Cicconi Massi sulla bufera Vendola-pervertito: 'Fusi Pecci ha il diritto di fare quelle dichiarazioni'

alessandro cicconi massi 1' di lettura Senigallia 21/12/2012 - E' polemica sulla spiaggia di velluto. Da destra a sinistra impazza lo scontro a seguito delle dichiarazioni rilasciate dal vescovo emerito di Senigallia mons. Oddo Fusi Pecci.

Il 92enne prelato senigalliese nel condannare le relazioni omosessuali perchè “contrarie al piano di Dio” e nell'etichettare le “rivendicazioni gay come manifestazioni del demonio”, ha apostrofato il governatore della Puglia Nichi Vendola come “pervertito”. Un'uscita, fatta al blog di apologetica cattolica Pontifex, che ha scatenato le reazioni del mondo della politica. Pesanti le critiche avanzate dal Pd e dal circolo Libertà e Giustizia.

Più “clemente” invece la posizione del centro-destra rispetto alle dichiarazioni di mons. Fusi Pecci. “Personalmente ritengo che in questo caso mons. Fusi Pecci ha semplicemente ribadito la posizione da sempre espressa dalla Chiesa sull'omosessualità -sottolinea Alessandro Cicconi Massi del Ppe-Pdl- la Chiesa ritiene che il matrimonio è fondato sull'unione tra un uomo e una donna ed è giusto che nel rivolgersi ai propri fedeli sia coerente con questo principio. Così come è normale che la Chiesa inviti i propri fedeli a non votare quei partiti che legittimano le unioni omosessuali. Per la Chiesa le unioni omosessuali sono un peccato e per chi ci crede così è. Penso che un esponente del clero, come il vescovo Fusi Pecci, abbia diritto a rilasciare queste dichiarazioni così come altri abbiamo poi diritto di contestarlo”.






Questo è un articolo pubblicato il 21-12-2012 alle 20:07 sul giornale del 22 dicembre 2012 - 5773 letture

In questo articolo si parla di alessandro cicconi massi, giulia mancinelli, politica, pdl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HzA


Solo diritto, credo anche il dovere.

Anche Hitler aveva il diritto di esaltare la sua razza... le conseguenze sono state agli occhi del mondo. Mi dispiace, ma l'ho detto e lo ripeto, queste condanne sono molto gravi, contrari ai veri principi di "giustizia e pace" (come citato da Odo). E lo dico da credente. Le parole che ha usato Odo sono pesanti. Non minime "bacchettate", che oltretutto non condivido, ma sulle quali si può discutere.

Su questo, a mio avviso, non esistono giustificazioni, mi dispiace.

ghost Utente Vip

22 dicembre, 09:43
"Così come è normale che la Chiesa inviti i propri fedeli a non votare quei partiti che legittimano le unioni omosessuali".

Mi permetta di dissentire, ma secondo me la Chiesa non dovrebbe proprio impicciarsi di politica, altro che invitare a votare questo o quel partito.

Oltretutto i prelati dovrebbero occuparsi di cose ben più serie e lottare per queste. Vedi la fame nel mondo, le guerre, ecc.
Invece mi risulta che se ne stiano al calduccio ricoperti di oro dedicando ai sofferenti tante belle parole o poco più.

Non vorrei essere blasfemo ma penso che a Dio (ammesso che esista) non importi proprio niente di chi va a letto con Vendola, ma prenderebbe volentieri a zampate nel culo la maggior parte dei preti.

E da una persona così solerte come Odo Fusi Pecci adesso mi aspetto un bel pensiero sui preti pedofili che vengono solitamente coperti e semplicemente spostati di parrocchia invece che condannati come si dovrebbe. Quelli non sono pervertiti?

giogo giorgio

22 dicembre, 10:23
Cicconi Massi...ecco NOI Italioti abbiam avuto la "grazia" di esser stati governati per oltre 11 anni da un sant'uomo cristiano-cattolico-irreprensibile...bravo marito,imprenditore generoso protettore di minorenni e di cricche varie,intrattenitore telegenico ed editore....disinteressato, scaltro fuggitivo alla giustizia,venditore di fumogeni iridati,propugnatore e guida (in prima fila con Bossi,Casini e Fini) al Family Day
...un VERO E FULGIDO ESEMPIO DI COERENZA CRISTIANA!!
Cicconi quand'è che vi cacceranno dal PPE sarà sempre in ritardo.
Quando avrete mai un "sussulto di dignità"???

