statistiche accessi

Ciccioli sulla questione morale: 'I consiglieri che si sono astenuti escano dal Pdl'

Carlo Ciccioli 2' di lettura Senigallia 20/01/2013 - “A Senigallia gli inciuci tra maggioranza e opposizione devono finire”. Arriva direttamente dall'onorevole Carlo Ciccioli della lista Fratelli d'Italia, il monito al centro destra senigalliese dopo il voto sulla “questione morale” di mercoledì in Consiglio Comunale.

La richiesta di dimissioni del sindaco Maurizio Mangialardi (originatasi a seguito dell'incarico affidato dalla Giunta alla Geomarine dell'ex capogruppo Pd Lorenzo Magi Galluzzi costretto poi alle dimissioni) presentata dal Coordinamento Civico è stata respinta. Ad astenersi dal voto sono stati però anche i due consiglieri del Pdl-Ppe Alessandro Cicconi Massi e Gabriele Cameruccio e l'ex compagno di gruppo, ora passato all'Udc, Maurizio Perini. Un voto che ha "rafforzato" la posizione del sindaco Mangialardi.

“Finalmente c'è stato un chiarimento importante: un pezzo di opposizione a Senigallia ha sempre colluso con il centro sinistra al governo -tuona Ciccioli- uscite dall'aula e astensioni di alcuni esponenti del Pdl proprio quando la maggioranza era in imbarazzo ora trovano una spiegazione. Astenersi dal votare le dimissioni del sindaco per una collusione fra Amministrazione e politica promosse dall'opposizione è un fatto gravissimo. È bene a questo punto che Cicconi Massi, Cameruccio e Perini vadano a far politica da un'altra parte perchè così confondono gli elettori e l'opposizione”.

Da Ciccioli arriva la “scomunica” ufficiale. “Da questi consiglieri ora ci aspettiamo un atto forte, devono uscire dal Pdl -aggiunge il leader di Fratelli d'Italia- essendo io uscito dal Pdl, con cui resto in rapporto di collaborazione, sono molto attento a quanto avviene all'interno del centro destra. Senza questi personaggi a Senigallia può finalmente nascere un'alternativa vera al centro sinistra che crei le basi per una politica vera e sana in vista delle prossime elezioni, senza aspettare di entrare nel vivo della campagna elettorale per le comunali del 2015”.

Per Ciccioli la vera alternativa al centro sinistra è il sodalizio tra il Pdl e il Coordinamento Civico. “Occorre rafforzare l'accordo con il Coordinamento Civico rappresentato da Roberto Paradisi -conclude l'onorevole- e con tutte le persone che credono in una politica sana”.






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2013 alle 06:54 sul giornale del 21 gennaio 2013 - 3786 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, carlo ciccioli, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Ip7





logoEV
logoEV
logoEV