statistiche accessi

Addio a Giorgio Ponzio, grande esempio di determinazione oltre la disabilità

giorgio ponzio 2' di lettura Senigallia 09/08/2012 - Si è spento a soli 44 anni Giorgio Ponzio, volto noto della spiaggia di velluto, morto ieri mattina all'Istituto “Regina Elena” di Roma dove da qualche tempo era ricoverato.

Giorgio, affetto dalla nascita dalla spina bifida e per questo costretto alla sedia a rotelle, era conosciuto e amato in città per le sue innumerevole attività che svolgeva riuscendo a superare i limiti della sua disabilità. Particolarmente apprezzati erano i racconti di fiabe con cui Giorgio intratteneva i bambini nelle scuole della città. Ma non solo. Giorgio era anche un grande appassionato di sport. La Vigor Senigallia per il calcio e la Goldengas per il basket erano le sue squadre del cuore tanto che difficilmente perdeva una gara, presenziando allo stadio o al palazzetto dello sport a tutte le gare.

Per i senigalliesi poi era una piacevole abitudine incontrare Giorgio lungo corso II Giugno con la sua sedia a rotelle. Tante le battaglie intraprese da Giorgio per ricordare a tutti, amministratori in primis, che la disibilità può essere superata ma non le barriere architettoniche che non gli permettevano di arrivare ovunque. Nel 2010 Giorgio era sceso in campo anche in politica, candidandosi alle comunali nella lista dell'IdV. Al suo fianco sempre presente la mamma Nice che da sempre lo spronava a non farsi limitare dalla sua disabilità.

Anche per questo Giorgio era riuscito a girare il mondo, viaggiando insieme ad una Onlus che aiuta i diversamente abili. La scomparsa prematura di Giorgio ha commosso profondamente la comunità senigalliese. Giorgio lascia la mamma Nice, il fratello Carlo e la sorella Giuliana. I funerali saranno celebrati domani alle 9 nella chiesa del Portone. Subito dopo la salma di Giorgio verrà tumulata al cimitero delle Grazie.






Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2012 alle 22:39 sul giornale del 10 agosto 2012 - 7971 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/CFL