contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Home care premium: innovazione e risorse a sostegno delle persone non autosufficienti

2' di lettura
1461

di Sudani Scarpini
redazione@viveremarche.it


Al via la prima fase di “Home care premium”. Il progetto innovativo e sperimentale di assistenza domiciliare dell'Inps (Gestione Dipendenti Pubblici) assegna all'Ambito territoriale sociale n.8 (Senigallia, Arcevia, Barbara, Castel Colonna, Castelleone, Corinaldo, Monterado, Ostra, Ostra Vetere, Ripe e Serra de' Conti') 600 mila euro per sostenere dipendenti pubblici, pensionati pubblici, o loro familiari, in condizioni di non autosufficienza.

Le risorse messe a disposizione dal progetto per gli 11 Comuni saranno ripartite tra 200 persone, scelte tra le varie richieste, sulla base del reddito e del livello di non autosufficienza.Le somme destinate ai dipendenti pubblici, pensionati pubblici e loro familiari, residenti nei Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale n.8 servono a coprire e garantire servizi di assistenza, di accompagnamento e trasporto, consegna pasti e accesso al Cenro diurno ma anche per l’assistenza specialistica domiciliare.

Si tratta pertanto di un’iniziativa di grande importanza sociale che garantisce servizi di qualità e prestazioni alle persone fragili –sottolineano il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e il dirigente dei servizi sociali Maurizio Mandolini- La soddisfazione deriva, oltre dal progetto e dai fondi a disposizione, dall’organizzazione”. “L’iniziativa ci costringe a lavorare insieme, condividendo le scelte che facciamo- continua Mangialardi- E questa è la modalità di lavoro con cui dobbiamo affrontare il futuro. L’Ambito Territoriale Sociale 8 ci ha permesso di strutturare questo bel progetto di qualità”.

Tutti i servizi e i contributi, che potranno andare da un minimo di 250 euro ad un massimo di 3200 euro all’anno, saranno concessi per un anno a partire dal 1° giugno 2013. Per le domande di partecipazione, a partire dal 2 maggio, ci si può rivolgere agli uffici dei servizi sociali di ogni Comune dell’Ambito Territoriale Sociale 8 coinvolti nel progetto. Già da ora invece è possibile ricevere maggiori informazioni sul progetto.

Abbiamo preferito non creare nuovi punti di informazione perché ogni Comune ha i propri uffici di competenza con persone preparate che sapranno offrire ogni dettaglio e informazione necessaria- conferma Mandolini- Ma non solo. In questo modo garantiamo al cittadino il contatto diretto con l’Amministrazione”. "E' un aiuto indiretto ai Comuni che possono implementare il sistema socio sanitario con ulteriori interventi progettuali, risparmiando risorse- concludono i sindaci degli altri Comuni dell'ambito territoriale- Il tutto in un progetto di rete che garantire servizi migliori e vantaggi ai cittadini bisognosi di aiuto".

A “Home care premium” l’Inps ha inoltre affiancato un ulteriore fondo di 200 mila euro volto all’assistenza familiare. Si tratta infatti di un riconoscimento economico che l’Inps eroga direttamente al cittadino, senza la gestione e organizzazione delle Amministrazioni comunali, alle persone che quotidianamente svolgono un servizio di assistenza o di aiuto ai propri familiari in condizioni di non autosufficienza.





Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2013 alle 01:56 sul giornale del 13 aprile 2013 - 1461 letture