Io sono per la libertà assoluta di qualsiasi soggetto di esprimere liberamente la propria posizione, che sia la Chiesa cattolica, o qualsiasi altra fede religiosa, gruppo o singolo cittadino. Ognuno poi sarà libero di seguire quelle indicazioni o di disattenderle.
Io sono favorevole ad una regolamentazione delle unioni omosessuali, ma non mi straccio le vesti davanti alla posizione della Chiesa cattolica.

Daria Utente Vip

22 dicembre, 10:58

Commento modificato il 04 gennaio 2013

Odo Fusi Pecci ha sbagliato molte cose, innanzi tutto i toni di condanna così duri verso le persone e non solo verso le idee. Perché le idee possono essere criticate e condannate senza problemi, le persone vanno sempre rispettate a prescindere.

Ma Fusi Pecci ha anche ragione su un punto: tra un uomo ed una donna possono nascere bambini. Tra due uomini o tra due donne no. Quindi è innegabile che tra il matrimonio etero e quello omo ci sia una differenza. Che ci sia una differenza ovviamente non vuol dire che uno sia giusto e l'altro sbagliato o da condannare, ma dire che siano la stessa cosa è semplicemente non vero.

Ma chi ha sbagliato veramente è Pontifex che ha intervistato un ultranovantenne e gli ha fatto dire delle cose scomode che l'intervistatore probabilmente pensa ma non ha il coraggio di dire di persona.

Invito chi accusa il Vescovo emerito a considerare come attenuante la sua età. Mi

Tutto fa brodo in campagna elettorale. Vero, Sig. Cicconi Massi?

Paul Manoni

22 dicembre, 15:59
@Daria
Argomentazione inconsistenti le tue.

Tanto per cominciare, anche le coppie etero, dove uno dei due partner è sterile, non possono avere figli. Pervertiti anche loro? Indegni di un matrimonio anche loro? Oppure, la "legge di dio" rigirata sul concetto di "diritto naturale" che evidentemente hanno rispolverato per l'occasione, e che viene in questo caso messo al servizio dell'ideologia religiosa cattolica per i loro beceri scopi intollerantis, prevede che una coppia formata da uomo (o donna) sterili, non si possano sposare?

Pontifex, ovvero il suo gestore Bruno Volpe, già attenzionato come stalker e persecutore nei confornti di una sua fiamma, intervistava Odo anche quando ancora era piuttosto arzillo, e vaneggiava circa il "ruolo biologico della donna, moglie e madre che deve rinunciare alla carriera", o circa il "Vasco Rossi demonio". Quel sito, peraltro un ".roma", è una fucina di intolleranza e discriminazione. Di esaltazione di concetti clerico-fascisti cattolici romani. Certe interviste le pubblica di proposito e con uno scopo ben preciso, e tutto ideologico.

All'inizio di una campagna elettorale, GUARDACASO prima il Papa attacca nozze gay, aborto ed eutanasia, ovvero le leggi laiche in agenda, e poco dopo Odo se ne esce a dare del pervertito ad un rappresentante delle istituzioni democraticamente eletto, che con tutta probabilità, sarà anche protagonista alle prossime elezioni...CHE TEMPISMO, vero???

A me pare proprio che Nazingher, o Odo che sia, abbiano "parlato alla nuora affinchè suocera senta". Il ruolo della suocera è ovviamente intrpretato da personaggi e partiti politici succubi e reverenziali nei confornti dei desiderata della Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Cicconi Massi ne è la dimostrazione più lampante, che si è buttato come un falco a difendere e "cointestualizzare" le infelici uscitine dell'emerito vescovo.

Questo giochino, ovviamente non lo paga solo il "pervertito" e demonizzato Vendola, o il suo partito SEL, ma lo paga anche il buon nome della città LAICA e CIVILE di Senigallia, finita sulle cronache di giornali nazionali, per delle dichiarazioni intolleranti, offensive e cariche di ODIO nei confronti di una minoranza.

La posizione "moderata e tollerante" di Cicconi Massi, il quale dice che la Chiesa deve essere libera di dare indicazioni di voto (chissà perchè!?), è SCONCERTANTE. Anzichè farvi raccontare BALLE da comici strapagati dalla tv di Stato, sulla Costituzione "più bella del mondo", fareste bene ad andarvela a rileggere. Perchè "Stato e Chiesa INDIPENDENTI E SOVRANI", deve essere sfuggita a parecchi evidentemente.

