Extracomunitario investito, Volpini: 'Il ragazzo non è solo'

fabrizio volpini 1' di lettura Senigallia 02/03/2012 - Ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Torrette di Ancona, l'extracomunitario vittima di un incidente stradale avvenuto venerdì mattina non sarebbe in pericolo di vita.

Ad accertarsi delle sue condizioni di salute, oltre le forze dell'ordine incaricate delle indagini, è l'assessore ai servizi alla persona del comune di Senigallia Fabrizio Volpini. “Il giovane extracomunitari, la cui identità ancora è in fase di accertamento, non sarebbe in pericolo di vita”- dichiara Volpini dopo aver parlato con i medici che lo hanno in cura. Si trova ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Torrette dove è giunto in eliambulanza. Le sue condizioni sono quindi meno gravi di quello che sembravano inizialmente”.

Il giovane extracomunitario che, probabilmente, stava fuggendo perchè privo di permesso di soggiorno e gravato da un atto di espulsione dal territorio, non è solo ed abbandonato al suo destino come conferma e sottolinea l'assessore ai servizi alla persona. “Mi sono informato personalmente sulle sue condizioni di salute”- annuncia Volpini.

Il giovane ragazzo non è solo- sottolinea l'assessore- abbandonato ad un letto di ospedale. Noi come assessorato ai servizi sociali stiamo seguendo gli sviluppi ed abbiamo provveduto ad informare sia l'associazione stranieri che l'associazione multietnica. E continueremo ad accertarci sulle sue condizioni di salute”.






Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2012 alle 15:27 sul giornale del 03 marzo 2012 - 5658 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabrizio volpini, incidente, senigallia, Sudani Alice Scarpini e piace a tommasob

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vYw


Lo sappiamo che voi dei servizi sociali aiutate i clandestini, ma non i senigalliesi in difficoltà.

Prova ne sia che dei 18 posti per i tirocini formativi pagati con il fondo di solidarietà, 11 andranno a stranieri, tutti certamente in regola, ma stranieri. Solo perché nessuno nel bando è stato capace di scrivere che serviva il requisito della cittadinanza italiana.

Il Comune aiuta chi scappa dalla Polizia.

A casa mia si chiama favoreggiamento.










Commento sconsigliato, leggilo comunque

E qualora il proprietario dell'auto, oltre a pagare i danni provocati al suo furgoncino, dovrà pagare una multa e forse il decurtamento dei punti sulla patente, sarà sicuramente l'assessorato ai servizi farsi carico degli oneri !!!!!!!!!!!!!
Saluti

Roberto Curzi

Commento sconsigliato, leggilo comunque

il ragazzo senegalese probabilmente si è messo a posto la vita. fortunato lui.

riceverà la cittadinaza ordinaria, un posto di lavoro e magari diventa pure parente di volpini.


l'ho già scritto una volta, sei solo la copia di mille riassunti.

Bhè che dire...complimenti a chi aiuta con "tanto amore" i clandestini lasciando invece che i senigalliesi vadano alla deriva!

Una gran bella politica questa, specialmente quella attuata dall'Assessore Volpini che corre a controllare le condizione di un IRREGOLARE e con un ATTO DI ESPULSIONE DAL TERRITORIO, mentre gli anziani possono tranquillamente continuare a vivere da soli, con tutte le difficoltà del caso, perchè non possono permettersi un accompagno.

Bravo Assessore, continuate ad aiutare gli IRREGOLARI e non chi invece meriterebbe vera attenzione da parte di una giunta seria e degna di questo nome!

Una volta che l'IRREGOLARE si sarà rimesso lo inviterà a casa sua per un pasto caldo? Punirete con la fustigazione l'incauto automobilista che ha "osato" investirlo mentre la Polizia lo inseguiva? Troverete un modo di dargli un lavoro lasciando un Senigalliese disoccupato?

E' bene che si sappia che un Assessore aiuta ch scappa ed è inseguito dalla Polizia.

Marcello Liverani

Bravo Volpini. La solidarietà umana dovrebbe sempre essere "a prescindere". Il ragazzo è clandestino? Ok. Vogliamo lapidarlo sulla pubblica piazza, per questo? E nessuno poi pensa che, magari, la sua clandestinità è semplicemente dovuta a quella legge Bossi-Fini per la quale siamo stati condannati dalla Corte dell'Aja? No, eh... Meglio fare la lagna per noi poveri italiani che siamo nelle pezze per quattro ragazzotti che ci chiedono una moneta al parcheggio.

