statistiche accessi

Corinaldo: vertice sul crollo del ponte sul Cesano, si procede con il nuovo collegamento. Il video

vertice a corinaldo sul crollo del ponte 3' di lettura 08/01/2013 - Crollo del ponte sul Cesano. Ripristinare immediatamente il collegamento tra i comuni di Corinaldo e Mondavio. E' quanto emerso martedì dal vertice tenutosi a Corinaldo tra il sindaco di Corinaldo Matteo Principi, il sindaco di Mondavio Federico Talè, il commissario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, l'assessore ai lavori pubblici della provincia di Pesaro e Urbino Galluzzi, la protezione civile e i tecnici della Provincia di Pesaro e della Regione.

Positivo e soddisfacente dunque l'esito dell'incontro in cui gli Enti hanno dimostrato di essere pronti a fare la propria parte. Subito il ponte provvisorio in ferro, realizzabile entro primavera, e nel frattempo al lavoro per la progettazione di quello definitivo per ripristinare il collegamento tra i due Comuni, interrotto dopo il crollo nel marzo del 2011 del ponte storico sul fiume Cesano e, nel novembre del 2012, del guado provvisorio posizionato a monte dell’originale attraversamento, entrambi collassati a causa delle forti piogge e delle conseguenti piene.

Ripristinare immediatamente il collegamento tra Corinaldo e Mondavio, tra le province di Ancona e Pesaro, è la priorità assoluta – ha dichiarato Gian Mario Spacca, che aveva effettuato un sopralluogo sul posto all'indomani del crollo – Guardiamo dunque subito all’emergenza. E l’emergenza, ora, è realizzare subito il ponte in struttura metallica. Una soluzione provvisoria in grado di dare una risposta immediata alle esigenze di mobilità dei cittadini e alle necessità delle imprese che operano nella vallata del Cesano”.

Un'opera provvisoria che permette di ripristinare il collegamento nell'attesa di quella definitiva che soddisfa il sindaco di Corinaldo. “Sono personalmente molto soddisfatto dell'incontro e soprattutto delle soluzioni trovate- annuncia Matteo Principi- Il ponte provvisorio, in attesa di quello definitivo, permette alle due Province e ai cittadini di ristabilire la viabilità fondamentale. Il rischio era quello di arrivare solo ad una soluzione momentanea e provvisoria invece grazie alla disponibilità di tutti gli Enti abbiamo raggiunto entrambe le soluzioni”.

Stabilita pertanto la necessità di improntare la ricostruzione del ponte alla massima operatività, rapidità e concretezza, trattandosi di un territorio molto vivace, ricco dal punto di vista turistico e culturale e su cui insiste un’area industriale particolarmente attiva, Spacca ha chiesto che sia individuato un responsabile dell’intero procedimento, che coordini le attività delle varie istituzioni coinvolte, in modo da snellire e velocizzare l’iter.

Vogliamo essere subito operativi, per questo la Regione ha stanziato nel proprio bilancio 80 mila euro, pari a circa il 50% dell’importo complessivo, accollandosi quindi i costi di trasporto e di montaggio dell’opera- conferma Spacca- Stiamo anche valutando la possibilità di far rientrare le cifre che le Province di Ancona e Pesaro stanzieranno a loro volta, nel patto di stabilità verticale regionale, se quello nazionale dovesse costituire un ostacolo al cofinanziamento”.








Questo è un articolo pubblicato il 08-01-2013 alle 16:33 sul giornale del 09 gennaio 2013 - 4129 letture

In questo articolo si parla di attualità, mondavio, comune di corinaldo, corinaldo, Sudani Alice Scarpini, matteo principi, ponte sul Cesano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/HZF





logoEV
logoEV
logoEV