Occhio alle multe nel 2012: 1,4 milioni di euro le sanzioni previste dai Vigili Urbani

multe con palmare 2' di lettura Senigallia 11/12/2011 -

Un milione e quattrocento mila euro dalle infrazioni del codice della strada. È quanto la Giunta prevede di incassare durante il 2012 dalle multe che i vigili urbani e le telecamere ai varchi di accesso della ztl eleveranno agli automobilisti indisciplinati.



Una cifra che nel 2011 è stata però sopravvalutata tanto che il Consiglio Comunale ha dovuto approvare alla fine di novembre un assestamento di bilancio su cui incidevano anche 128 mila euro in meno di sanzioni elevate in questo anno. Per il 2012 il Comune insiste e conferma la previsione già fatta nel 2010 per il 2011. Se però quest’anno sono mancati alle casse comunali 128 mila euro le cose sono due. O gli automobilisti sono stati più disciplinati o i controlli sono stati di meno. Delle due variabili almeno una appare sicura. Per raggiungere il milione e 400 mila euro di multe quanto meno dovranno essere potenziate le verifiche e i controlli di ausiliari e vigili urbani.

Già decise anche le destinazioni dei proventi delle multe che saranno elevate nel 2012. La legge stabilisce che il 50% degli introiti derivanti delle multe dovranno essere reinvestiti nel miglioramento della circolazione stradale, nel potenziamento delle attrezzature della Polizia Municipale e anche nell'assunzione di personale stagionale. Ecco allora come la Giunta intente impiegare la metà dell'ipotetico milione e 400 mila euro. Ben 368 mila euro serviranno per la manutenzione delle strade comunali, per l'installazione, l'ammodernamento e messa a norma delle barriere architettoniche e per interventi di sicurezza stradale.

Altri 156.300 euro saranno destinati proprio al potenziamento delle attività di controllo ee di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l'acquisto di automezzi, messi e attrezzature in dotazione al corpo della Polizia Municipale. 112.000 saranno stanziati per interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade comunali e altri ben 75.540 euro serviranno per l'assunzione di personale stagionale a progetto con contratti a tempo determinato e a forme flessibili di lavoro.

Infine, 25.000 euro andranno per le misure di assistenza e previdenza per il personale della Polizia Municipale e altri 20.000 euro saranno impiegati per effettuare studi, ricerche e propaganda sulla sicurezza stradale. Oltre al controllo “manuale” dei vigili urbani e degli autovelox ad aiutare nell'emissione delle multe nel 2012 ci saranno anche le cinque telecamere installate in altrettanti varchi di accesso alle ztl del centro storico, in vigore da due settimane.






Questo è un articolo pubblicato il 11-12-2011 alle 06:52 sul giornale del 12 dicembre 2011 - 4305 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica, multe

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/sNi


...forse il sindaco non ha capito che in tutto questo e nella circolazione di auto a euro non permesso chi ci rimette sono i commercianti, io e come tanti altri non rischiano una multa per andare a comprare un vestito o altro o per fare una semplice passeggiata per il corso, ciao senigallia ce ne andiamo a fare spese e passeggiate in altra città, magari nell'entroterra meno caotico e si respira pure aria più pulita!

Prevedere nel bilancio le entrate delle multe è assurdo.

asterix

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Completamente d'accordo.

Ricordiamo che lo scopo delle multe è quello di prevenire comportamenti pericolosi e illeciti, non quello di far fare cassa al Comune... forse qualcuno nell'Amministrazione se ne dimentica...

Se l'aria è questa mi sa che non ci perdoneranno nulla.
Chissà, a fare una colletta? :)

Fatemi capire: un'amministrazione pubblica non schizofrenica si vanterebbe del minor introito per le multe, magnificando l'efficacia del suo agire, sia in senso preventivo che di controllo.

La nostra amministrazione invece dice: se si sono incassati meno soldi è perché abbiamo controllato troppo poco. Perché, si sa, cittadini-sudditi sono i soliti criminali, ma noi non li abbiamo beccati! L'idea che i cittadini siano più responsabili manco li sfiora.