...E comunque non ci sarebbe niente di nuovo nemmeno in questa palese INGERENZA da parte della Chiesa o dei suoi prelati. Già nel lontano Luglio del 1949, le chiese pubblicavano sulle proprie bacheche, manifesti ed avvisi "sacri" contenenti la "SCOMUNICA AI COMUNISTI" (http://it.wikipedia.org/wiki/Scomunica_ai_comunisti).
Come si dice..."Nel segreto della cabina elettorale, dio ti vede, Stalin no!".

Questa sarebbe la "libertà" che abbiamo avuto da sempre a disposizione nel nostro paese. I ringraziamenti li dobbiamo alle nostre classi dirigenti, perennemente alle prese con lo scambio di favori, di voti e di desiderata, con una specifica religione, divenuta ormai palesemente privilegiata e carica di poteri terreni, tutt'altro che divini.

...E le critiche "pesanti" sarebbero quelle dei Giovani del PD, o del Circolo di Libertà e Giustizia? Mica quelle di Odo che si diverte a dare del pervertito vizioso arrogante e contronatura agli attivisti gay o a Vendola! Visto che ci siamo, possiamo benissimo raccontarci la frescaccia che Odo ha detto quelle parole "a sua insaputa"!

Carissimo Pelo59, io il brodo lo faccio per i tortellini a Natale e non per la campagna elettorale, cosa che mi interessa molto relativamente. Sono stato interpellato da VivereSenigallia ed ho espresso una mia opinione, mentre per GiogoGiorgio, vorrei ricordargli che il sottoscritto ha ormai da tempo fondato a Senigallia il gruppo del PPE in aperto dissenso con la linea politica nazionale del PDL.

Franco

22 dicembre, 16:02
Cara Daria, e se un coniuge è sterile??? Ci pensa la Sacra Ruota ad annullare il matrimonio??? Io credo che il rapporto fra due persone deve essere circoscritto alla coppia.
Per quanto riguarda la Chiesa, come mai ha appoggiato Berlusconi (Divorziato, Risposato civilmente, puttaniere; oppure Casini (convivente per anni!!, mafiosi, ladri, assassini, ecc.
Possibile che il vero grave problema siano solo Gay???? Vedo molta malafede!!!!!!!

Commento modificato il 23 dicembre 2012

Vedo un sacco di "vesti stracciate" da parte di persone che non accettano quello che ha detto un'altra persona.
Persone che possono ed hanno tutto il diritto di criticare, e non condividere, come ho io il diritto di non condividere quanto dicono, ma con modi che devono essere diversi da quelli che ho visto scritto: solita ripetizione dei preti pedofili (come se lo fossero tutti), solita questione della presunta ingerenza ecclesiastica (come se non dipendesse solo dal fatto che è la politica che è scaduta talmente in basso da non fungere più da guida e direttrice)e altre amenità che fanno di tutta l’erba un fascio.
Una persona ha espresso la propria libera opinione, su cui si può essere d’accordo oppure no.
Secondo il suo modo di pensare, una famiglia è una unione di persone destinate a far progredire la specie e tutto il resto è peccato, è ingiustizia: dal mio punto di vista è giusto riconoscere un ruolo più importante alle famiglie vere, che vanno aiutate di più in questo momento di crisi, ma NON è peccato che due persone dello stesso sesso stiano assieme.
Sarebbe pericoloso in gene

Franco

22 dicembre, 16:25
caro Daniele Sole, mi sembra ti sia sfuggito un piccolo particolare, il signor Vendola è stato definito "PERVERTITO", non credi che non si tratti solo di "espressione della propria libera opinione" ma di un vero INSULTO?
A questo punto per la mia libera opinione potrei dare a chiunque qualsiasi appellativo??? Prova a farlo con un Carabiniere la prossima volta che ti ferma!!!

Daria Utente Vip

22 dicembre, 16:09
Caro Paul, caro Franco, mi avete messo in bocca cose che non ho detto e poi le avete criticate. Francamente sono più o meno d'accordo con voi, ma non voglio entrare nel merito se non in un punto.

Sui matrimoni tra persone sterili, anziane, o semplicemente che non vogliono figli non so quale sia la posizione della Chiesa.
Io credo che lo Stato debba riconoscere diritti a tutti ma dare sostegno e vantaggi economici solo ai genitori, che siano single o sposati perché il soggetto debole sono i bambini ed solo loro che costituiscono una risorsa per tutta la società.

