del naso. Mentre, all’interno delle narici possono essere utilizzate delle stecche più o meno rigide.

In genere dopo un intervento di rinoplastica il paziente può tornare a casa già dopo poche ore, al massimo deve passare una notte presso la struttura. Dopo 7/8 gg dovrà tornare dal chirurgo per un controllo e per rimuover il tutore. I tamponi invece, nel caso vengono inseriti, saranno rimossi dopo 48 ore.

Il tempo necessario per il recupero, e dunque il ritorno alle normali attività quotidiane, varia notevolmente da soggetto a soggetto. Per un paio di giorni dopo l’intervento è comunque consigliabile limitare le attività e sdraiarsi con la testa sollevata in modo da ridurre il gonfiore e diminuire il rischio di sanguinamento.

Dopo un intervento di chirurgia plastica al naso è normale che compaiano lividi intorno agli occhi e sulle guance e che permanga un modesto gonfiore, più frequentemente sulla punta del naso.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2013 alle 09:15 sul giornale del 26 aprile 2013 - 3480 letture