E allora che si fa? Si destinano i soldi che - attenzione - si incasseranno punendo i cittadini, alla prevenzione e controllo del reato che si dovrebbe voler ridurre. Insomma, "se trasgredisci di più", dice il Comune, "io posso destinare i soldi a tutto ciò che serve per farti trasgredire di meno". No, scusate, ci fate o ci siete?

Che poi la manutenzione delle strade dobbiamo pagarcela noi, decidendo di sostare in divieto è proprio un poema!

mah... mettere in bilancio l'ipotetico importo di multe non ancora eseguite e come fare i processi alle intenzioni... io credo che un'altra riforma da fare in Italia, e in fretta, è quella di smantellare tutte queste pseudo-polizie e creare uno al massimo 2 corpi per la sicurezza dei cittadini (come nel resto d'europa).
Meno burocrazia, meno risorse, più risparmio, meno bisogno di usare la multa come strumento di cassa invece di essere utilizzato come deterrente ad eventuali infrazioni.

Il comportamento di molti automobilisti senigalliesi è tale che qualche multa in più non farebbe certo male.
Quate auto ogni giorno parcheggiate in doppia fila a bloccare il traffico, quante parcheggiate sulle piste ciclabili. E quanti si fermano per far passare i pedoni sulle piste ciclabili? Nessuno.

Dispiace che non si faccia leva sulla civiltà e sul senso civico, ma si vada a colpire sulle multe, e probabilmente solo per esigenze di bilancio.

Le facessero per questo le multe...
...le fanno solo per il parcometro

D'accordissimo per le multe salatissime agli automobilisti che, nell'ordine, parcheggiano: 1) negli stalli riservati ai portatori di handicap; 2)sulle piste ciclabili e, magari, anche ai ciclisti che alle nove di sera, senza fanale, sfrecciano contromano sulle strade cittadine più trafficate.

Ma questa politica per cui si incentiva, di fatto, la tragressione delle regole per questioni di bilancio è inaccettabile. Oltretutto, rifiuto l'appellativo di delinquente cronico che l'amministrazione esplicitamente mi appioppa, dicendomi che se ha incassato di meno non è perché sono stata più brava e attenta, ma è perché non mi ha controllato! No, proprio non lo accetto. Ma chi pensano di essere? Meco...

P.S. Melgaco ha ragione. Accanimento su parchimetri e basta. Io ho pagato una multa nonostante il tagliandino perfettamente in regola con l'orario, perché il vigile non l'aveva visto. Ho portato il tagliando ai vigili e mi è stato detto: "Faccia pure ricorso, se vuole. Ma sappia che il giudice tende a dar ragione ai vigili, perché lei può averlo trovato per strada..." Ho lasciato perdere e ho regalato un po' dei miei soldi al Comune accattone. Contro l'arroganza e la supponenza imperanti bisogna avere la forza di aggrapparsi alla nostra umana pietà, a volte...

Mi sembra un traguardo piuttosto ambizioso quello che si è posto il comune. Nulla da dire per quei verbali sacrosanti, ma per raggiungere quella cifra, credo che ci vorrà ben altro?! Quali stratagemmi si prevedono? Manco che fossimo una città con 2,300mila abitanti?! 1,4 milioni di euro, diviso 365 gg dell'anno fanno 3835 euro. Ogni giorno il comune prevede di incassare una media di 3835 euro attraverso le multe? Si salvi chi può!