Mi posso vergognare per voi? Be', mi vergogno anche se non mi date il permesso!


La cosa che più mi fa incazzare, è che si usa la disgrazia di un ragazzo (sia la sua disgrazia di emarginato, sia il suo sfortunato investimento) per becera propaganda politica. Volpini per farsi bello, Liverani per attaccare Volpini e per fare propaganda xenofoba (tanto cara alla fiammella).
Se si vuole portare solidarietà ad una persona, si può farlo senza emettere comunicati stampa.
Questa politica, basata sul nulla e sulle chiacchiere da bar, ci ha portato alla rovina, sia materiale che morale.

volpini fabrizio

Egregio Sig Enea Bartolini,ho la sfortuna di conoscerlo di persona e quindi, non mi resta che questa mezzo,per dirle che, della propaganda politica tanto meno della promozione personale non so proprio che farmene;ieri l'ammnistrazione comunale aveva in programma una conferenza stampa sugli orti sociali,oggi una inaugurazione,giovedì scorso un'altra, alla quale ho partecipato per competenza di delega,ma la invito attentamente a guardare le foto della cerimonia pubblicate proprio su Viveresenigalli per notare in quanti scatti sono presente.
Nel merito dello sfortunato incidente che ha visto coinvolto un "uomo" di colore,trasportato con l'elioambulanza presso l'Ospedale di Torrette,ed un "uomo", artigiano italiano alla guida del suo furgone,ho semplicemente,in qualità di "uomo" prima ancora di assessore,chiesto informazioni,a chi, in quel momento aveva in cura il malcapitato che dalle notizie in mio possesso,versava in non buone condizioni di salute in un letto di rianimazione anche perchè, intuitivamente,ho immaginato che non ci fossero stati amici o parenti in grado di poterlo fare.
Questo mi è stato chiesto e ciò è quanto ho dichiarato,punto e basta.
volpini fabrizio

E qui caro Enea sbagli...che Volpini vuol farsi bello è palese, come è palese che quello era un extracomunitario IRREGOLARE e CON FOGLIO DI ESPULSIONE DAL TERRITORIO e in più INSEGUITO DALLA POLIZIA!
E dove starebbe la propaganda xenofoba?
Tu hai le tue idee e io le rispetto, ma per il sottoscritto quelle persone IN ITALIA NON DEVONO STARCI perchè trattasi di persone non consone alla civiltà.
A te questo da' fastidio ma è la pure e semplice verità! Se poi vuoi giocare dandomi dello xenofobo (ho 53 anni), fai pure, a casa tua ti crederanno sicuramente, ma oltre proprio no perchè è palese che stai mistificando la realtà!
Provate per una volta essere obiettivi. Le mie critiche a Volpini penso che siano più che lecite, e come leggerai non sono le uniche.
Ti risulta che Volpini sia corso al letto dell'ospedale di quello che era caduto in acqua dalla barca? A me no, e a te?
Quindi cercate di essere seri per una volta, queste non sono chiacchiere da Bar, sono VERITA'!!!

Punto primo, la polizia non stava inseguendo nessuno, il ragazzo è scappato perchè colpito da un provvedimento di espulsione. Ha avuto paura di essere fermato , con le conseguenze note, ed ha preferito darsi alla fuga. Al suo posto tutti, compresi i commentatori più duri, avrebbero fatto lo stesso.
Visto il momento che attraversa il nostro paese, non è escluso che anche costoro, in un futuro più o meno lontano, potrebbero trovarsi nelle medesime condizioni di quel ragazzo, magari in un altro paese.
Spiace anche per il conducente del veicolo, che si è visto sbucare il ragazzo all'improvviso senza avere il tempo materiale di poter fare nulla. L'incidente, tra l'altro, è avvenuto proprio sulle strisce, per cui non è escluso che la colpa venga attribuita all'autista del mezzo investitore. La dinamica sarà chiarita successivamente.
Resta però il dispiacere di sentire commenti tanto spietati anche di fronte ad un fatto così tragico.
Poi ognuno se la gioca come vuole, ma la "pietas" non dovrebbe mai essere dimenticata.