Se Fusi Pecci pensa che il matrimonio fuori dai suoi canoni sia una manifestazione del demonio è una sua opinione (la mia su di lui è che solo un povero vecchio privo di senno può parlare in questo modo). Se dice che qualcuno che non la pensa (e non agisce) come lui è un pervertito esprime un giudizio. Un giudizio pesante (anche se il soggetto in questione non merita tanta fama) che mi aspetterei di veder condannato da chiunque si prenda la responsabilità di rappresentare, in grande o in piccolo, poco o tanto, una società (o una parte di essa). Questo distinguo me lo sarei aspettato anche da Cicconi Massi.

Posso capire che l'aggettivo "pervertito" sia molto forte e che magari poteva dire la stessa cosa in modo diverso, ma concordo con Cicconi Massi sul fatto che questa è la posizione della chiesa cattolica sulle unioni gay da sempre. Possiamo condividerla o no, difenderla o criticarla, ma è un'opinione e come tale va rispettata. D'altra parte il vescovo non ha espresso giudizi sull'uomo politico in genere, sulla sua onestà ecc. Ha espresso un giudizio (forte) sul "cattolico" Vendola. E credo che come vescovo se lo possa pormettere. Ma scusate, se Vendola si fosse dichiarato musulmano invece che cattolico, e un Imam, a precisa domanda, avesse detto le stesse identiche cose che ha detto il vescovo (visto che anche nell'Islam l'omosessualità non è tollerata), ci saremmo scandalizzati così tanto? Non avremmo forse pensato: "saranno fatti loro"? E allora perché se un "capo" cattolico critica un suo sottoposto (e a noi, tutto sommato, degli insegnamenti della dottrina cattolica non interessa granché), ci animiamo tanto? A me sembra un controsenso, come sembra un controsenso (grave) che se qualcuno dichiara una cosa contraria alle mie idee io lo voglia azzittire. In effetti non è per nulla "democratico".

Paul Manoni

22 dicembre, 17:02
DIETROFRONT!
...Altrimenti le pecorelle scappano tutte, e ci tocca pure rincorrerle!!

http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=385979

Franco oh franco se uno dei due della coppia è strile e lo ha nascosto all'altro, quest'ultimo può chiedere l'annullamento con estrema facilità.
E poi facciamo basta.
Qundo i vescovi appoggiano le battaglie di sinistra per questi sono bravi, se poi toccano alcuni cavalli di battaglia di Vendola diventano demoni.
Decidete una volta per tutte.
Secondo me dicono quello che la loro e mia fede ci dicono.

Paul Manoni

22 dicembre, 19:18
@latotola, solo un raffinato teologo ecumenico come te, può avere l'arroganza di catalogare i DIRITTI degli individui, come argomenti di "destra" o di "sinistra".

ghost Utente Vip

22 dicembre, 21:32
Carissimo Daniele Sole, io non ho mai detto che i preti siano tutti pedofili. Ma semplicemente mi piacerebbe sapere se il caro Odo Fusi Pecci potrà definire questi come dei "pervertiti" al pari di Vendola. Come mai la Chiesa li copre e non li condanna? Come mai si interessa delle idee di una minoranza e non parla delle nefandezze di casa propria?

Mi viene da pensare che abbia ragione il sig. Manoni e questo muoversi "sotto elezioni" sia piuttosto sospetto.

Paul quando percorrerai anche tu come il tuo omonimo la strada per Damasco, visto che nei commenti di ogni comunicato ci sei tu devo dedurre che ti muovi tanto e prima o poi passerai di li. Non dire cose non vere: io ho detto, che fra le altre ho anche una laurea in Teologia con specializzazione in Ecumenismo e non di essere un teologo raffinato, se proprio mi vuoi catalogare puoi farlo come architetto o se ti piace di più un filosofo.
Fai tu. Ha masta essere rispettato come individuo tutto il resto è un per di più.
I diritti devono essere di tutti (come i doveri), dei cittadini di destra o di sinistra, la differenza è che voi in questo giornale state calpestando il diritto di espressione di un anziano e ribadisco anziano "ex" vescovo e di chi, a parte i termini e i modi, condivide il suo pensiero.
Adesso basta cercherò di ignorarti consideralo un mio regalo per le feste.