Quando si dice una non notizia. Che avvenimento è questo che risponde ad una precisa norma di legge. L'inserimento in bilancio dei proventi contravvenzionali, come di tutte le altre entrate, è previsto nella legge per la formazione del bilancio, come d'altronde è previsto che l'incasso dei proventi venga ripartito in funzione del potenziamento dei controlli, della manutenzione e miglioramento della rete stradale e della segnaletica, oltre che della lotta alla sinistrosità stradale. A tal proposito un bravo alla lega che ha il coraggio di parlare di "Omicidio stradale" senza falsi pudori.
La ripartizione dei proventi è indicato nello stesso codice della strada, ed è fatta apposta affinchè le amministrazioni furbette, non facciano veramente cassa con le sanzioni per investire i soldi in attività estemporanee. Vi ricordate quei comuni che usavano gli autovelox come veri esattori?
Se poi questo è un argomento da usare contro l'amministrazione fate pure, ma sappiate che di centro, di destra o di sinistra, quando fanno i bilanci, i comuni devono rispettare quelle regole.
Semmai, guarda un pò, chi scrive l'articolo perchè non va a verificare se nello scorso anno sono state rispettate le percentuali, a suo tempo indicate. Se, ad esempio, sono stati acquistati veicoli per la polizia municipale, o attrezzature ad essa destinate ecc. ecc.

radom, qui non si sta discutendo sulla destinazione delle risorse raccattate con le contravvenzioni, destinazione sacrosanta (ma solo per il 50%, però!). Qui si sta discutendo sull'indecenza di un'amministrazione che SI AUGURA CHE I DELITTI AUMENTINO per poterci lucrare!!! E meno male che non incassa qualcosa per ogni dose di "roba" sequestrata, verrebbe da dire!

E poi ci chiediamo perché tra burocrazia e politica da un lato e i cittadini italiani dall'altro c'è conflitto e reciproci comportamenti furbetti, e non collaborazione come accade in tutti i paesi civilizzati!!!

Dott.ssa Mariangela, facciamo a capirci. Quando si prepara un bilancio di previsione, e credo che lei sarà sicuramente in grado di insegnarmelo, le voci devono essere congruenti, realistiche e basate sull'analisi del trend precedente. Sa bene che sennò la Corte dei Conti potrebbe avere qualche remora. In base a ciò la previsione del comune di senigallia per l'anno futuro risponde a questi criteri. Non credo che ci siano assessori o dirigenti (sic)tanto pelosi da augurarsi un aumento delle violazioni al codice della strada. Semplicemente noi italiani siamo fatti così, ce ne freghiamo, spesso e volentieri, del rispetto delle regole, dalla guida col telefonino attaccato alle orecchie alla esportazione di milioni di euro in svizzera.
Perchè lei pensa che nel bilancio dello stato non vi siano poste analoghe a questa? funziona nello stesso modo. Fino a quando ci sarà un codice della strada ci saranno persone che lo violeranno, quindi sanzioni riscosse, quindi impiego di risorse con destinazione vincolata. L'importante, a mio avviso, e che l'uso che si fa di quelle somme corrisponda al vero. Ecco perchè sarei contento se qualcuno ci illuminasse sul come sono state spese le somme allocate nel bilancio 2011.

Appunto, random, facciamo a capirci. Il milione e 400mila euro era la cifra prevista per il 2011 che, però, si è rivelata troppo alta. Difatti, hanno dovuto assestare il bilancio per i 128mila euro mancanti. Nel 2012, di conseguenza, ci si sarebbe aspettato che, a fronte di un trend decrescente delle infrazioni, la cifra inscritta fosse, se non inferiore, almeno pari a 1milione e 400 MENO 128milioni. E, magari, si sarebbe potuta interrogare sui perché del calo. Che fa invece il Comune? Conferma la cifra NON incassata, quella del 2010, sperando, evidentemente, che i cittadini nel 2012: a) siano meno virtuosi del 2011 e ricomincino a infrangere a go go; b) che i vigili o gli ausiliari ne possano beccare di più, magari nascondendosi dietro i tir.

Le pare una politica accettabile, questa? Beh... a me no.

Prof. io ho cercato di spiegare come funziona la redazione del bilancio di un comune. Lei continua ad attaccare l'amministrazione. Parliamo di due cose diverse.
La seconda, al momento, non m'interessa. Ci saranno momenti, ed argomenti, più opportuni.

random... e io ho cercato di spiegare come continuare a fare bilanci a capoccia di cane non sia appropriato. Nel caso specifico per il "messaggio" che si manda, ma - se volessimo approfondire - anche per i buchi potenziali che in questo modo si creano e che - dai e dai - portano alle manovre ammazzapopolo!




logoEV
logoEV