Carina la replica dell'Assessore Volpini ad Enea, chissà perchè però la mia, di replica, non è stata pubblicata...forse che l'Assessore ha una corsia preferenziale? Oppure ha più credito del sottoscritto? O, cosa più probabile, come sempre con il sottoscritto si opera una censura quando si dicono le cose che danno fastidio?

Magari i parenti di "costoro" si sono già trovati nelle stesse condizioni, ma non ho mai sentito dire da nessuno dei miei parenti o conoscenti emigrati all'estero in passato che sbarcavano il lunario vendendo cianfrusaglie nei parcheggi. Anzi, di solito, se non avevano un lavoro venivano rispediti a casa e non si sognavano di andare dalle autorità svizzere, tedesche o belghe a protestare contro quelle leggi come hanno fatto spesso gli extracomunitari presenti ora in Italia.
A bocce ferme, dal momento che pare che il ragazzo sia fuori pericolo, sembra proprio che quello che ora rischia di più sia l'investitore.
E tutto perché quella mattina si trovava a passare in quel punto e una persona, che illegamente si trova qui e stava sfuggendo (o aveva paura) alla polizia, si è letteralmente buttata sul suo mezzo.
Ecco, fossi figlio di quell'uomo, la penserei esattamente come "costoro".

No i nostri connazionali sbarcabano il lunario facendo i mafiosi in tutto il Nord America....o almeno parecchi di questi...

Off-topic

Enea Bartolini chi? quello che ha preso una pagina di un quotidiano locale perchè si è puòito la via di casa dalla neve?

Comunque dopo tutti questi commenti giusti o non giusti, la cosa che mi fa piu' rabbrividire è che le leggi non ci sono e non vengono rispettate, sia dalla destra che dalla sinistra. Non è giusto!!

Commento modificato il 03 marzo 2012

Quindi secondo te tutti gli italiani che sono andati a lavorare all'estero erano tutti delinquenti?
E comunque, se venivano beccati li facevano assistere dai servizi sociali?

I servizi sociali dei comuni sono ad uso e consumo degli stranieri...la solidarietà umana non c'entra niente, tanto più che altrettanta solidarietà non ci sarebbe stata (perché non sarebbe stata propagandistica) se il fuggitivo (perché tale era) fosse stato di Marzocca, del Vallone o del Ciarnin da sette generazioni.

Ama il prossimo tuo...

La solidarietà che si dà "come uomo" e non "come assessore", non si traduce in un virgolettato in cui si dice: "Noi come assessorato ai servizi sociali stiamo seguendo gli sviluppi ed abbiamo provveduto ad informare sia l'associazione stranieri che l'associazione multietnica. E continueremo ad accertarci sulle sue condizioni di salute”.
Questo è un indebito interessamento istituzionale, non un interessamento umano. Poi sulle leggi sulla clandestinità la potete pensare come volete, ma il Comune è un istituzione e quando compie atti, quegli atti vanno pesati...in questo caso Volpini stia dove vuole, ma il Comune sta con la Polizia e con le leggi dello Stato. Punto e basta.

E poi un chiarimento sui tirocini formativi lo voglio avere perché non è che mi vada tanto giù quello che è successo eh...

"...persone non consone alla civiltà..."?!?!?!?
Spero sia stata una frase sfuggita per foga, e che il senso fosse un altro.

Commento modificato il 04 marzo 2012

NOn credo che verrà attribuita qualche responsabilità all'autista: per prima cosa la POlizia Municipale deve aver preso visione di come si sono svolti gli eventi, e poi visto che è ormai palese che stava "fuggendo", l'autista non può essere ritenuto responsabile se una persona s'è buttata all'improvviso in strada. Tantopiù che la zona si presta male a vedere in anticipo chi attraversa.

Siccome siamo in un paese che, almeno in apparenza, è ancora democratico, nessuno Le impedisce di pensarla come vuoLe.
Io la penso diversamente e, vivvadio, posso affermarlo pubblicamente.
Nella fattispecie, andando indietro con la memoria, mi ricordo di cartelli che vietavano l'ingresso agli italiani, (svizzera), di almeno un connazionale ucciso a colpi di karate in un bar della sempre civilissima svizzera, di vite trascorse in capannoni chiamati dormitori, ma più simili a baracche da campo, e tante altre amenità simili.
Erano italiani, e non escludo che la storia si possa ripetere.
Per il resto tanta solidarietà al conducente del veicolo investitore che, suo malgrado, avrà certo qualche rogna per come si è svolta la vicenda, almeno per quello che se ne sa.

