Corinaldo: famiglia intossicata dal monossido di carbonio per una stufa accesa

ambulanza 08/02/2012 - A Corinaldo, dove la situazione di strade e frazioni è è decisamente migliorata, a fare vittime è il freddo. Nella notte tra martedì e mercoledì è toccato a una famiglia rimasta intossicata dalle esalazioni di monossido di carbonio.

L'episodio si è verificato nell'abitazione in in via Olmigrandi, in una delle frazioni più esterne del comune e dove il gelo e la neve ha fatto sentire di più i suoi effetti negativi. Probabilmente proprio le temperature sotto zero hanno convinto la famiglia a lasciare accesa una stufa anche di notte. Purtroppo però le esalazioni si sono propagate negli alloggi dove la famiglia stava dormendo.

Per fortuna si sono accorti dell'odore di gas e hanno lanciato l'allarme. Sul posto è intervenuto il 118 che ha soccorso il padre, di 42 anni, la madre di 41 e i figli di 12 e 16 anni. Tutti sono stati trasferiti all'ospedale di Senigallia dove sono stati curati e per fortuna sono fuori pericolo.






Questo è un articolo pubblicato il 08-02-2012 alle 23:58 sul giornale del 09 febbraio 2012 - 1544 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, corinaldo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uYA


Off-topic

"A Corinaldo, dove la situazione di strade e frazioni è è decisamente migliorata, a fare vittime è il freddo."
Vittime? Ma, sono morti?
Più sotto, leggo: "Tutti sono stati trasferiti all'ospedale di Senigallia dove sono stati curati e per fortuna sono fuori pericolo."
In redazione, avete un dizionario? Lo usate?

Off-topic

Caro Didimi, in aiuto ti viene il dizionario. Con la parola vittima non si può intendere:
1-Animale o persona immolata come offerta sacrificale alla divinità

2- Chi muore o CHI SUBISCE GRAVE DANNO in seguito a un incidente, a una calamità naturale, a una malattia e simili: es. le vittime di guerra, di un terremoto; rimanere v. di un incidente stradale

3- Chi è perseguitato o subisce in qualunque modo una sopraffazione: ES. popolazione v. del razzismo; essere v. della moglie; chi è danneggiato da una situazione o da un comportamento: essere v. di un malinteso
fonte: Dizionario Sabatini-Coletti
http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/V/vittima.shtml

Dunque come ora saprai, con il termine vittima non si indica assolutamente solo chi muore (per fortuna).
Saluti
Giulia Mancinelli
Direttore Editoriale

Off-topic

ok, "vittima" ha varie accezioni e significati, ma nel momento in cui viene pubblicata una notizia di cronaca e si sente o legge la parola VITTIMA, la collega subito alla morte, non so se è una prassi o se è un errore ... ma di fatto è così.
E poi non mi pare che siano "vittime" del freddo, ma piuttosto di una stufa lasciata accesa di notte ... da loro stessi. Mi sembra più che altro un incidente domestico ...

Off-topic

La regina del copia/incolla, omette che, prima dei punti 2 e 3, il dizionario riporta, tra parentesi ed in rosso (estens.)
Sempre dallo stesso sito, tra i contrari della parola "vittima" troviamo:
carnefice, sopravvissuto, superstite.
http://dizionari.corriere.it/dizionario_sinonimi_contrari/V/vittima.shtml

Comunque non c'è da preoccuparsi, anche un certo Lazzaro, in tempi lontani, era morto, poi no...


Off-topic

Se, poi, lasciando stare la grammatica, parliamo di logica, "a fare vittime è il freddo" è ben diverso da "vittime del freddo" oppure "vittime del maltempo".