contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Decoro urbano: nuove regole per il rispetto della città. Mangialardi, 'Ecco i divieti'

2' di lettura
3412

Maurizio Mangialardi
Il nuovo regolamento per il decoro urbano approda oggi in commissione. Un passaggio istituzionale che anticipa l'approdo in aula per l'adozione. La riunione è stata convocata dal presidente Mario Fiore per le 18 a piano terra della residenza municipale.

A presentare le novità proposte dal regolamento sarà il sindaco Maurizio Mangialardi. La questione legata alla necessità di introdurre regole nuove e più severe per il rispetto del decoro del centro storico (e non solo) era stata sollevata alcuni mesi fa da una mozione dei consiglieri del Pdl-Ppe Alessandro Cicconi Massi e Alessandro Mazzarini che ponevano il problema dell'accattonaggio, ormai ampiamente diffuso in città. In realtà, come spiega il primo cittadino, “il regolamento ha finalità diverse e ben più ampie”.

“L'obiettivo è quello di fare chiarezza su cosa è lecito fare e cosa no -spiega il sindaco Mangialardi- un regolamento in questo senso è indispensabile anche per tutelare i cittadini stessi che finalmente avranno un quadro chiaro delle normative. Ai senigalliesi tra l'altro spetta il compito principale nel difendere e tutelare la qualità e la vivibilità della nostra città”.


Ecco allora alcune novità che il Comune intende introdurre con il nuovo regolamento. Basta con i mozziconi di sigarette a terra, con le cicce delle gomme da masticare spiaccicate sui selciati, agli escrementi dei cani sparsi sui marciapiedi, no agli edifici fatiscenti e in degrado e lotta dura all'abuso di alcol. Il centro storico è ormai disseminato di mozziconi di sigarette e gomme da masticare che resistono fino a 10 anni. A breve chi sarà sorpreso a gettarli a terrà incapperà in multe che vanno dai 50 ai 500 euro. Ai gestori di bar e locali il compito anche di installare posacenere davanti ai propri esercizi. Multe da 500 euro anche per i padroni che non raccolgono gli escrementi dei propri animali.

Stop anche ai bivacchi nelle aree pubbliche (come alla Rocca Roveresca) e con chi viene sorpreso a urinare in giro. Il nuovo regolamento conferma anche le limitazioni per la somministrazione degli alcolici che non possono essere versati in contenitori di vetro dalle 20 alle 7 del mattino, sia nel centro storico che sul lungomare. Regole più ferree anche per i manifesti pubblicitari che non potranno più essere affissi sui pali dell'illuminazione, dei cartelli stradali o sui cestini dei rifiuti. Basta anche con le insegne dei negozi vecchie e fatiscenti. Dovranno essere funzionanti e in linea con i canoni estetici del contesto urbano in cui sono inseriti. Stesso dicasi per le tinteggiature esterne degli edifici che dovranno armonizzarsi con il resto degli edifici urbani.

“Il regolamento, una volta adottato -assicura Mangialardi- sarà seguito da attenti controlli e conseguenti multe per i trasgressori”.



Maurizio Mangialardi

Questo è un articolo pubblicato il 08-04-2013 alle 23:45 sul giornale del 09 aprile 2013 - 3412 letture