statistiche accessi

Corinaldo: il Comitato sul Ponte dell'Acquasanta, 'La montagna non ha portato neanche un topolino'

ponte sul fiume Cesano travolto dalle acque 2' di lettura 23/01/2013 - Stando alle dichiarazioni uscite sulla stampa non vorremmo che ci stessero portando in giro.

Da una parte gli amministratori dichiarano che lunedì scorso è stato presentato il “progetto definitivo” del ponte provvisorio (il ponte in ferro bailey) e allo stesso tempo il Commissario della Provincia di Ancona, Patrizia Casagrande, afferma che la Conferenza dei servizi per dare il via libera al progetto è stata convocata per il 12 febbraio.

Ma è lo stesso Commissario a dichiarare: “Questa vicenda dimostra una volta di più come l’indiscriminata politica di tagli e i vincoli di spesa imposti dal patto di stabilità non siano più sostenibili per le comunità locali e rappresentino un costo economico di gran lunga superiore ai supposti risparmi derivanti dalla restrizione della spesa pubblica. Per questo abbiamo chiesto alla giunta regionale un tavolo di confronto urgente in cui faremo appello alla sensibilità e alla solidarietà istituzionale più volte dimostrata dalla Regione Marche per risolvere definitivamente un problema ormai non più rimandabile”. Le fa eco l’Assessore del Comune di Mondavio Mirco Zenobi, quando afferma che di finanziamenti certi per ora ci sono solo gli 80.000,00 euro stanziati dalla Regione perchè le “Province stanno ancora definendo il quadro economico dell’opera”.

Come dire che ad oggi non sanno ancora quanto costerà questo ponte e dove troveranno i soldi per costruirlo.


La sensazione che abbiamo è che in realtà, lunedì scorso a Mondavio, la montagna non ha partorito nemmeno un topolino e piuttosto si continua a perdere tempo.

Per quanto ci riguarda, nei prossimi giorni l’Avvocato Maria Raffaela Mazzi, invierà agli Enti e ai funzionari che avevano la responsabilità di vigilare e intervenire per evitare il crollo del ponte dell’Acquasanta, le prime quantificazioni economiche dei danni subiti nei primi due anni di interruzione della viabilità.

Solo per fare un esempio, dalle prime valutazioni, ci risulta che un pendolare abbia finora subito un danno economico minimo di circa 11-12.000,00 euro.

Noi continuiamo ad andare avanti e a difendere e tutelare i diritti di questo territorio e dei suoi abitanti. E’ ora che ciascuno si assuma le proprie responsabilità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2013 alle 16:25 sul giornale del 24 gennaio 2013 - 1018 letture

In questo articolo si parla di attualità, corinaldo, Comitato Sviluppo Sostenibile della Valcesano, comitato, valcesano, ponte sul fiume cesano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Iy4





logoEV
logoEV
logoEV