Emergenza rifiuti: Mangialardi, 'La situazione è drammatica'

maurizio mangialardi 3' di lettura Senigallia 21/06/2012 - “La situazione rifiuti è dramatica”. La mancata raccolta della differenziata che si protrae ormai da giorni in molte zone della città è diventata una vera e propria emergenza. Una bomba scoppiata proprio all'inizio della stagione estiva quando caldo e la presenza in città dei turisti peggiorano notevolmente la situazione. Il sindaco Maurizio Mangialardi sbotta e va su tutte le furie.

“E' inammissibile e non siamo più intenzionati a sopportare ulteriori disservizi da parte della ditta incaricata di eseguire la raccolta dei rifiuti” -attacca il primo cittadino. La ditta Aimeri, che si è aggiudicata il bando di gara per il servizio, da mesi esegue a singhiozzo la raccolta dei rifiuti. Un disservizio che nelle ultime settimane però ha raggiunto il culmine con i bidoni della differenziata che non vengono svuotati.

Risultato: i cittadini sono costretti a tenersi per settimane i rifiuti in casa o peggio ancora in alcuni casi a lasciarli abbandonati per strada. Organico, grigio e vetro non sono stati ritirati se non in qualche zona della città nelle giornate di lunedì, martedì e di ieri (tipo in via Verdi). Il caldo rende la situazione insopportabile con la formazione di cattivi odori. Ma non solo. In città stanno arrivando i turisti e il biglietto da visita della spiaggia di velluto non è certo dei migliori. Da lunedì, con l'inizio del Caterraduno, sono previsti migliaia di visitatori e la questione rifiuti rischia il collasso.

“Non siamo disposti ad accettare ulteriori disservizi -continua Mangialardi- purtroppo il Comune e il Cir33 (il consorzio che gestisce la differenziata) devono far fronte ai problemi creati da un'impresa inadempiente che sta mettendo sotto scacco i cittadini. Non nego che la situazione è molto delicata e complicata”. L'appalto vinto dalla Aimeri è scaduto il 31 maggio scorso ma il contratto è stato prorogato fino a settembre con l'intento di “non creare disagi durante la stagione estiva” ma data la situazione la scelta forse non è stata delle più azzeccate. “Si è scelto di prorogare l'appalto anche perchè è stato indetto un nuovo bando per la raccolta dei rifiuti e la commissione giudicatrice sta valutando le domande pervenute”.

Cinque le imprese che hanno partecipato al bando e tra queste figura anche la Aimeri che nonostante i disservizi ha scelto di ricandidarsi. Oltre alla impresa di Rozzano (Mi) si sono candidate anche l'Astea di Recanati (Mc), Ecologica Sangro di Lanciano (Ch), Idealservice di Pasian di Prato (Ud) e Tra.De.Co. di Altamura (Ba). Dal Comune al Cir33 arriva un monito: quello di affrettare i tempi per la scelta di una seconda impresa da affiancare alla Aimeri per garantire la raccolta dei rifiuti scorporando ovviamente i costi aggiuntivi dall'appalto stesso. “Chiediamo tempi celeri perchè la situazione non è più tollerabile -conclude il primo cittadino- dal canto nostro ovviamente abbiamo formalmente contestato l'operato della Aimeri e continueremo a monitorare costantemente la situazione”.






Questo è un articolo pubblicato il 21-06-2012 alle 00:23 sul giornale del 21 giugno 2012 - 4188 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, rifiuti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ACD





logoEV