contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Paradisi sul Giudice di Pace: 'Disattese le mie richieste'

1' di lettura
500

da Roberto Paradisi
Coordinamento Civico
librobianco-senigallia.blogspot.it

 


roberto paradisi
A distanza di quasi un mese dalla mia richiesta urgente di convocazione della Commissione affari istituzionali per assumere decisioni definitive sul rispetto dell’ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio comunale che prevedeva la salvezza dell’Ufficio del Giudice di Pace, sindaco, presidente del Consiglio Comunale e presidente di commissione tacciono.

Tutto ciò in violazione dell’art. 25 del regolamento del Consiglio comunale che obbliga il presidente a convocare la commissione nella prima seduta utile successiva alla richiesta di un consigliere comunale. Fatto ancora più grave se si pensa che il Consiglio comunale, all’unanimità (voto del sindaco compreso) aveva impegnato la Giunta a realizzare un consorzio tra Comuni per assumere su di sé gli oneri per il mantenimento del presidio giudiziario.

Si tratta di una omissione istituzionale di particolare gravità. Peraltro avevo chiesto, atteso che i termini per formalizzare il Consorzio al Ministero sono ormai particolarmente stretti, di invitare tutti i sindaci del comprensorio che avevano aderito all’iniziativa. Non voglio pensare nemmeno all’ipotesi che il sindaco Mangialardi stia temporeggiando per arrivare ad una situazione di “non ritorno” e poi magari giurare alla città (come è solito fare) che non è colpa sua.

Per questo ieri ho ufficialmente diffidato il presidente della Commissione consiliare e il presidente del Consiglio comunale a rispettare il regolamento e a convocare entro 24 ore la commissione. Ognuno dovrà assumersi, in questa vicenda in cui in tanti sembrano scimmiottare atteggiamenti pilateschi, le proprie responsabilità di fronte alla città nel caso in cui dovesse essere soppresso anche l’ultimo presidio di giustizia.



roberto paradisi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-10-2012 alle 16:53 sul giornale del 11 ottobre 2012 - 500 letture