Vicenda Schiavoni: Mangialardi, 'Intoccabile il suo posto in giunta'

stefano schiavoni e maurizio mangialardi 1' di lettura Senigallia 27/03/2012 - La notizia della scomparsa prima e dell'allontanamento volontario poi di Schiavoni, 59 anni, ha suscitato molto clamore in città e non solo dal momento che Schiavoni è un personaggio conosciuto e stimato per i numerosi incarichi istituzionali che ricopre.

Seppur nel rispetto dei problemi personali che possono aver spinto l'assessore ad allontanarsi senza avvertire nessuno, il ruolo pubblico ricoperto da Schiavoni gli impone, prima o poi, un confronto “istituzionale”.

Il sindaco Maurizio Mangialardi da parte sua non ha dubbi e rinnova piena fiducia all'attività professionale del collega di giunta. “Per me non c'è alcun tipo di problema -afferma Mangialardi- il suo posto in giunta non si tocca. Stefano resta una persona competente, seria e preparata”. In assenza di Schiavoni l'attività dell'esecutivo è proseguita regolarmente tanto che ieri la Giunta si è riunita per l'incontro settimanale dalle 8 alle 15.

Al suo rientro il primo cittadino avrà certamente un confronto con Schiavoni che dovrebbe a quel punto chiarire le sue intenzioni. Potrebbe anche decidere di dimettersi dalla carica di assessore. In quel caso per l'esecutivo sarebbe una grave perdita dal momento che numerosi sono i progetti, soprattutto inambito culturale, avviati dall'assessore in vista anche dell'estate. Oltre alle mostre a Palazzo del Duca, Schiavoni stava curanto anche una mostra alla Rocca Roveresca dedicata allo scenografo senigalliese Carlo Cesarini.






Questo è un articolo pubblicato il 27-03-2012 alle 23:46 sul giornale del 28 marzo 2012 - 2224 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w3K


Caro Sindaco, sarà competente, sarà preparato, non lo metto in dubbio, ma certamente non è serio: gli appuntamenti si rispettano! altrimenti si avverte.

Chi non è capace di gestire se stesso non può gestire una città.
Capisco il lato umano ma si deve dimettere.

giorgio vernelli

mi auguro non ti capiti mai di trovarti in situazioni simili a quella in cui potrebbe essersi trovato Stefano.

Anche perchè a differenza sua il mio titolare mi licenzierebbe.....




logoEV