Amici della Foce del fiume Cesano, 'Spendere i soldi per le opere pubbliche, non per i fuochi'

amici della foce del fiume cesano 3' di lettura Senigallia 25/08/2012 - A fuochi temporaneamente spenti e quasi al margine della stagione estiva forse è possibile dialogare più pacatamente. Vorremmo partire dalla nostra località di Cesano, dove prevalentemente viviamo, per accennare ad alcuni problemi come spunto di riflessione e magari per risolvere alcune storture che a nostro avviso rispecchiano ancora i vecchi metodi di una politica che pensavamo superata.

Partiamo dalle recenti polemiche sui fuochi d’artificio che da Cesano, per la prima volta nella storia dei fuochi, non sono stati minimamente percepiti nello scontento generale di migliaia di persone provenienti anche dall’entroterra, realizzati con i soldi pubblici, in questo periodo di magra con tanta gente senza lavoro. Piuttosto ci chiediamo: non sarebbe meglio utilizzare tali risorse per realizzare opere pubbliche che porterebbero beneficio anche al turismo per diversi anni? E sì che ne avremmo proprio bisogno !

Ad esempio: anziché bruciare in pochi minuti migliaia di euro, si potrebbero costruire, magari nell’arco di due o tre anni, vere piste ciclabili, marciapiedi degni di questo nome, come quello necessario a Cesano nella Piazzetta a mare, ridotto ormai ad un salto ad ostacoli. Oppure il mancato collegamento della stessa frazione con la Strada Prima e il Lungomare Mameli, che impedisce alle famiglie di fare una passeggiata con i loro figli lungo il tratto di spiaggia o l’accesso ad un invalido in carrozzella.

Non sarebbe più efficace ed interessante, anche come spot pubblicitario, promuovere le scelte che il Comune di Senigallia ha compiuto nel favorire la recettività e la vivibilità dei residenti e dei turisti, come opere accennate, per rimanere nel contesto dell’attività turistica e della nostra spiaggia ?
Ma per fare certe scelte occorre il confronto e l’ascolto di suggerimenti (anche da chi potrebbe sembrare un semplice scocciatore). Occorre la partecipazione si sarebbe detto un tempo. A proposito: che fine ha fatto nel nostro Comune il confronto con i cittadini dopo la chiusura delle Circoscrizioni? Si pensa che, per i cittadini, sia sufficiente il rapporto con il Consigliere (quando si trova e ti ascolta), con l’Assessore, il Sindaco o qualche conoscenza delle stanze che contano, in una città di oltre quarantamila abitanti?
Altra osservazione. E’ possibile continuare ancora nelle politiche di sperpero delle risorse con tanti manifesti, depliant o libricini sulle singole iniziative che ogni Comune delle nostre Valli continua a pubblicare?

Non sarebbe più opportuno ed efficace mettere in rete tutto questo, produrre un opuscolo con l’insieme delle varie iniziative che offrirebbe maggiore scelta all’interessato (turista, o altro) ed una visone comprensoriale che valorizzi la costa e l’entroterra come di fatto già avviene, ma per volontà di pochi coraggiosi e non per le strategie degli amministratori? Tema questo tante volte sbandierato come una vera opportunità per il rilancio del turismo, ma mai realmente concretizzato.
Insomma, crediamo che sia necessario ed urgente uscire da questa strettoia con più coraggio, aprire il confronto con tutti i rappresentanti politici e con i vari operatori della cultura, del turismo e delle attività economiche, intesi sia singolarmente come persone che come soggetti di rappresentanza sindacale o professionale. In questo modo sarà possibile fare scelte che tengano conto della crisi economica e sociale, proponendo scenari di più ampio respiro che ridiano alla nostra città ed alle valli quel primato della vacanza per riposare, per confrontarsi sulla cultura, per amare l’ambiente e uscire dallo stupido consumismo e dalla frenesia dello sballo, che ha già procurato tante teste vuote da far spavento.

Occorre un visione d’insieme e la capacità di guardare avanti senza remore e senza presunzione !






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-08-2012 alle 11:09 sul giornale del 27 agosto 2012 - 2100 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, associazione amici della foce del fiume cesano, amici della foce del fiume cesano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/C85





logoEV
logoEV