statistiche accessi

x

Mezza Canaja: merendine e patto di stabilità, portiamo il bilancio in piazza

3' di lettura Senigallia 10/04/2013 - Nel giugno del 2011 – referendum su acqua e nucleare - la popolazione italiana ha rifiutato in massa la logica della privatizzazione dei beni comuni. Nel febbraio 2013 – elezioni politiche – la popolazione italiana ha espresso un chiaro dissenso verso le politiche di austerità. Eppure, privatizzazioni e tagli sono all’ordine del giorno e a esserne i principali esecutori sono i Comuni italiani, tenuti al guinzaglio e resi obbedienti grazie al patto di stabilità.

A Senigallia l’Amministrazione Comunale vorrebbe rispettare la volontà popolare di liberare l’acqua dalle regole del mercato e quindi dalla Multiservizi, ma non può. Non solo, vorrebbe non svendere le briciole di patrimonio pubblico, ma non può. Vorrebbe non ritardare e se possibile potenziare i bandi per il lavoro attivo, ma non può. Vorrebbe non tagliare i servizi ai disabili, ma non può. Vorrebbe contribuire ai lavori pubblici per l’edilizia popolare, ma non può. Vorrebbe anche non tagliare le mense scolastiche e mantenere il cibo biologico, ma non può. “Vorremmo ma non possiamo”, è questo il muro di gomma contro il quale negli ultimi anni rimbalza sempre di più ogni protesta che i cittadini mettono in campo nel momento in cui gli vengono amputati servizi e diritti. E perché non possono? Perché è l’Europa che lo chiede, o meglio, lo impone.

Se si vuole smettere di rimbalzare senza ottenere nulla se non una guerra tra poveri, dove i sindaci diventano strozzini e i cittadini si affidano al primo comico miliardario che passa per strada, è necessario smetterla di affrontare i problemi come se fossero delle singole vertenze private, l’una slegata dall’altra, per affrontarli in termini sistematici e collettivi. E’ ora di aprire il bilancio comunale alla città e renderlo terreno di esercizio di democrazia diretta, sottraendolo all’esclusivo ed escludente sapere/potere di tecnici e dirigenti. E’ necessario aprire una discussione pubblica che abbia come oggetto la gestione partecipata delle finanze pubbliche e come orizzonte la creazione di una nuova solidarietà sociale, fondata sulla disobbedienza al patto di stabilità e sull’obbedienza ai cittadini. Se, come ha detto il Sindaco Mangialardi all’ultimo consiglio comunale, lo Stato sta depredando la nostra città, allora – aggiungiamo noi - i “depredati” devono coalizzarsi contro i “predatori”. Proponiamo al Sindaco Mangialardi e alla sua Giunta una grande assemblea cittadina dove la società civile senigalliese – sia nelle sue forme organizzate che come singoli – possa essere protagonista di un pubblico e libero confronto con l’Amministrazione.

Lo facciamo senza nessuna intenzione di gettare un salvagente alla classe politica - PD e PDL si mostrano ogni giorno come corresponsabile del disastro in cui hanno gettato il paese – ma con lo scopo di rompere la solitudine e l’isolamento delle singole vertenze presenti nel nostro territorio, restituendo senso ed efficacia a parole come democrazia e partecipazione. Pensiamo che al centro della discussione debbano esserci i seguenti temi: L’idea di un “welfare municipale” come insieme di politiche attive in grado di coniugare l’opposizione al patto di stabilità con il contrasto all’impoverimento derivato dalla crisi economica. L’intangibilità e inalienabilità di alcuni servizi pubblici fondamentali per la dignità umana e la solidarietà sociale. Il bilancio partecipato, dove per “partecipazione” non s’intende solo la capacità di garantire la trasparenza, ma di determinare e vincolare le decisioni politiche ai bisogni sociali. L'autogestione come valore sociale e come strumento per difendere diritti e dignità di fronte all'impoverimento imposto dalle classi dirigenti con le loro politiche di austerità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2013 alle 17:27 sul giornale del 11 aprile 2013 - 2245 letture

In questo articolo si parla di attualità, mezza canaja

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/LDf





logoEV
logoEV
logoEV