contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > LAVORO
comunicato stampa

Castelleone di Suasa: l'11 novembre la giornata del Mutilato del Lavoro provinciale

4' di lettura
604
da Anmil
www.anmil.it

La “Giornata” è dedicata alle vittime degli incidenti sul lavoro, alle loro famiglie ed ai tanti infortunati che dal lavoro sono stati traditi. O meglio non dal lavoro sono stati traditi, ma dall’inosservanza delle norme che tutelano la sicurezza dei lavoratori.

Nel nostro Paese queste norme sulla sicurezza del lavoro troppo spesso sono considerate delle semplici noie, costose in termini di denaro e di tempo.
Quello che manca è appunto la cultura della prevenzione, come molto spesso ho ribadito nei miei discorsi, occorre uno sforzo verso la formazione continua delle nuove generazioni verso la prevenzione, in modo che essa entri nel loro stesso modo di pensare.

Devo inoltre sottolineare come gli incidenti siano troppo spesso legati al lavoro nero, una piaga nel territorio che si deve fare di tutto per arginare. Dobbiamo soprattutto creare degli spazi per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro, per evitare che la nostra bella terra marchigiana diventi una grande casa per gli anziani. Occorre non arrendersi mai, insistere e lottare, e qui l’impegno dell’ANMIL che lotta e non si arrende, per raggiungere il suo fine ultimo che è quello di gridare a tutti che il lavoro si vive e non si muore. Mai più dunque morti bianche.

Ma in questo momento così difficile per il nostro Paese, che vede colpire maggiormente le persone che già erano in difficoltà o i più deboli, è nostro dovere attivarci ancora di più, intensificando la nostra presenza su tutto il territorio provinciale al fine di poter essere vicini alle necessità di chi purtroppo è rimasto colpito da un infortunio o da una malattia professionale ed ai loro famigliari. Per questo abbiamo intensificato l’attività di sportello in Sede e sul territorio provinciale: per questo dobbiamo ringraziare le Amministrazioni comunali che ci concedono i locali e l’impegno dei nostri volontari Delegati di zona che sono il punto di forza della nostra Associazione. Lo sforzo fatto sino ad oggi ci consente di avere gli strumenti per rispondere con efficacia a più esigenze, attraverso l’attivazione di servizi qualificati quali il Servizio di Assistenza Fiscale gratuito per i nostri soci e famigliari, l’Assistenza legale e medico legale e tutti i servizi offerti dal patronato ANMIL.

Sul piano delle nostre rivendicazioni, consapevoli delle difficoltà del momento, continueremo a batterci per il superamento delle numerose criticità relative al sistema degli indennizzi, l’abolizione del divieto di cumulo tra le prestazioni liquidate dall’INPS e la rendita INAIL che ha per oggetto lo stesso evento invalidante; la riforma del sistema di indennizzo del danno biologico; lo sblocco dei fondi previsti dall’art. 4 della legge 68/1999, finalizzati alla riqualificazione professionale degli invalidi del lavoro; interventi mirati in favore dei Grandi invalidi del lavoro per quanto riguarda le esigenze di cure sanitarie, rieducative, l’assistenza domiciliare per supportare e sostenere le famiglie e l’assistenza psicologica per le vittime di infortuni come parte integrante delle prestazioni sanitarie.

Sul piano della sicurezza nei luoghi di lavoro, per contrastare la piaga sociale che conta in media 3 morti al giorno, sono indispensabili investimenti e non tagli, volti a costruire una solida cultura della sicurezza tra i lavoratori e tra gli studenti attraverso le scuole, ma anche per spingere le imprese a scegliere di lavorare nel rispetto della vita e della salvaguardia di tutti i lavoratori, offrendo in particolare alle piccole imprese supporto e sostegno qualificato su quanto previsto dalla normativa in materia di prevenzione degli incidenti nei luoghi di lavoro.

Voglio infine comunicarvi che i decreti ministeriali emanati in data 1° Gennaio 2012 per la rivalutazione delle prestazioni economiche erogate dall’INAIL del 5,68% sono stati registrati presso la Corte dei Conti in data 4 luglio u.s. e pubblicati sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (tale pubblicazione per gli enti pubblici obbligati sostituisce la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale agli effetti della pubblicità legale e della entrata in vigore) e pertanto i nuovi ratei potrebbero essere erogati già a decorrere dal 1° Novembre 2012.

Voglio ricordare a tutti gli infortunati del lavoro che le conquiste non piovono mai dal cielo, ma sono il risultato di dure battaglie associative. Ed è per questo che associarsi all’ANMIL è un dovere, basterebbe che ogni associato ne faccia tesserare un altro per raddoppiare la forza associativa.

Invito pertanto tutti gli associati ed i loro famigliari a partecipate Domenica 11 Novembre 2012 a Castelleone di Suasa alla “Giornata del Mutilato del Lavoro” che sarà svolta in concomitanza alla “Giornata dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate”per dare voce a tutti quegli infortunati che vorrebbero dire e purtroppo non dicono e per ricordare che gli infortunati del lavoro hanno una propria dignità, una loro vita e loro speranze ma anche per ricordare tutti quei lavoratori che ogni giorno combattono sulla trincea del lavoro.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2012 alle 23:00 sul giornale del 29 ottobre 2012 - 604 letture