contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CULTURA
comunicato stampa

Le ceramiche, le pietre e i bronzetti: una mostra a cento anni dalla nascita di Guido Rossini

3' di lettura
2939
da Pro Loco Senigallia

guido rossini
La mostra “Le ceramiche, le pietre e i bronzetti”, dedicata all'opera del ceramista e scultore senigalliese Guido Rossini, si terrà dal 1° al 16 settembre presso la “Sala del Fico” di Palazzetto Baviera, in via Manni a Senigallia.

La mostra, organizzata dalla Pro Loco di Senigallia, insieme alla famiglia dello scultore, con la collaborazione del Comune di Senigallia e del Prof. Carlo Emanuele Bugatti del Museo dell'Informazione, vede l'eposizione di 25 opere selezionate. "Lo scopo è quello di ricordare e mantenere viva la memoria dell'opera di Rossini- annuncia Umberto Solazzi, presidente della Pro Loco di Senigallia- Un artista conosciuto all'estero ma spesso sconosciuto tra i suoi concittadini". "Per questo è importante realizzare eventi e mostre come questa- aggiunge il sindaco Maurizio Mangialardi- Un artista di qualità poco conosciuto a Senigallia deve essere valorizzato come merita". "Sono gli uomini e i personaggi come lui che fanno la storia e l'eccellenza della città"- conclude l'assessore alla cultura Stefano Schiavoni.

Guido Rossini nasce a Castelcolonna il 13 settembre del 1912 e inizia i primi studi artistici presso l'Istituto d'Arte di Fano, seguendo il corso di scultura del Prof. Silvio Ceccarelli di Senigallia, di cui frequenta anche lo studio per alcuni mesi. Dal 1941 è insegnante prima presso la Scuola Industriale di Ancona, poi presso l'Istituto Podesti. Nello stesso periodo consegue il diploma al Corso Superiore presso l'Istituto d'Arte di Perugia.

Durante la sua permanenza in Umbria, Rossini approfondisce lo studio della ceramica e visita le fabbriche e i laboratori di Perugia, Deruta e Gualdo. Nel gennaio del 1946, Guido Rossini inizia la sua attività di ceramista nello studio-laboratorio di via Foscolo, a Senigallia. Sono i difficili anni del dopoguerra, ma l'artista, instancabile e coraggioso, porta avanti il suo lavoro con serietà, impegno e professionalità. Il laboratorio di via Foscolo diventa punto di incontro e scambio di idee con altri artisti e personalità, tra cui il Marchese Alessandro Baviera, Dante Panni, Giorgio Ciacci, Romolo Augusto Schiavoni, Mario Giacomelli, Vittorio Luzietti, Guglielmo Vecchietti e gli artisti fanesi Spezi, Bacchiocchi, Ferretti e Bruno Radicioni. Nell'opera di Guido Rossini sempre viva sarà nel tempo la ricerca della materia, con l'accostamento e la combinazione di smalti e crete in ceramica, le pietre scolpite e le fusioni in bronzo. Nelle ceramiche, nelle pietre e nel bronzo rivivono la sensibilità e l'interiorità dell'artista. Le forme i colori, i soggetti si fondono in un'unica armonia di stile, di ricerca, di curiosità. In queste continue ricerche, l'artista si evolve ed interpreta nuove realtà e possibilità espressive.

Le opere, realizzate con le antiche tecniche della ceramica, della maiolica, della terra cotta patinata, hanno una forza originale e irripetibile. Le pietre e i bronzi, a cui Rossini si dedica quando è ormai nella piena maturità artistica, riflettono anch'essi la ricerca di nuove forme e di conoscenza della materia in tutte le sue possibilità espressive. Numerose sono state negli anni le mostre di Rossini in Italia. Le sue opere si trovano in diversi luoghi pubblici, musei e chiese a Senigallia e in altre città italiane, oltre che presso numerose collezioni private in Italia e all'estero. Guido Rossini lavora fino alla metà degli anni Novanta, si spegne a Senigallia il 5 luglio del 2002.



... guido rossini
... guido rossini


guido rossini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-08-2012 alle 17:10 sul giornale del 25 agosto 2012 - 2939 letture