contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CULTURA
comunicato stampa

Ultimo appuntamento con le Letture storiografiche

2' di lettura
868

da Associazione di Storia Contemporanea


A poco più di un anno di distanza, si conclude la manifestazione – che ha preso il via da Senigallia nel febbraio 2012 – itinerante “Letture storiografiche. I libri di storia che hanno fatto storia”, finalizzata appunto a riscoprire quei classici della storiografia, italiana come internazionale, che sono entrati nelle case degli italiani.

L’ultimo appuntamento è previsto per venerdì 12 aprile allorché Silvia Serini (Associazione di Storia Contemporanea), alle ore 17.30 presso la Biblioteca “Antonelliana” di Senigallia, proporrà la rilettura di Risorgimento e capitalismo (1959), il libro con cui lo storico siciliano contestò la tesi gramsciana che considerava il processo risorgimentale come una “rivoluzione agraria mancata”.

Pochi libri come questo di Romeo animarono una polemica vivace e dibattuta – suo contraddittore fu Alexander Gerschenkron, economista russo, formatosi alla Scuola austriaca, naturalizzato statunitense e docente ad Harvard, tutore delle posizioni marxiste – nell’Italia del secondo dopoguerra, probabilmente inferiore solo a quella che negli anni sessanta e settanta accompagnò l’uscita della biografia mussoliniana di Renzo De Felice. Non a caso, un significativo rapporto legò Romeo, futuro biografo di Cavour, a De Felice: quest’ultimo infatti subì un veto dagli ambienti politici e accademici per certe posizioni assunte con la sua Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo (1961) e solo l’intervento di Romeo poté assicurare a De Felice il proseguimento di quella carriera accademica che pareva preclusa. La rassegna “Letture storiografiche”, dopo un primo ciclo senigalliese ospitato prima nella Biblioteca civica e poi presso il Centro Mazziniano “Pensiero e Azione”, ha fatto tappa a Jesi, Falconara Marittima, Montecarotto e Corridonia, proponendo sempre autori di risonanza internazionale, tra cui Eric J. Hobsbawm, Claudio Pavone e Tony Judt.

La serie di conferenze diventerà ai primi di maggio un libro dal titolo omonimo che sarà presentato il 20 maggio al XXVI Salone Internazionale del Libro di Torino. Silvia Serini, che lavora presso le Biblioteche di Senigallia e Corinaldo, si è laureata in Storia contemporanea presso l’Università di Perugia, è una delle giovane studiose dell’Associazione di Storia Contemporanea e collabora con la rivista «Storia delle Marche in età contemporanea», sul cui prossimo numero – in uscita alla fine di aprile – comparirà un suo studio sugli Arditi del popolo. Introdurrà quest’ultimo appuntamento il prof. Marco Severini (Università di Macerata), presidente della suddetta Associazione.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2013 alle 11:55 sul giornale del 09 aprile 2013 - 868 letture

All'articolo è associato un evento