statistiche accessi

Fuochi d'artificio, Battisti e Mancini: 'Nel 2012 spesi 60 mila euro, non 6 mila'

fuochi d'artificio 2012 5' di lettura Senigallia 23/08/2012 - La polemica sui Fuochi di Artificio del 21 agosto, che ha coinvolto tutta la città, ci obbliga ad intervenire sia per dire la nostra sulla scellerata scelta di far svolgere la serata dei fuochi nella location della Rotonda, sia per le dichiarazioni del Sindaco, che ieri ha tenuto a scrivere un articolo in merito.

Quando Mangialardi scrive un comunicato per spiegare le decisioni sbagliate prese da lui stesso peggiora solo la situazione. Ma procediamo per gradi. Sia l’altro ieri, subito dopo lo spettacolo pirotecnico, che ieri sui giornali online e sui social network, abbiamo constatato che la decisione di spostare lo spettacolo pirotecnico sul mare dal Molo alla Rotonda ha deluso migliaia e migliaia di persone, che come ogni anno si sono presentate nella spiaggia di Ponente (e che hanno visto poco o niente) ignare del fatto che il Sindaco (che non è un Podestà, ma si comporta come se lo fosse) aveva cambiato idea in poco tempo (e dopo spiegheremo il perché). Da qui il primo grave errore dell’Amministrazione, quello della mancanza di una adeguata comunicazione sullo spostamento dell’evento. A parte i senigalliesi, che comunque sono stati avvisati male e in ritardo, le altre persone che venivano da fuori? Come si fa a spostare un evento che si svolge nello stesso posto da decenni senza una adeguata preparazione “mediatica” di mesi?

La situazione è peggiorata anche perché i fuochi sono stati sparati ad una altezza inferiore a quella di tutti gli altri anni, e questo ha penalizzato anche tutti coloro che li guardano da sud ad una certa distanza dalla Rotonda: già dal Ciarnin si vedeva poco e male. Non è stata la serata dei fuochi solo la delusione per decina di migliaia tra turisti e senigalliesi. Dobbiamo considerare (cosa che il Sindaco non ha fatto, e da qui l’irresponsabilità) il danno economico per gli operatori di Ponente, che pagano le tasse imposte dal Comune come tutti gli altri. Molti di loro (i ristoratori) si sono visti annullare innumerevoli prenotazioni, altri esercenti (di bar, gelaterie) sono rimasti senza lavoro (è usuale prendere un gelato piuttosto che una bevanda dopo lo spettacolo) perché la poca gente è andata via scontenta e delusa a casa e non si è affatto fermata a “consumare”.

Ma veniamo alle dichiarazioni del Sindaco, per le quali ci siamo sentiti offesi come cittadini per le inesattezze riportate nello stesso. Scrive Mangialardi: “Come del resto ci viene richiesto anche da molti cittadini, siamo chiamati ad operare secondo criteri di razionalizzazione e riduzione della spesa…. Proprio con questa finalità abbiamo acquistato uno spettacolo ad un costo molto inferiore rispetto agli anni precedenti….”.
Ma è proprio vero? Nel 2012 si è risparmiato complessivamente sui fuochi? Purtroppo, non è affatto così, come riportato ieri dal Consigliere di Rifondazione Comunista, Luigi Rebecchini. Dalle Determine amministrative (che sono online, quindi visibili a tutti e incontestabili), si evince che per i fuochi del 21 agosto si sono spesi € 8493,80 (determina 729/12) più € 484,00 (determina 767/12), per un totale di circa novemila euro (… ma il Sindaco ha scritto 6mila e quindi ha detto una bugia..un’altra…).
Questo sembrerebbe un risparmio rispetto agli scorsi anni. Il Sindaco però (maldestramente) tace sulla cifra del festival pirotecnico di tre giorni che si è tenuto a giugno con una spesa di addirittura 52000 (cinquantaduemila) euro (determina 518/12): in totale siamo sopra i 60.000 euro contro i 24mila del 2011.
In periodo di crisi, Mangialardi e Volpini, mentre aumentano l’addizionale comunale Irpef e tagliano servizi indispensabili (si veda il taglio orizzontale alla assistenza domiciliare nel mese di giugno e luglio per i disabili), spendono 60mila euro per i fuochi. Questa è l’ altra bugia di Mangialardi (andate a rileggervi il virgolettato) sul risparmio rispetto agli anni scorsi.

Scrive poi Mangialardi: “Sono molto di spiaciuto per i cittadini e quanti si sono recati sul litorale di ponente non riuscendo a vedere i fuochi…. In tutti i manifesti e locandine pubblicitarie quest'anno è stato ben messo in evidenza che i fuochi sarebbero stati fatti alla Rotonda e dunque si capiva quale poteva essere la posizione per vederli”.

Cercando di interpretare questa affermazione del primo cittadino, forse che 50-60 mila persone si sarebbero dovute riversare tutte nei pressi della Rotonda? Qui siamo alle comiche finali…
E veniamo all’ultima bugia di Mangialardi. Non è vero che in tutti i manifesti e locandine pubblicitarie è stato messo in evidenza che quest’anno i fuochi sarebbero stati alla Rotonda. Dalle due foto che alleghiamo, si evince che in uno dei primi libricini dedicati agli eventi dell’estate 2012, è chiarissimo (leggete) che lo “Spettacolo Pirotecnico sul Mare” si sarebbe tenuto sul “Molo di Levante”. Ieri, oltre le nostre copie (che conserviamo naturalmente), altri cittadini ci hanno scritto di possederne una. E’ indecoroso che il Sindaco, di una città, la più alta figura istituzionale, si arrabatti sugli specchi con comunicazioni monche e sbilenche.

In ultimo è doveroso ricordare che siamo stati noi di Partecipazione (insieme a Rifondazione Comunista) gli unici a chiedere una reale riduzione di spesa sui Fuochi, vista la enorme crisi economica che ci attanaglia. Nel bilancio 2010 abbiamo chiesto di togliere di togliere 2 mila euro ai fuochi agostani, 2 mila alla festa di fine anno e 3 mila alle manifestazioni sportive per darle alla consulta del volontariato, e questa proposta è stato approvato all'unanimità. Cosa che abbiamo riproposto nel 2011 ma ci è stata bocciata…

Un ultimo invito rivolgiamo a lui e agli assessori: la smettano di rispondere a qualsiasi richiesta di chiarimento che “non ci sono soldi”! Quest’ultima vicenda conferma che i tagli (veri e pesanti) imposti dal Governo vengono messi avanti da lor signori per fare ciò che vogliono ancor più che nel passato, per giustificare i loro dinieghi di fronte all’opinione pubblica e per decidere in pochi senza alcuna trasparenza e partecipazione.


da Movimento e Gruppo Consiliare Partecipazione






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-08-2012 alle 15:00 sul giornale del 24 agosto 2012 - 1400 letture

In questo articolo si parla di roberto mancini, paolo battisti, politica, fuochi d'artificio, Gruppo Consiliare Partecipazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/C5i