Paul Manoni

23 dicembre, 07:49
@latotola
Tu non conosci me, tanto quanto io non conosco te.
Tu hai detto di essere un "teologo ecumenico", mica me lo sono inventato. Timori di confrontarmi con laureati in teologi non ne ho mai avuti, e mi ci confronto quotidianamente. E comunque non giudicherei mai un individuo dalla o dalle sue lauree. Sarebbe come giudicare felice (positivamente) o infelice (negativamente), un ubriaco al bancone di un bar.

La strada percorsa dal "folgorato" di Damasco, evidentemente l'ho percorsa tanto tempo fà, e come vedi è un'esperienza che ha contribuito non poco a rendermi ciò che oggi, serenamente sono. Insomma, di lì ci sono già passato, e francamente l'ultima cosa farei sarebbe tornare da quelle parti, se capisci cosa intendo. Il vescovo che oggi da del pervertito (o stando alle ultime notizie, più precisamente del "depravato") a Vendola (o a chi per lui, fa poca differenza) lo conosco meglio di quanto tu possa pensare, visto che diceva messa con me a fianco.

In linea di massima, il rispetto lo do sempre quando lo ricevo. Regolati di conseguenza. Anche la libertà di opinione, espressione o critica...IO. Non metterei mai all'indice nessun libro...IO. Non picchetterei mai spettacoli, opere d'arte o comici satirici...IO.
Potrei farti una lista di un milione di circostanze in cui la Chiesa non si è limitata a calpestare la "libertà di espressione", ma è andata ben oltre, fino ad arrivare alla censura o all'eliminazione fisica di chi si era "espresso" toutcourt.

Mi riserverei semmai, di poter rispondere con altrettanta libertà di opinione, espressione e critica. Ma se alla base c'è rispetto. Cosa che in questa vicenda, ovviamente è venuta a mancare sin dall'inizio. O no!?

luciano costantini

23 dicembre, 07:49
quanto caos per il commento di una persona legata ad un periodo ormai trapassato e forse neanche troppo lucida. vendola come molti politici fa abbastanza schifo basta vedere gli scandali che lo hanno coinvolto se poi è bisex omosex o altro sono affari suoi. è un bravo affabulatore che predica molto bene ma razzola assai male basta informarsi sul web non è difficile, come quelli che lo stanno criticando. come si dice da noi discorre non è fatiga. giudichiamo chi ci governa o vuole governare per quello che ha fatto di positivo ed in questa vicenda di positivo non vedo molto.

Off-topic

Paul io ho detto che sono laureato in.........ed altro non che sono un fine teologo ecumenico.
C A P I S C I L A D I F R E N Z A ?
Io non voglio convincere nessuno e del fatto che tu sei ateo me ne sono fatto una ragione e credimi ci dormo tranquillamente sopra.
Hai ragione figurati tutti anche i bambini mi chiamano per nome non voglio essere ne chiamato dott, ne arch. ne fil. preferisco un bel SIGNORE.
Tu non mi conosci io invece so qualcosa di te, non molto, ma qualcosa so.
Faccio anche a te l'invito fatto ad Enea, che ne diresti di 4 chiacchiere davanti un aperitivo, se per te è tempo perso non mi offendo.
Di nuovo buona giornata.

Luca Antonietti

23 dicembre, 12:04
Articolo intelligente.
Posizione che condivido pienamente.
Un vero liberale non poteva esprimersi diversamente.

1. Vendola è un amministratore e andrebbe giudicato per questo;

2. L'alto prelato non ha diritto di definire pervertito un cittadino che ha un orientamento sessuale onesto (differentemente con i depravati pedofili che si annidano fra i preti o i cattolicissimi pluridivorziati che mantengono delle prostitute anche minorenni o uomini sposati che fanno la fila per andare a trans e lucidare il bastone di qualcunaltro);

3. Capisco che in una città provinciale come senigallia sia più sconveniente essere dei gay dichiarati e civili che degli "eterosessuali" criminali e strafottenti;

4. La posizione del clero sulla questione è irrilevante, dato che nessuno in italia ha commentato negativamente le scelte o le inclinazioni sessuali di un uomo onesto come vendola.

5. Vediamo di fare dei commenti un po' più adulti degni del 21esimo secolo piuttosto che di 4 contadinotti arricchiti con la capacità intellettuale che si ferma alla punto a metano.

Luca T.

