contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Tagli alla sanità, presidio di protesta davanti l'ospedale di Senigallia

2' di lettura
1305

di Sudani Scarpini
redazione@viveremarche.it


ospedale di senigallia
Protesta contro i tagli alla sanità davanti l'ospedale di Senigallia. Le sigle sindacali (Cgil, Cisl, Uil, FSI, NurSind, Ali sanità) giovedì mattina hanno presidiato con striscioni e bandiere per alcune ore la struttura ospedaliera.

La protesta, che si è svolta in contemporanea anche a Osimo e Chiaravalle, è contro i tagli alla sanità che porterebbero alla perdita di numerosi posti di lavoro.

Nell’ultimo anno oltre 230 posti di lavoro, tra contratti non rinnovati, prestazioni in scadenza e coperture dei posti vacanti con dipendenti 'pendolari' tra le varie unità operative, sarebbero andati persi. Una situazione difficile e delicata quindi per la sanità locale che, come ha spiegato Alessandro Mancinelli della Cisl Funzione Pubblica di Ancona, nasce da alcune situazioni irrisolte e influisce gravemente sul futuro della sanità. Molti posti di lavoro sono infatti a rischio e alcuni reparti rischierebbero ora la chiusura o il ridimensionamento. Tra questi, sottolinea Mancinelli, ci sarebbero l’U.O. di cardiologia a Senigallia, l'otorinolaringoiatria di Jesi, l'urologia di Osimo e la psichiatria di Ancona.

Inoltre, secondo quanto dichiarato dalle sigle sindacali che giovedì hanno presidiato la struttura ospedaliera di Senigallia, la direzione regionale dell’Asur avrebbe sostituito l’accordo con le OO.SS. con un atto unilaterale interrompendo pertanto, di fatto, le relazioni con i sindacati. Al momento non si conosce però il piano regionale che definisce dettagliatamente il numero, le competenze e le qualifiche dei dipendenti amministrativi di Senigallia, Jesi e Ancona che dovranno essere trasferiti a Fabriano.

In attesa di conoscere il piano regionale quindi le varie sigle sindacali continuano le loro manifestazioni di protesta. Venerdì 12, dopo Senigallia, Osimo e Chiaravalle, il presidio si sposterà a Jesi. Dalle 9:30 nell'atrio del 'Murri' e nel pomeriggio all'auditorium dell'hotel Federico II le sigle sindacali discuteranno ancora di tagli e ribadiranno le loro posizioni di contrarietà.



ospedale di senigallia

Questo è un articolo pubblicato il 11-04-2013 alle 19:31 sul giornale del 12 aprile 2013 - 1305 letture