contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Navalmeccanico: navi in partenza. Il comandante Montinaro, 'Stavolta ci siamo'

2' di lettura
2382

antonio montinaro
Questa dovrebbe essere la volta buona. Le cinque imbarcazioni che da trent'anni versano in condizioni di abbandono nell'area dell'ex Navalmeccanico stanno per lasciare per la spiaggia di velluto. E stavolta per sempre.

L'arrivo del rimorchiatori, atteso per dieci giorni fa, è slittato a causa delle avverse condizioni meteo. In queste ora però l'imbarcazione, partita dalla Turchia, sta risalendo l'Adriatico e se il tempo non cambierà repentinamente nelle prossime 24 ore, arriverà nel porto senigalliese venerdì.

“Il rimorchiatore sta lentamente risalendo l'Adriatico -conferma il comandante dell'Ufficio Locale Marittimo Antonio Montinaro- in questo momento (ieri pomeriggio ndr) ho avuto conferma che si trova a largo delle coste della Puglia. Stiamo monitorando la situazione meteorologica e se le previsioni meteo annunciate per la giornata di giovedì saranno confermate, allora il rimorchiatore arriverà a Senigallia nella giornata di venerdì”.

A quel punto le operazioni, coordinate dell'Ufficio Locale Marittimo, prevedono la partenza, nella stessa giornata, delle prime tre imbarcazioni già messe in mare. Il rimorchiatore traghetterà i “relitti” fino a Porto Marghera (VE). “Nel primo viaggio saranno rimorchiati i due pescherecci più grandi e quello più piccolo -spiega il comandante Montinaro- arrivato a Venezia il rimorchiatore tornerà indietro per prelevare anche le restanti due imbarcazioni. Un'operazione che, in condizioni meteo favorevoli, si dovrebbero concludere in 72 ore. Ovviamente, essendo in inverno, repentine perturbazioni potrebbero modificare il cronoprogramma”.

Dopo varie vicissitudine e vari passaggi di proprietà, la svolta per lo sgombero dell'ex Navalmeccanico è arrivato con l'acquisto nell'ottobre del 2001 dei pescherecci da parte della Lepore srl. L'azienda di Udine, che è riuscita a mettere in acqua la prima delle cinque imbarcazioni solo nel novembre scorso a causa di lunghi e tortuosi iter burocratici, una volta acquisite le navi pare intenzionata a rivenderle per la pesca d'altura.



antonio montinaro

Questo è un articolo pubblicato il 13-02-2013 alle 23:53 sul giornale del 14 febbraio 2013 - 2382 letture