statistiche accessi

x

Gio sull'ospedale: 'Peggiorano le prospettive'

ospedale di senigallia 2' di lettura Senigallia 24/04/2013 - Si vanno assottigliando le speranze di mantenere a Senigallia il reparto di cardiologia e l’efficienza degli altri reparti mentre continua il silenzio dei Sindaci del territorio obbedienti al tavolo della Sanità Regionale dove la politica decide e ordina secondo interesse di pochi.

La richiesta principale degli imprenditori e dei cittadini è la nomina del “Primario” nel Reparto di Cardiologia.
Altra richiesta è quella di intervenire per garantire i servizi di Pronto Intervento delle “ambulanze” adeguatamente attrezzate per intervenire entro 17 minuti dalla chiamata come la “spending review” impone su tutto il territorio.

Basti pensare che attualmente a Senigallia abbiamo ambulanze che hanno percorso più di 500.000 km mentre la Regione ha favorito altri territori.
Speriamo che non sia vero ma in questi giorni è circolata voce che a Senigallia potrebbe arrivare un Primario per il reparto di Otorino in quanto Fabriano e Jesi l’avrebbero rifiutata per assicurarsi il Primario di Cardiologia.

Tutti concordano che a Senigallia il reparto di Otorino non serve e si potrebbe rivedere anche il reparto di Medicina Generale e pertanto molti si chiedono il perché tutto sembra finire nella Vallesina dove Fabriano e Jesi ottengono quello che vogliono nonostante l’Ospedale di Torrette a cinque minuti da Jesi. Addirittura sembra che sia stato già sottoscritto anche un accordo “politico” per salvare l’Ospedale di Chiaravalle.
Altra notizia è che la Regione in possesso di una risonanza magnetica l’ha diretta a Fabriano anche se disponevano di un’altra risonanza mentre quella dell’Ospedale di Senigallia è ormai obsoleta a confronto della nuova tecnologia.

Pertanto gli Imprenditori degli 11 Comuni Valli Misa e Nevola di fronte a questi comportamenti della politica regionale, che potremmo definire assurdi, si appellano ai Sindaci nella loro veste di responsabili della Sanità sul territorio affinché Sindaci affinché respingano la eventuale imposizione di un Primario per l’inutile reparto di “Otorino” e pretendere un primario per il reparto di Cardiologia indispensabile per salvare vite umane in un territorio di circa 79.000 abitanti senza considerare le zone limitrofe e la presenza turistica nella stagione estiva.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-04-2013 alle 19:50 sul giornale del 26 aprile 2013 - 883 letture

In questo articolo si parla di attualità, Riccardo Montesi, GIO, ospedale di senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/MdL





logoEV
logoEV
logoEV