Non mi azzardo a leggere i commenti;approvo le dichiarazioni nel virgolettato e l'azione politica dell'assessore, l'idea interiore che la muove.

Resta il fatto che se i paesi sono alla deriva, di certo non è colpa degli immigrati, come vorrebbe farci credere qualcuno, ma piuttosto di questa classe politica, capace di produrre solo slogan e disugualianza sociale.
Poi voi potete criticare chi vi critica, giustamente, ma non per questo cambia la realtà dei fatti (che non è la mia realtà, ma quella reale).

Caro Daniele, mi spiego meglio..."persona non consona alla civiltà"...chi è colpito da provvedimenti di espulsione, come in questo caso, o di detenzione come in altri casi, sia che siano Italiani o extracomunitari, per quanto mi riguarda non sono persone meritevoli di stare in mezzo a noi, quindi nella nostra civiltà, perchè chi viene colpito appunto da quei provvedimenti ha un concetto di vita e di civiltà completamente diverso dal mio. E non mi vergogno a dire, e non sono l'unico a dirlo e a pensarlo, che io non ho nulla da spartire con queste persone e nulla voglio dividere con loro. Io mi comporto da persona civile e gradirei che a certi personaggi non fosse permesso vivere con chi rispetta le leggi ed è civile. Chi sbaglia deve pagare secondo me, solo che in Italia vige il buonismo, vige un sistema di giustizia all'acqua di rosa, vige la politica dell'indulto, vige il Vaticano e, purtroppo, anche le idee malsane della sinistra...e a me questo non piace proprio e lo dico tranquillamente senza essere razzista o xenofobo come qualcuno ha scritto.
E' un delitto o sono da impiccare per questo mio pensiero che penso aver esplicato in maniera tranquilla e corretto?
Un saluto

Ma scusa un momento...ho forse scritto che si va alla deriva per colpa degli immigrati o extracomunitari? Perchè vuoi mettermi in bocca cose che non ho detto?
Io sostengo l'ordine e la giustizia, metterei in carcere (a vita quasi) chiunque commetta atti "impuri", di qualsiasi etnia sia, di qualsiasi provenienza e di qualsiasi cittadinanza mondiale.
Questa è la mia realtà Enea, e non mi piace chi me la vuole stravolgere.
Che poi l'intera classica politica italiana ci abbia portato a dove siamo, sono perfettamente d'accordo con te.
Ed è proprio per questo che io professo una vera "alternativa", poi a te giustamente può non piacere e io rispetto il tuo pensiero, ma non scrivere però cose che non dico e neanche penso, perchè il sottoscritto "parla come mangia", non si vergogna a dire i suoi pensieri, e li esprime in maniera molto tranquilla...a casa non ho manganelli e neanche l'olio di ricino. ;-)))))
Un saluto

Credi che le associazioni contattate dall'assessore non abbiano un avvocato da contattare?
E, fino a prova contraria, quel che è successo è che un automobile ha investito un pedone.
Immagina un pò tu quel che viene poi.

Non era una risposta al tuo commento, Liverani, ma una considerazione generale.

Commenti fantastici!

Trovo esilarante che a berciare contro il ragazzo investito, in quanto irregolare per la pseudo giustizia italiana, siano gli stessi che poi, attraverso i loro partiti di nani, prostitute e ballerine, difendano le "radici cristiane d'Europa". Gente con le idee chiare senza ombra di dubbio!

Voto 7 a Daniele Sole per la coerenza.

Voto 8 a Volpini per l'interessamento.

Voto 9, 5 se non 10 a Mariangela, per le parole e l'analisi di quello che e' il vero problema.
La piaga e la peste della legge Bossi-Fini, che non ha fatto altro che elevare esponenzialmente il numero di detenuti nelle carceri, intasare inutilmente i tribunali e moltiplicare gli oneri a carico dei cittadini.
Senza ovviamente contare le condanne dei tribunali internazionali all'Italia, che e' di fatto 3° mondo, in materia di Diritti Umani.
Ma questo alla "desperate housewife" ed ai gerarchetti locali con la fregola di sbattere in galera tutti quanti, non interessa. Panem et circenses..Pizza e fichi...Terra dei cachi ed erba del vicino.