contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

I commercianti sul decoro urbano: si alla pulizia no ai balzelli

4' di lettura
2219

piazza Saffi
“Sì alla tutela del decoro urbano, no a nuovi balzelli per i commercianti del centro”. Le associazioni di categoria entrano nel merito del nuovo regolamento approdato l'altro giorno in commissione e che presto passerà al Consiglio Comunale per l'approvazione.

Un provvedimento con cui il Comune intende introdurre tutta una serie di nuove regole per difendere e migliorare la qualità urbana della spiaggia di velluto. Nuove regole vanno però di pari passo con nuovi sanzioni e conseguenti sanzioni per chi trasgredisce. Tra le novità anticipate dal sindaco Maurizio Mangialardi il pugno di ferro contro i mozziconi di sigarette gettate a terra, le cicce delle gomme da masticare spiaccicate sui selciati, gli escrementi dei cani sparsi sui marciapiedi. Stop anche agli edifici fatiscenti e in degrado e lotta dura all'abuso di alcol. Il centro storico è ormai disseminato di mozziconi di sigarette e gomme da masticare che resistono fino a 10 anni. Con il nuovo regolamento chi sarà sorpreso a gettarli a terrà incapperà in multe che vanno dai 50 ai 500 euro. Ai gestori di bar e locali il compito anche di installare posacenere davanti ai propri esercizi.

Multe da 500 euro anche per i padroni che non raccolgono gli escrementi dei propri animali. Basta poi ai bivacchi nelle aree pubbliche (come spesso accade alla Rocca Roveresca) e con chi viene sorpreso a urinare in giro (cosa purtroppo frequente nelle aree verdi come ai giardini Catalani). Il nuovo regolamento conferma anche le limitazioni per la somministrazione degli alcolici che non possono essere versati in contenitori di vetro dalle 20 alle 7 del mattino, sia nel centro storico che sul lungomare (eccezione fatta per il servizio al tavolo da parte dei locali). Regole più ferree anche per i manifesti pubblicitari che non potranno più essere affissi sui pali dell'illuminazione, dei cartelli stradali o sui cestini dei rifiuti. Basta anche con le insegne dei negozi vecchie e fatiscenti. Dovranno essere funzionanti e in linea con i canoni estetici del contesto urbano in cui sono inseriti. Stesso dicasi per le tinteggiature esterne degli edifici che dovranno armonizzarsi con il resto degli edifici urbani.

“Ci sta bene che venga redatto un regolamento che tuteli il decoro urbano ma attenzione a non esasperare la vita delle aziende -ammonisce il segretario di Confartigianato Giacomo Cicconi Massi- ci pensa già la burocrazia a complicare le cose e non vogliamo ulteriori oneri. Chiediamo al Comune di seguire un po' di buon senso nell'introduzione di nuove regole. É chiaro che ci sono, ad oggi, situazione rispetto alle quali è bene intervenire. Mi riferisco ad esempio alle bottiglie di birra lasciate durante i week end sparse per le vie del centro storico o ai mozziconi di sigarette che sono praticamente ovunque o altre situazioni di degrado. Sapere che c'è un regolamento può essere un buon deterrente contro i comportamenti incivili ma non devono andarci di mezzo le imprese”.

I commercianti non vogliono ulteriori balzelli economici né tanto meno rischiare sanzioni pecuniarie. Critiche al comune anche per le modalità con cui è stato improntato il regolamento. “Come al solito non siamo stati interpellati e apprendiamo le notizie a cose fatte -lamenta il segretario di Confcommercio Riccardo Pasquini- mi auguro che non sia l'ennesima mano in tasca ai commercianti. Le categorie non si sentono coinvolte nelle decisioni prese dal Comune e riteniamo che non sia questo il modo di lavorare. Tenere pulita la città è una preoccupazione che sta a cuore anche ai commercianti che avrebbero potuto dare il loro contributo, in termini di idee e proposte, se fossero stato coinvolti nella redazione del regolamento. Ci sono problemi particolarmente sentiti, come il lungomare d'estate troppo sporco a causa dell'assidua frequentazione. Se venissero installati posacenere e altri contenitori è ovvio che i gestori dei locali farebbero la loro parte perchè tenere pulito è anche a loro vantaggio ma le azioni vanno condivise preventivamente”.



piazza Saffi

Questo è un articolo pubblicato il 10-04-2013 alle 23:15 sul giornale del 11 aprile 2013 - 2219 letture