Attraversa sulle strisce con la bicicletta, travolto un 84enne

1' di lettura Senigallia 03/04/2012 - Stava attraversando la statale con la sua bicicletta, sulle strisce pedonali, quando è stato investito da una Fiat Seicento. L'anziano è stato sbalzato a terra ed ha battuto la testa.

L'incidente si è verificato stamattina intorno a mezzogiorno lungo la statale nord, all'altezza del panificio 'L'arte del Pane'. La vittima è A.T., 84enne di Senigallia, travolto dall’utilitaria, che procedeva a velocità ridotta, al volante della quale c’era E.G., 65enne, anche lui di Senigallia, che ha detto di aver visto sbucare l'anziano all'ultimo momento e di non essere riuscito ad evitare l'impatto.

L'84enne è stato soccorso dai sanitari del 118 ma constatata la gravità della situazione sul posto è intervenuta anche l'eliambulanza che ha trasportato l'anziano all'ospedale di Torrette dove i medici si sono riservati la prognosi anche se l’uomo non sarebbe in pericolo di vita.

Sul posto, per i rilievi, è intervenuta la Polizia Stradale. Ancora da chiarire se l’anziano abbia attraversato la strada in sella o spingendo a mano la bicicletta. Una differenza sostanziale dal momento che il codice della strada vieta ai ciclisti di attraversare sulle strisce in sella alla bicicletta proprio perché la velocità dell’attraversamento potrebbe provocare incidenti.








Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2012 alle 12:55 sul giornale del 04 aprile 2012 - 6925 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, incidente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xjB


Purtroppo è ormai di moda attraversare le strisce pedonali in bicicletta. In città lo fanno quasi tutti. Come andare per il corso, pochi sono quelli che scendono dalla bici. Ma attraversare le srisce in sella alla propria bicicletta non si è pedoni, ma ciclisti. Meditate gente, meditate

Nell'articolo: "Ancora da chiarire se l’anziano abbia attraversato la strada in sella o spingendo a mano la bicicletta".
Tu hai deciso invece che era insella.

Il vero problema è che sulla statale, e non solo lì, le strisce pedonali vengono sistematicamente ignorate.

Caro utente vip,
io sono un ciclista, e come tale conduco un veicolo e sono soggetto al codice della strada per i conducenti di veicoli.

Tra l'altro, il segnale rotondo blu con bordo bianco e una bici bianca disegnata al centro non è un suggerimento, ma un OBBLIGO.

Facile constatare, soprattuto da parte dei pagliacci sulle bici da corsa, che cosi non è.

Il ciclista, parole di un amico avvocato, a senigallia è sacro, può fare quello che vuole, tanto pagano gli altri.

Invece, per non gettare discredito verso quelli che rispettano le precendenze, si fermano con il rosso, non circolano affiancati, si dovrebbero comportare meglio.

Ultima cosa:
Secondo il codice della strada, chi ha la precedenza, deve procedere con cautela e accertarsi che gli venga concessa la precedenza, onde evitare incidenti.

Se poi volete attraversare senza guardare, affari vostri, le gambe che si spezzano non sono certo le mie.

Da parte mia, se arriva un auto sprata, aspetto prima di attraversare, dato che in caso d'urto, il conducente dell'auto non si fa nulla.

Oltre all'educazione ci vuole anche un po' d'intelligenza, ogni tanto.

storico

Il problema a Senigallia è che le macchine arrivano sempre a velocità folli...anche se si usa la testa, rimani fermo una giornata intera in prossimità delle strisce perchè non si fermano neanche se gli spari....succede continuamente e, dappertutto...provate ad attraversare le strisce dello stradone misa!
Le attraverso da anni,beh...mamme con le carrozzine, anziani, famiglie con i figli....aspettano tutti che qualche anima buona si fermi,o rallenti, il limite di 50 è la velocità minima di ogni automezzo che attraversa quel tratto e nessuno ha il tempo di frenare!

Magari il ciclista è andato in sella ma a passo d'uomo (cosa possibilissima)... quindi ritengo ci sia poco da meditare su questo...

Il problema è che:
1- bisogna rispettare i limiti;
2- prima di attraversare la strada ci hanno sempre insegnato a guardare se sopraggiungono le auto.

Poi purtroppo certe fatalità puoi ridurle, ma mai evitarle completamente. Ma prima di sentenziare sarebbe veramente opportuno conoscere i fatti...

Le strisce pedonali dovrebbero essere segnalate meglio, ovunque, non solo a Senigallia. Personalemnte, ci tengo a fermarmi quando vedo che qualcuno cerca di attraversare, anche se non ci sono strisce. Però molto spesso gli attraversamenti sono invisibili, di notte poi, praticamente non esistono. Dovrebbero essere dotati tutti di segnalazioni visive e luminose adeguate, e verniciate periodicamente con una pittura rifrangente.