contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Sanità: vertice in Comune con i primari, 'Si all'area vasta ma serve più ascolto'

2' di lettura
1735

Medico
Primari tutti d’accordo con la nuova organizzazione dell’area vasta ma chiedono più ascolto e condivisione. Giovedì pomeriggio in Comune si è svolto il secondo incontro, dopo quello con le Rsu ospedaliere, promosso dal sindaco Maurizio Mangialardi insieme all’assessore ai servizi alla persona Fabrizio Volpini.

E stavolta il confronto è stato con i circa trenta primari ospedalieri. “E’ stato un incontro molto positivo –riferisce il sindaco Maurizio Mangialardi- tutti i primari hanno espresso la volontà di voler restare all’interno del nuovo sistema avviato con la riorganizzazione dell’area vasta ma chiedono però di essere ascoltati nelle loro esigenze e istanze”.

Punto fermo, sia per i medici che per il Comune, quello di difendere l’ospedale senigalliese dal rischio di un depauperamento delle risorse a fronte dei tagli regionali. “Abbiamo rimarcato tutti il fatto che la nostra struttura è strategica –aggiunge Mangialardi- che il nostro è un ospedale di qualità con servizi eccellenti e la Regione, nell’ambito della riorganizzazione, deve tenere conto di questi fattori. Ci sta bene l’azione di razionalizzazione delle risorse purchè questa coinvolta tutto il territorio regionale e non sia applicata a macchia di leopardo. Il riferimento è ad esempio agli ospedali di Pergola e Fossombrone per cui è prevista la chiusura ma che nei fatti non viene eseguita”.

I primari non si sottraggono alle scelte decise dall’Asur regionale ma chiedono più coinvolgimento e informazione. “Tutti hanno condiviso la necessità di una riorganizzazione del sistema sanitario –aggiunge Mangialardi- e anche il nuovo piano sanitario regionale purchè però le scelte indicate siano chiare e coerenti con i fatti”. Per questioni di “fair play” non si è fatto cenno alla questione dei primariati vacanti (Radiologia e Medicina in particolare) che interessano l’ospedale di Senigallia. Prossimo step è la risposta attesa a seguito della richiesta di un incontro con l’assessore regionale alla sanità Almerino Mezzolani.



Medico

Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2012 alle 23:58 sul giornale del 06 aprile 2012 - 1735 letture