statistiche accessi

Affitti alle stelle, Confartigianato: 'Così muore il centro di Senigallia'

corso 2 giugno 2' di lettura Senigallia 07/01/2013 - Affitti alle stelle nel centro storico di Senigallia, fino a 60 euro al mese per metro quadro. Lo segnala la Confartigianato. Per una attività di 40 mq si arriva a dover pagare fino a 2.250 euro al mese – dichiara Giacomo Cicconi Massi, Segretario Confartigianato Senigallia.

Un esborso enorme. Se si aggiungono anche i costi in continuo incremento per tasse e tariffe locali, le bollette di luce e gas, i costi fissi esplodono. Negozi e botteghe che lavorano nel centro storico di Senigallia accusano il colpo. Pur di mantenere in piedi l’attività attingono anche ai propri patrimoni personali e familiari. Ma sono allo stremo. Per questo la Confartigianato chiede ai proprietari dei locali di calmierare i prezzi. I canoni di locazione pretendono troppo in raffronto alle possibilità economiche reali e molti negozi sono infine e purtroppo costretti a chiudere, messi in ginocchio dall’incapacità di onorare mensilmente la quota d’affitto.

Così il centro di Senigallia muore. Si moltiplicano i cartelli “affittasi” o “cedesi attività” e i locali sfitti crescono a dismisura. Nessuno si fa avanti perché l’alto costo dei canoni di locazione scoraggia chi vuole investire. Chi ha in animo di tentare, sul punto di aprire bottega si blocca una volta apprese le cifre esorbitanti richieste dal canone mensile. Qualche “temerario” ci prova comunque, apre l’attività, ma dati i costi e le difficoltà, anche questi pochi sono costretti a chiudere. Il commercio e le attività artigiane fuggono dal centro troppo caro e si rifugiano in periferia. Le vie storiche della città rimangono vuote. Per uscire da questa situazione serve un gesto concreto e immediato.

Confartigianato chiede che si apra un tavolo interassociativo aperto alle Istituzioni per cercare, attraverso un atto di responsabilità, di calmierare i prezzi richiesti come pagamento per il canone mensile così da ridurli a una somma accettabile e vicina alle possibilità reali delle imprese. La crisi ha svuotato le casse delle aziende, la liquidità a disposizione è scarsa. Ma la città ha bisogno di un centro vivo. Per questo chiediamo che le attività vengano messe in condizione di poter continuare a lavorare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2013 alle 16:36 sul giornale del 08 gennaio 2013 - 3226 letture

In questo articolo si parla di lavoro, confartigianato, economia, commercio, centro storico, senigallia, impresa, corso 2 giugno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/HW9





logoEV
logoEV
logoEV