1° maggio con la tassa di soggiorno: ma i turisti ci sono. La pioggia rovina le scampagnate

spiaggia senigallia 2' di lettura Senigallia 01/05/2012 - Segnali di ripresa per il turismo senigalliese. Dopo il flop del 25 aprile, il lungo ponte del 1° maggio ha smosso le acque. Complici anche le previsioni che promettevano sole e caldo (il tempo ha resistito fino al pomeriggio del 1° maggio), i primi vacanzieri hanno fatto la loro comparsa sulla spiaggia di velluto. Tra questi anche qualche straniero.

Una “compensazione” rispetto al 25 aprile in attesa del test estivo che dovrà fare i conti con la tassa di soggiorno. Da oggi infatti entra ufficialmente in vigore la nuova imposta per i soggiorni fino a sette giorni in hotel e fino a 14 giorni in camping e appartamenti con affitti estivi. Una tassa che varia, a seconda delle categorie di hotel, da 1,5 a 1 euro al giorno a persona, mentre per appartamenti e camping è di 0,5 euro al giorno.

“Il fine settimana lungo che si conclude il 1° maggio è andato meglio rispetto al 25 aprile che è stato un disastro -spiega il presidente dell'Associazine Alberghi e Turismo Marco Manfredi- le prenotazioni sono arrivate all'ultimo ma qualcosa si è mosso. C'è stato anche qualche straniero e crediamo che questa sia il settore dove insistere di più. Perchè? Anzitutto all'estero la crisi sta avendo un impatto meno drastico che da noi. Inoltre, in vista dell'estate, gli stranieri non fanno caso alla tassa di soggiorno perchè sono abituati a viaggiare, anche nelle grandi città, dove l'imposta c'è da tempo. Per attirare gli stranieri però occorre potenziare l'offerta turistica integrandola con qualche novità. Noi rilanciamo l'idea di realizzare un campo da golf. Per il Comune non sarebbe un investimenti eccessivo e darebbe ottimi risultati. Gli appassionati verrebbero anche per più giorni, girando il territorio e provando anche campi vicini (il riferimento è alle strutture del Conero ndr)”.

In quanto alla tassa di soggiorno, gli albergatori hanno già iniziato la “campagna informativa”.A chi chiama per informazioni sulle vacanze estive, diciamo che da quest'anno c'è la tassa di soggiorno -aggiunge Manfredi- così come i motori di ricerca per le prenotazioni online proprio in questi giorni hanno inserito l'annuncio che nelle strutture ricettive di Senigallia il comune ha introdotto la tassa di soggiorno”.

E se il 1° maggio è stato bagnanto da un acquazzone caduto nel pomeriggio sulla spiaggia di velluto, a rimetterci sono stati solo gli amanti della scampagnata. Per i turisti (che ovviamente non hanno pagato la tassa di soggiorno che è scattata ufficialmente dalla notte del 1° maggio) il week end sostanzialmente è andato bene. I primi vacanzieri avevano comunque in programma di lasciare la città ieri pomeriggio.






Questo è un articolo pubblicato il 01-05-2012 alle 21:46 sul giornale del 02 maggio 2012 - 1005 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, spiaggia, senigallia, tassa di soggiorno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/yuo





logoEV
logoEV