Nilo: esce il nuovo album-fiume dei Chewingum

Chewingum 2' di lettura Senigallia 28/02/2012 - È spesso scontato parlare di un legame tra arte e musica, ma non in questo caso: i Chewingum, gruppo musicale senigalliese ha deciso di contaminarsi con il linguaggio artistico di Giacomo Giovanetti e il risultato è Nilo, il nuovo album che sarà presentato al Teatro Cinema Gabbiano di Senigallia giovedì 1° marzo alle ore 21, con la proiezione di video e collage di Giovanetti, testimoniare che immagini e musica si alimentano a vicenda.

L'ingresso della serata è di 2 euro e sarà devoluto all'Associazione Primavera onlus che ha ospitato il gruppo per la registrazione del disco in quest'ultimo anno e che continua ad essere la loro "casa base". Ragazzo Italiano, Carta e Mr. Non hanno uno studio personale a Senigallia, Uruguay Supersound, dov’è nato il cd che loro stessi definiscono “Una specie di iPod frullato sonoro che miscela pop, hip hop, funky, reggae, wave, samba e punk; il suono dell’Uruguay”, che travalica i confini della musica confondendosi e traendo spunto dalle opere di Giacomo Giovannetti. L’artista, anche lui senigalliese, ha colto la profonda miscellanea di suoni rielaborandola in piramidi visive: “Il suo stile si rivelato sorprendentemente compatibile con la nostra musica. I suoni e le immagini giocano con mondi diversi e stili lontani facendoli andare a spasso insieme” affermano i Chewingum. Il contenuto e il contenitore formano un gioco di rimandi tra parole, musica e l’opera d’arte della copertina studiata appositamente da Giacomo Giovannetti: “L’uomo operato”, è un collage da cui nasce questo viaggio musicale lungo il fiume più lungo del mondo, il Nilo.

Undici tracce nelle quali i Chewingum si avvalgono di collaborazioni con altri musicisti, come Maria Antonietta, Latootal (fondatore degli storici Uomini di Mare assieme al concittadino Fabri Fibra), Marco (Dadamatto), Matteo Sideri e Paolo Berluti, per impreziosire una visione d’insieme organica e inaspettata. Il disco dei Chewingum è un elettrochoc per la scena musicale senigalliese ormai da anni rintanata e ancorata a malinconiche tradizioni. Il risultato è sorprendente, la prova che anche nel sottosuolo marchigiano pulsano sonorità alternative, eclettiche che scardinano i confini di settore e impastano i suoni in un mix contemporaneo originale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2012 alle 16:02 sul giornale del 29 febbraio 2012 - 2834 letture

In questo articolo si parla di cinema, attualità, chewingum, cinema gabbiano, senigallia e piace a michele

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vPr


Fantastici! Due giochi di parole solo nel titolo.

giorgio rossini

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Gran gruppo, proprio bravi!