contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CRONACA
articolo

Cubana arrestata per furto: condannata a 15 mesi

2' di lettura
970

Aula di tribunale
Ha patteggiato 15 mesi di reclusione, da scontare agli arresti domiciliari, e una multa di 600 euro la cubana accusata di essere l'autrice, insieme ad un complice ad oggi ancora latitante, di una serie di furti messi a segno tra Senigallia e Marotta nel mese di settembre.

Gabriela Jacqueline Gutierrez, 23enne cubana residente a Milano, è comparsa ieri davanti al giudice unico Antonella Marrone del Tribunale di Senigallia, dopo il rinvio del processo avvenuto alla fine del mese scorso. La giovane, per altro già nota alle forze dell'ordine per l'utilizzo di numerosi e diversi alias, si era resa protagonista di un rocambolesco inseguimento da parte dei Carabinieri di Senigallia il 1° settembre scorso.

I militari, allertati a seguito di alcuni furti commessi ad opera di un uomo e di una donna visti a bordo di un'auto bianca, avevano intercettato una Polo Volkswagen lungo la statale nord. Auto che non si era fermata all'alt intimato dai militari. Di qui l'inseguimento lungo a statale, con la Polo che ha percorso a tutta velocità per tre volte la statale nord zigzagando pericolosamente fra le auto, e conclusosi con il fermo della vettura in un'area di servizio.

A quel punto però, mentre l'uomo che era al volante è riuscito a darsi alla fuga a piedi, la cubana è stata bloccata dai carabinieri. A bordo dell'auto era stata trovata la refurtiva appartenuta a diversi furi messi a segno nei giorni precedenti sia a Senigallia che a Marotta. I Carabinieri di Senigallia avevano raccolto anche tre denunce per furto da parte di altrettante persone derubate delle loro borse. Per la donna erano così scattate le manette con l'accusa di furto continuato ed aggravato e ricettazione.



Aula di tribunale

Questo è un articolo pubblicato il 11-10-2012 alle 23:55 sul giornale del 12 ottobre 2012 - 970 letture