23 dicembre, 15:07
Vedi caro e stimato Alessandro Cicconi Massi, tu hai ragione a sostenere che anche Mr Odo Fusi Peci ha diritto ad esternare il suo pensiero: ma si decidano se da cittadini italiani (e allora la questione fiscale andrebbe rivista!) o se da cittadini di uno Stato estero (quale quello del Vaticano è). Qui si tratta di Stato laico vs Stato confessionale, problema non solo di certi paesi mediorientali...
Sì, perché a parte la questione teologica dell'amore per il prossimo, del perdono & C. che sembra "un po'" lontana dalle parole trasudanti disprezzo e condanna dell'ex vescovo, qui la questione fondamentale è: che diritto ha la Chiesa cattolica di interferire e propinare continue ingerenze POLITICHE negli affari interni dello Stato Italiano? Se deve essere libera chiesa in libero stato, si preoccupino piuttosto della fine che fanno i soldi racimolati con l'8 per mille (solo il 5% destinato davvero ad opere di beneficenza ed il resto incamerato per le spese del clero!) per non dire di quel cancro che si ostinano a negare e addirittura minimizzare e coprire come la PEDOFILIA in casa propria!!! Usiamo la parabola biblica della trave e della scheggia nell'occhio altrui ed auguriamo a Mr Odo Fusi Peci un Buon Natale e che i suoi 92 anni gli facciano ancora riscoprire quell'istituto religioso e laico che è l'ESAME DI COSCIENZA.

Apprezzo l' intervento di tristalia che riporta la discussione ad argomenti seri. Ho trovato un articolo molto interessante che propone qualcosa di intelligente:
http://www.articolo21.org/2012/12/papa-benedetto-xvi-promuove-odio-nei-confronti-della-comunita-gay/

Rispondo al link di robucci con quest'altro link, che pure ho trovato interessante ed intelligente.
http://www.dirittodicritica.com/2012/12/17/gay-aborto-ferita-pace-ratzinger-48276/

Grazie Daniele Sole ma l' articolo non m' ha fatto molta chiarezza.
Nel sottotitolo scrivono:
Il papa non ha mai definito i matrimoni omosessuali una ''ferita della pace'', una frase nata chissà come che ha creato una polemica senza fine.
Nel virgolettato:
Anche la struttura naturale del matrimonio va riconosciuta e promossa, quale unione fra un uomo e una donna, rispetto ai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo insostituibile ruolo sociale.

Questi principi non sono verità di fede, né sono solo una derivazione del diritto alla libertà religiosa. Essi sono inscritti nella natura umana stessa, riconoscibili con la ragione, e quindi sono comuni a tutta l’umanità. L’azione della Chiesa nel promuoverli non ha dunque carattere confessionale, ma è rivolta a tutte le persone, prescindendo dalla loro affiliazione religiosa. Tale azione è tanto più necessaria quanto più questi principi vengono negati o mal compresi, perché ciò costituisce un’offesa contro la verità della persona umana, una ferita grave inflitta alla giustizia e alla pace.”.
Ratzinger a questo punto va anche oltre sua veste di "guida spirituale" e torna a spiegarci che la terra è al centro dell' universo e il sole gira attorno ad essa..ma non vale la pena di commentarlo ulteriormente.
Mi permetto invece di aggiornare con un altro link:
http://www.articolo21.org/2012/12/ma-il-vaticano-ha-benedetto-davvero-i-politici-delluganda/

Paul Manoni

24 dicembre, 15:42
@Daniele Sole
Ho il dovere di avvisarti che ci sei cascato anche stavolta tuo malgrado. Fatti una ricerca web sul giornalista che ha scritto quell'articolo su "dirittodicritica", che poi dovrebbe essere anche il direttore.
Sembra che ci sia una palese ed incontrovertibile "liaison" tra il "giornalista" in questione, e nientemeno che RADIO VATICANA (quella delle leucemie provocate dalle loro antenne, per capirsi).
Per citare qualche autorevole cattolico, mi voglio limitare a dirti che "A pensar male si fà peccato, ma il più delle volte ci si azzecca". ;)


@robucci
Adesso non esageriamo. il 5% dell'8x1000 sarebbe troppo criminale perfino per loro. Ad onor del vero, stando ai loro stessi resoconti, ne utilizzano il 17% per i poveri, e tutto il resto se lo pappano.

