contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Volpini sulle aree a luci rosse in città: 'No al rifiuto a priori'

2' di lettura
2317

fabrizio volpini
Il Comune apre al dibattito sulla possibilità di istituire “aree a luci rosse” in città. La proposta sollevata dal consigliere del Pdl-Ppe e vice presidente del Consiglio Comunale Alessandro Cicconi Massi non si infrange contro un muro. Tutt'altro.

Il riemergere del fenomeno della prostituzione lungo le strade cittadine, dopo qualche anno di apparente latitanza, ha riproposto con forza il problema che è anche di carattere sociale. Gli ultimi blitz dei Carabinieri hanno evidenziata un quadro caratterizzato dalla presenza di prostitute provenienti quasi esclusivamente dall'est Europa che, a differenza di qualche anno fa quando la tratta coinvolgeva ragazze nigeriane, “vantano” un'attività “autonoma” anche piuttosto redditizia con picchi di 5 mila euro al giorno. Dal Pdl-Ppe arriva la proposta di creare della aree ad hoc “controllate per l’esercizio della prostituzione”.

“La prostituzione è un fenomeno complesso, la cui soluzione richiede approfondimenti, anche con l'ausilio di esperti per capire le varie dinamiche -afferma l'assessore ai servizi alla persona Fabrizio Volpini- in questo senso, qualunque intervento un'Amministrazione voglia intraprendere, dobbiamo essere affiancati da persone esperte del settore che ci orientino verso le scelte migliori. Io non escludo a priori l'ipotesi avanzata da Cicconi Massi ma dico anche che la ghettizzazione del fenomeno in un'area della città non basta per risolvere il fenomeno della prostituzione”.

A frenare gli “entusiasmi” però ci si mettono i vincoli di bilancio. “Non dobbiamo poi dimenticare che per azioni e interventi servono risorse che in questo momento sono sempre meno -aggiunge Volpini- dalla morte della prostituta nigeriana avvenuta lungo la strada della Bruciata alcuni anni fa, allacciamo rapporti con associazioni che si occupato della tratta delle schiave del sesso, l'associazione Free Woman di Ancona. Le attività instaurato nel tempo sono venute meno proprio a causa della mancanza di fondi ma si potrebbe riprendere l'argomento ragionando anche insieme ad altri comuni”.



fabrizio volpini

Questo è un articolo pubblicato il 11-10-2012 alle 17:13 sul giornale del 12 ottobre 2012 - 2317 letture