Australia: lotta al fumo, da dicembre pacchetti di sigarette anonimi e senza marchi

sigarette 1' di lettura Senigallia 16/08/2012 - L'alta corte australiana ha dato il via libera definitivo alla legge che stabilisce che dal primo dicembre i pacchetti di sigarette e sigari siano venduti in Australia in confezioni anonime di colore olivastro.

La nuova norma non viola la costituzione; respinto quindi il ricorso presentato dalle maggiori case produttrici di sigarette (British American Tobacco, Philip Morris, Imperial Tobacco e Japan Tobacco). La sentenza era molto attesa nel resto del mondo, visto che diversi paesi, come Canada, Nuova Zelanda, Gran Bretagna e Norvegia, stanno pensando a norme simili per contrastare il vizio del fumo.

Un duro colpo per i produttori, secondo i quali non ci sono prove che l'introduzione dei pacchetti anonimi scoraggi il fumo, soprattutto minorile. L'unico effetto sarebbe quello di stimolare ed accrescere il fenomeno del contrabbando.

Un plauso è invece venuto dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha definito "storica" la decisione della giustizia australiana che impone di vendere i pacchetti di sigarette senza logo, lanciando un appello al resto del mondo a seguire la politica dell'Australia sul marketing del tabacco.






Questo è un articolo pubblicato il 16-08-2012 alle 15:50 sul giornale del 17 agosto 2012 - 2589 letture

In questo articolo si parla di attualità, fumo, sigarette, australia, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CRV


Magari anche in Italia un provvedimento del genere!




logoEV
logoEV