Ad aggiungo anche un'altra segnalazione. Se mastichi un pò di lingua inglese, cerca un articolo di quei "magiapreti" della BBC (!), sulla speeker del parlamento Ugandese, Sig.ra Rebecca Kadaga (ribattezzata KAGADA), sulla legge che stanno per approvareche e che chiamano "Kill the gay bill", e soprattutto sul fatto che questa legge, secondo la stessa Kadaga, dovrebbe essere il "Christmas-gift for cristians".

Aaaah, l'amore cristiano per il prossimo...! Oo

io non sono cattolico né cristiano e da buon non credente conosco molto bene sia la Bibbia che la dottrina cattolica; penso che Pontifex abbia ragione; tutte queste sciocchezze che la Chiesa si deve rinnovare, deve stare al passo coi tempi ecc. ecc. ma scherziamo, se la Bibbia è parola di Dio, se la Chiesa è la Chiesa di Cristo ispirata dallo Spirito Santo i precetti che si è data NON SONO NEGOZIABILI, sono quelli una volta per tutti. Se nella Bibbia c'è scritto che i miopi sono impuri, allora sono impuri, fine! Se nella Bibbia si dice che le adultere vanno lapidate, vanno lapidate senza tante chiacchiere, fine. E che, adesso ci mettiamo a discutere con i precetti della divinità?
Se qualcuno non riconosce questi precetti NON è CRISTIANO PUNTO, chi vuol essere cristiano deve rispettare tutto ciò che è nella Bibbia. C'è poco da discutere, o si è seri o si è schizofrenici!
La Chiesa non si deve aggiornare, ammodernare, secolarizzare altrimenti NEGA IL PRESUPPOSTO SU CUI PRETENDE DI ESSERE FONDATA.
Suvvia, ve lo devo dire io da outsider?

Caro Andrea,
l'insegnamento più importante di Gesù è l'amore. Se l'adultera per le scritture deve essere lapidata Gesù la difende e la perdona (e le dice anche di non peccare più).
Un cristiano può (e in alcuni casi deve) dire a chi sbaglia che secondo noi sbaglia, ma deve anche essere tollerante e continuare ad amare e rispettare quelle persone.

Se si leggono attentamente le dichiarazioni di Fusi Pecci non ci sono condanne per le persone ma solo giudizi sulle azioni.
Quello che non è cristiano, a mio avviso, è il tono cattivo di Volpe.

Paul Manoni

26 dicembre, 09:11
@dragodargento
Evita di raccontarti balle da solo, per autoconvincerti.

Human Right Campain ha denunciato come la Chiesa avrebbe speso oltre 2 milioni di dollari per la campagna elettorale CONTRO i matrimoni gay in Minnesota, Maryland, Maine e Washington. 5,2 i milioni raccolti e spesi da sue associazioni affiliate come "I Cavalieri di Colombo", il "National Organization for Marriage", ed altri, che fanno salire i finanziamenti per la campagna elettorale CONTRO, a 11,3 milioni di dollari (Cercati il link di Human Right Campain per verificare). Calcola che ne hanno spesi solo due di milioni di dollari, per i terremotati di Haiti, tanto per rendere l'idea.

Mi pare quindi che "i cristiani" vadano decisamente ben oltre il semplice "dire a chi sbaglia che secondo noi sbaglia" o il "dare giudizi" sulle azioni (che comunque non li riguardano minimamente a prescindere).

Stavolta la questione riguarda gli omosessuali ed i loro diritti, sui quali fortunatamente gli americani si sono espressi DEMOCRATICAMENTE, ma qualsiasi opinione si possa avere sull'URSS, la cosa è accaduta anche nei confronti della caduta del "blocco sovietico", quando "Mr. Santo Subito" Giovanni Paolo II, finanziava attraverso lo IOR, il sindacato polacco Solidarnosc...E chissà cos'altro hanno finanziato, che sicuramente non ti vengono a raccontare!

L'amore e la tolleranza che eventualmente ha insegnato l'UOMO Gesù Cristo, alberga decisamente altrove. Non certo nelle Chiese, o nelle sacre scritture (Bibbia), dove è praticamente ASSENTE.

Non ho mai detto che i cristiani siano coerenti con l'insegnamento di Cristo.

Ma questo insegnamento a cui ci ispiriamo è un messaggio di amore, non di odio. Su questo ne convieni?

