contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Ostra: tra i Imu e tagli occorrerebbe ricordarsi di salvare anche i Comuni

3' di lettura
947

da Luigi Barigelli
assessore al bilancio Comune di Ostra


Luigi Barigelli
Mentre sembra finalmente deciso come, quando e in che misura si verserà la nuova IMU e mentre si pensa di estendere i moltiplicatori Imu all’imposta di scopo (una sorta di “addizionale Imu”), aggravando ulteriormente l’imposizione sugli immobili, sono stati finalmente ufficializzati i trasferimenti e le assegnazioni da federalismo municipale (D.Lgs. 23/2011), seppure come “proiezioni provvisorie” (che, probabilmente, rimarranno provvisorie per molti altri mesi).

Le cifre pubblicate dal Ministero dell’Interno rispecchiano quelle anticipate ufficiosamente agli inizi di marzo da alcuni uffici studi e alle quali molti, tra cui chi scrive, si rifiutavano di credere. Il Comune di Ostra avrà minori trasferimenti, rispetto al 2011, per oltre 250 mila euro, 475 mila in meno rispetto al 2010. Una riduzione del 34% dei trasferimenti dal 2010, e se anche agli altri comuni della valle dell’hinterland Senigalliese non è andata molto meglio, ad Ostra spetta il triste primato del maggior taglio dei trasferimenti, sia in termini assoluti, sia in termini percentuali e sia se rapportati agli abitanti (con una netta differenza tra comuni al di sopra e al di sotto dei 5.000 abitanti). Certo, ai comuni è stata data l’IMU, si dice.

Ma va detto a chiare lettere che l’IMU, quanto meno in questa versione sperimentale, è un’imposta municipale solo a metà. Già, perché mentre per i cittadini si tradurrà in un sicuro aggravio del prelievo, anche considerando solo le aliquote base di legge, i comuni si troveranno con un gettito inferiore rispetto all’ICI 2011, nonostante la re-introduzione dell’imposta sull’abitazione principale (con le aliquote base stabilite dalla legge, infatti, il prelievo sui cittadini, mediamente, sarà superiore, rispetto all’ICI 2011, del 75/% circa, mentre il gettito per i comuni sarà inferiore, rispetto all’ICI 2011, del 6-7% in media). Quello che manca, poco meno della metà del prelievo totale, andrà allo Stato. Ma di fronte ad una riduzione dei trasferimenti statali di tale portata, come riusciranno i Comuni a non modificare le aliquote base? Probabilmente non sarà difficile concordare sul fatto che occorreva dare un’ulteriore e decisa sferzata ai conti pubblici, ancora più decisa di quelle date con le manovre finanziarie degli ultimi anni, ma la maggior parte dei comuni si trova al limite delle proprie possibilità (e oltre), e risulta più difficile capire fino a che punto i cittadini potranno continuare a sopportare il peso delle numerose manovre varate.

Manovre numerose e spesso in contraddizione tra loro che obbligano gli amministratori pubblici ad una navigazione a vista con la quale risulta pressoché impossibile programmare anche la gestione ordinaria. È per questo che l’amministrazione comunale di Ostra, dopo l’entrata in vigore del decreto salva-Italia dello scorso 6 dicembre, ha sospeso gli incontri già programmati nella logica del bilancio partecipativo. A distanza di quattro mesi dall’entrata in vigore di quel decreto, infatti, sono ancora troppe e troppo rilevanti le incognite. L’unica consolazione è che una volta toccato l’apice, la strada dovrebbe essere giocoforza in discesa. L’importante è arrivarci.



Luigi Barigelli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2012 alle 21:31 sul giornale del 24 aprile 2012 - 947 letture