Primo giorno di blocco del traffico: niente multe. Attenzione però all'autovelox

autovelox 4' di lettura Senigallia 21/01/2013 - Prima giornata di blocco del traffico per la spiaggia di velluto. E' scattata ieri la nuova ordinanza emessa dal sindaco Maurizio Mangialardi che limita la circolazione dei veicoli a diesel per Euro su tutto il territorio comunale.

Un provvedimento riproposto dopo quello introdotto per la prima lo scorso anno anche se i risultati attesi hanno deluso le aspettative. La finalità principale del divieto di circolazione ai veicoli alimentati a diesel pre Euro, Euro1 e Euro2, considerati i mezzi maggiormente inquinanti e dannosi per la qualità dell’aria, è proprio quella di ridurre i livelli di polveri sottili presenti nell'aria. Un provvedimento che nel 2012 non ha comunque impedito alla spiaggia di velluto di sforare più volte i livelli limite di pm10. E stavolta il comune di ci riprova. Da ieri e fino al 15 maggio, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30 attenzione a chi circola sulle strane urbane ed extraurbane comunali alla guida di un veicoli considerato “off-limits”.

Un provvedimento che non è nuovo per i senigalliesi e per chi frequenta la spiaggia di velluto ma per dare la possibilità a tutti gli automobilisti di adeguarsi alle nuove limitazioni alla circolazione, il Comune ha deciso per un avvio “soft”. Ieri mattina le pattuglie della Polizia Municipale, posizionate lungo le principali vie di percorrenza, hanno controllato alcuni veicoli. Controlli che sono stati solo di tipo informativo e non a carattere sanzionatorio. Non sono infatti state elevate contravvenzioni e sarà così anche per i prossimi giorni in modo da dare la possibilità agli automobilisti di prendere atto del nuovo provvedimento. Per chi arriva in città ad informare del provvedimento in vigore nel territorio senigalliese c'è anche un'apposita segnaletica verticale. Piovono invece multe pesanti per chi non rispetta i limiti di velocità lungo la statale.

Da alcuni giorni, di mattina, la Polizia Municipale effettua costantemente posti di controlli per il rilevamento della velocità tramite il posizionamento di autovelox, soprattutto lungo via Sanzio. Un rafforzamento delle postazioni di autovelox interpretate, da molti automobilisti, come un ulteriore aggravio al proprio portafoglio e con la necessità del comune di “fare cassa” per aiutare i bilanci comunali alle prese con i continui tagli. Con la crisi anche una multa, per molti, rappresenta un bel grattacapo. E se per il blocco del traffico, le sanzioni sono per qualche giorno rinviate, gli automobilisti sono comunque invitati dal Comune e dalla Polizia Municipale a prendere nota del provvedimento e ad adeguarsi.

Nel dettaglio, sono interdetti alla circolazione, oltre alle auto diesel, gli autobus urbani e i pullman extraurbani pre Euro, Euro1 e Euro 2 senza filtro antiparticolato, i veicoli commerciali fino a 3,5 t pre euro, Euro 1, quelli compresi tra 3,5 t e 7,5 t pre euro, Euro 1 e Euro 2, quelli tra 7,5 t e 14 tonnellate pre euro, Euro 1 e Euro 2, i veicoli commerciali pesanti e i trattori stradali tra 14 e 32 tonnellate pre Euro, Euro1 e Euro 2, quelli di massa superiore a 32 t pre Euro, Euro1 e Euro 2, tutti ovviamente senza filtro antiparticolato. Non possono circolare neanche i motocicli e i ciclomotori a 2 tempi pre Euro e i mezzi agricoli e le macchine operatrici. Ai mezzi agricoli è però consentita la circolazione esclusivamente sulle strade comunali ricadenti fuori dai centri abitati della città e frazionali. Un'ordinanza che ammette anche alcune eccezioni.

Sarà infatti comunque consentito il passaggio sul territorio comunale ai mezzi che operano per servizi di vigilanza, sanitari e di soccorso, ai veicoli dei disabili, ai i taxi e ai veicoli a noleggio con conducente fino a 9 posti. Sono previsti anche permessi speciali di transitano. In questo caso però i titolare di mezzi off limits devono richiedere preventivamente i permessi temporanei di circolazione che saranno rilasciati dalla Polizia Municipale. Naturalmente l'ordinanza di divieto di circolazione dei veicoli diesel pre Euro, non tocca minimamente i mezzi alimentati a benzina, gas metano, gpl e quelli elettrici che possono dunque circolare liberamente.






Questo è un articolo pubblicato il 21-01-2013 alle 23:57 sul giornale del 22 gennaio 2013 - 4514 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, autovelox, blocco del traffico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/It6


Commento modificato il 22 gennaio 2013

Si continua a curare la peste nera con le aspirine.
Per carità, sempre meglio che niente, però sono altre le decisioni a più alto livello statale che devono essere prese.
Ma in periodo di crisi come questo, chi ha il coraggio di farle?

Lello Betti

22 gennaio, 12:34
Leggo in rete che è stato accertato un calo dell'inquinamento nel 2012 e la causa sembra proprio essere un minore utilizzo degli autoveicoli, ma evidentemente non basta (in verità, nello specifico si parla di calo di Co2, non di Pm10).
Se non ricordo male, con 3 persone a bordo si può circolare lo stesso.

ice25 Utente Vip

22 gennaio, 18:28
Non sarebbe piu' importante cercare di limitare l'escalation di scippi e furti che avvengono ultimamente nella nostra zona invece
che andare a misurare gli scarichi delle autovetture?

Quelli non servono per far cassa al Comune...

Sono due giorni di seguito che li vedo appostati in Via R. Sanzio/SS. Adriatica Nord con l'occhio alla Paperon de Paperoni. Ovviamente ad ora di pranzo quando i poveri cristi che lavorano vanno a pranzo (quei poveri cristi che ancora un lavoro ce l'hanno)




logoEV
logoEV