Paul Manoni

26 dicembre, 11:30
@dragodargento
Wait a moment. Più che il ciò non hai detto, io ho commentato ciò che hai detto. Ossia, parole testuali: "Un cristiano può (e in alcuni casi DEVE) dire a chi sbaglia che secondo noi sbaglia" in aggiunta a "non ci sono condanne per le persone ma solo giudizi sulle azioni" riferito alle dichiarazioni omofobe e discriminanti, oltre che offensive e maleducate (deparavati, pervertiti, viziosi, arroganti, ecc, ecc).

Che gli insegnamenti di Cristo non vengano "coerentemente" seguiti da chi dice di credergli, o chi si definisce suo seguace, non è una novità che si possa dare come scoop o notizia. E' un dato di fatto.

Ad ispirare il mio amore o la mia tolleranza verso il prossimo, non sono gli insegnamenti di Gesù Cristo, perchè è ovvio che "L'etica della reciprocità" (o "regola d'oro"), veicolino un messaggio d'amore e non di odio. Evitiamo domande retoriche.

Il problema semmai si manifesta quando si sente l'esigenza che qualcuno te la insegni pure (!), o venga applicata in quanto insegnata da il "tizio-caio" di turno. Non c'è, e non c'è mai stato in tal senso, il bisogno di un Gesù Cristo per diffonderla oapplicarla. Tantopiù che è nata parecchio, ma parecchio prima di Gesù...!

E' un codice etico UNIVERSALE in base al quale ciascuno ha diritto a un trattamento giusto e il dovere e la responsabilità di assicurare la giustizia agli altri. Convivenza pacifica. Giustizia. Amore per il prossimo. Buonsenso. Rispetto reciproco. Libertà. Uguaglianza, e Diritti Umani a coronamento del tutto.

Tutte cosine che non necessitano, o meglio, non dovrebbero necessitare di un "maestro" o di una religione che te la proprini. Ci si arriva come UOMINI in completa autonomia.

Adesso chiediti come mai molti cristiani, in primis i rappresentanti di un UOMO che spacciano per "figlio di dio", non solo sentano l'esigenza di far passare tutto questo come "un suo insegnamento", ma siano i primi anche a non applicarlo..?

Vediamo un pò se riusciamo a venierne a capo...

Quanto al non applicarlo la risposta è facile: è difficile.
Quello è l'insegnamento di Gesù. Se qualcuno lo ha detto prima non cambia molto la sostanza: non c'è copyright sul bene. Quello che conta è se questo insegnamento viene messo in pratica o no. E purtroppo non lo ė nella maggioranza dei casi, tra i cristiani e tra i non cristiani.

@Paul Manoni
Forse mi confondi con qualcun altro perchè non ho fatto riferimento nè all' 8x1000 nè alla percentuale che va a buon fine.

Grazie per la segnalazione dell' articolo.
Ciao

Paul Manoni

27 dicembre, 03:54
@dragosargento
Anche no. L'etica della reciprocità non è un insegnamento di Gesù.
Sei secoli(!) prima che lui nascesse, già Talete, Pittaco, Isocrate nella Grecia Antica, e Confucio nelle filosofie orientali, avevano insegnato ai loro contemporanei ed ai loro posteri questo principio morale fondamentale. Parte di questo principio, sebbene con formule e parole diverse, vengono riscontrate anche nei precetti del karma buddista.

Nessun copyright sul bene e sull'amore per il prossimo come ti ho detto anchio, in quanto valori umani universali, ma la sostanza cambia, ed anche di parecchio, quando si ha l'intenzione palese di attribuire la paternità di questo principio ad altri, esattamente come stai facendo tu, dicendo che quell'insegnamento è di Gesù". Insomma, scippare il merito di aver propagandato questo valore morale fondamentale ad altri, e darne una falsa paternità a chi magari lo hanno solo ereditato e riproposto, è già un buon modo per non apllicarlo.

@robucci
Domando scusa. I tanti commenti mi si sono evidentemente sovrapposti.
E' stato "Luca T." a parlare del 5% dell'8x1000 infatti.
Ad ogni modo, anche se gli ho scippato la paternità del commento, attribuendolo ad altri, la sostanza non cambia. :D

@Paul
A volte parlare con te è frustrante, non capisco se non ci arrivi o sei fai finta di non arrivarci.
Non siamo a scuola: se Gesù ha copiato il compitino da Budda o da Talete la maestra non gli darà un'insufficienza.
Gesù ha detto quelle cose. Cose che sono insegnamenti d'amore e non di odio.