Senigallia: rissa al Gratis Club, arrestati tre marocchini

Polizia di notte 2' di lettura Senigallia 11/11/2012 - Chiamano la Polizia per impedire l'accesso nel locale a tre extracomunitari ubriachi e scoppia la rissa. È stato un sabato notte movimentato quello andato in scesa, quasi a fine serata, al Gratis Club di viale Bonopera.

Intorno alle 3 di notte alla porta del locale si sono presentati tre extracomunitari in evidente stato di ebbrezza. All'ingresso il personale addetto al controllo del circolo Arci ha fermato i tre marocchini perchè, oltre che ubriachi, anche sprovvisti della tessera di ingresso al circolo. Ad un primo invito della vigilanza ad allontanarsi i tre extracomunitari hanno reagito come se niente fosse e anzi hanno cercato di entrare comunque all'interno del locale.

All'ingresso sono intervenuti anche i titolari del Gratis Club ma la situazione non è cambiata. I tre, anche in preda ai fumi dell'alcol, di andarsene proprio non ne volevano sapere. A quel punto (nel frattempo si erano fatte già le 3,30) i titolari hanno chiesto l'intervento della Polizia. Sul posto è intervenuta una volante. Alla vista dei due agenti però i tre magrebini hanno reagito anche peggio.

Immediatamente si sono scagliati sui poliziotti aggredendoli con calci e pugni. Per aiutare i poliziotti a bloccare i tre esagitati è intervenuta una seconda pattuglia. A quel punto i tre extracomunitari sono stati fermati e arrestati per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Identificati, i tre marocchini di 22, 26 e 29 anni, risultato tutti pregiudicati e già noti alle forze dell'ordine per l'impiego di vari alias. Uno di loro in particolare era stato, nei mesi scorsi, già riaccompagnato nel centro di accoglienza dove aveva chiesto, senza ottenerlo, asilo politico.

Due dei tre sono rimasti nelle camere di sicurezza del Commissariato di Senigallia mentre il terzo è stato trasferito ad Ancona in attesa del processo per direttissima previsto per oggi. I due Poliziotti hanno invece riportato ferite guaribili in sette giorni.


di Marco Vitaloni e Giulia Mancinelli
redazione@viveresenigallia.it





Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2012 alle 16:55 sul giornale del 12 novembre 2012 - 2652 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, rissa, marco vitaloni, circolo arci gratis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/FUI


certo che è un problema!
non vorrei essere nei panni delle forze dell'ordine in queste circostanze!

secondo me gli agenti mandati ad affrontare queste situazioni devono essere bene allenati , devono essere in gruppo numeroso , non devono avere paura , e sopratutto devono colpire per primi anzichè essere colpiti
scusate lo sfogo

Sì;ma proprio sì. Dovrebbero agire in questo modo. Sono serio.Se vai da persone imprevedibili ci vai in forse senza inghippi procedurai. Se la gente sa a cosa va icontro, al non poter fare quello che vuole e magari in quello che vuole,includo l'uso di vetri, coltelli... Se la gente sapesse a cosa andrebbe incontro, non gli passerebbe per la testa nemmeno dopo litri di alcool di fare così . La legge italiana è molto carente . Questo vale per tutti,ma non si puà non dire che cose del genere riguardano molto persone di origine magrebina.In proporzione. Poi di sciagurati ne esitono tanti altri , sotto varie sfumature , senza distinguo di nazionalità.E magari pure "dabbene"; questo molto spesso.

Io vorrei che i recidivi fossero accompagnati non al centro di accoglienza, ma direttamente nella loro madrepatria. Chiedo troppo?

totalmente d'accordo con mariangela, è anche auspicabile il trasporto a spese del governo del loro paese e che scontino la pena secondo le leggi vigenti là.

lbenvenuti

12 novembre, 10:32
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Vorrei fare i miei complimenti agli Agenti intervenuti. Se poco poco avessero reagito o al limite si fossero solo difesi, oggi sarebbero su Youtube con i commenti dei bravi ragazzi che frequentano il Gratis: "La violenza della Polizia" - "Poveri immigrati picchiati selvaggiamente" e così via dicendo.

Mi piacerebbe vedere questi "signori", che spadroneggiano solo qui da noi protetti in tutto e per tutto dalle nostre leggi, se si trovassero a che fare con due poliziotti Statunitensi, con le loro regole di ingaggio. Sai che ridere!!!!

Angelo D.

12 novembre, 12:03
Mi piacerebbe conoscere a questo proposito l'opinione dei difensori a oltranza degli extracomunitari (mi riferisco a ACADAS e Multietnica che nei giorni scorsi hanno scritto su V.S.).

Kit Utente Vip

12 novembre, 12:18
Non è necessario andare in America, basta andare nella vicina Germania..........

Ha ragione la signora Paradisi. Ma che ne pensa il buon Volpini?

Visto che c'ero, vorrei aggiungere degli elementi.
Innanzitutto vorrei dire che ad un certo punto erano presenti:una pattuglia di Polizia (primi ad intervenire), una pattuglia della Finanza (era ferma alla stazione ed è stata allertata dal gestore del Gratis) due di Vigili Urbani, una di Carabinieri ed un'ambulanza. I tre nordafricani hanno preso delle belle mazzate coi manganelli, meritate. Di "bravi ragazzi che frequentano il Gratis" ne erano presenti almeno una trentina e nessuno ha ovviamente detto nulla alle forze dell'ordine.
La situazione poteva essere gestita un po' meglio, tipo manette e via, mentre il più scatenato è stato ammanettato dopo mezz'ora di follia e con le mani davanti!!
Per quello che riguarda i video con i telefonini, sono state addirittura le forze dell'ordine a chiedere se qualcuno aveva filmato in modo da avere una testimonianza dell'accaduto, ma nessuno lo aveva fatto...
Giusto per dovere di cronaca.

Tre persone ubriache hanno fatto casino e dato fastidio.
Il resto, i vari altri discorsi non contano.
E adesso pagheranno come avrebbe pagato una qualsiasi altra persona al loro posto.

Su questo non sono d'accordo. Se dovessero pagare sanzioni o rimborsare eventuali danni, non lo faranno mai. A differenza di qualsiasi altra persona.

Pagare a termini di legge: in galera a farsi passare certe idee.