Senigallia: lite fuori dalla discoteca finisce in accoltellamento, ferito un magrebino

Polizia 2' di lettura Senigallia 26/11/2011 -

Inizia tutto con una lite fuori dalla discoteca ma il diverbio finisce con un accoltellamento. E' stata una notte movimentata quella tra venerdì e sabato per due magrebini che si sono azzuffati davanti alla discoteca Mamamia, in via Cellini. L'episodio si è verificato intorno alle tre del mattino.



Secondo una prima ricostruzione parrebbe che i due nordafricani avessero iniziato il litigio all'interno del locale. Ad un certo punto però i due sono usciti dal locale e li la situazione è degenerata. Dalle parole e dalle strilla i due sono passati ai fatti. Uno dei due infatti ha estratto dalla tasca un coltello e ha sferrato un colpo al connazionale. Il giovane, un 26enne, si è accasciato a terra iniziando a perdere parecchio sangue. Ad accorgersi del ferito sono stati alcuni ragazzi usciti dalla discoteca che hanno avvertito il personale della vigilanza del locale.

La security, accortasi del ferito, ha subito chiamato il 118 e anche la Polizia. L'ambulanza, intervenuta sul posto pochi minuti dopo, ha soccorso il magrebino e lo ha trasferito al Pronto Soccorso. Qui i sanitari hanno ritenuto opportuno ricoverare il ragazzo che non sarebbe comunque in pericolo di vita ma avrebbe riportato alcune ferite piuttosto profonde che hanno necessitato di vari punti di sutura. All'arrivo della volante gli agenti hanno cercato di ricostruire la dinamica dell'accaduto ma purtroppo, approfittando dei primi minuti subito dopo l'accoltellamento, l'aggressore si è allontanato facendo subito perdere le sue tracce. La Polizia, che indaga sull'accaduto, vuole mantenere il massimo riserbo sulle indagini ma qualcosa è comunque trapelato. Secondo una prima ipotesi, dopo aver ascoltato il magrebino ferito, la lite degenerata in accoltellamento sarebbe scaturita per una sorta di regolamento di conti.

Ancora da chiarire però che tipo di rapporti in sospeso c'erano tra i due, se dovuti a questioni di denaro, di rapporti personali o magari anche di spaccio. Le indagini della Polizia ora sono concentrate su due fronti. Da un lato gli agenti sono impegnati nella ricerca del fuggitivo, dall'altro voglio anche approfondire le cause della lite. Il tutto tra l'altro in uno dei tanti dei fine settimana in cui vengono potenziati i controlli sia sulle strade che contro la microcriminalità.






Questo è un articolo pubblicato il 26-11-2011 alle 23:37 sul giornale del 28 novembre 2011 - 1686 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, senigallia, accoltellamento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/sem


anonimo degli anonimi

Commento sconsigliato, leggilo comunque

"Magrebino" è un termine un po' generico, oggi ha una sfumatura spregiativa per tutti coloro che sono nati o hanno nazionalità nordafricana.Il magreb è quella zona di passaggio verso il deserto del Sahara geograficamente, non sulle coste, geograficamente viene associato a paesi della definita "Africa Subsariana) come Niger, Mauritania, Ciad, Sudan,Mali,Benin, ma su questi due ultimi dovrei riprendera la cartina e la zona meridionale di quelli che confinano a nord.La fonte è il libro di geografia della quarta ginnasio che aveva specificatamente un capitolo intitolato:"Il Magreb".Le popolazioni di origine berbera o Tuareg certamente appartengono all'area del magreb.

Ma lascia perdere.......... pensa invece che tanto per
cambiare succede sempre li qualcosa.

21-21-21

Commento sconsigliato, leggilo comunque

ice25,sei poco informato, chi ha mai mai , io cioè , Tommaso Bucci, sostenuto che lì non accada mai nulla e argomentato su questo , suscitando un po' di "malessere ambientale".

Ice25 , mi dai pure da pensare che il tuo commento sia pretestuoso, cioè, scrivi in modo pressapochista apposta, dando addito al pensiero che i problemi al mamamia in realtà non eistano in modo particolare e chi lo pensa è pressapochista e prevenuto come te...Mi smentisci il mio pensiero?

Ancora!!?? e ancora lì??!! Ma che razza di posto è?! Ma non è ora di prendere provvedimenti??!!

ore 8, in classe, prima ora, lezione di geografia..
per quanto riguarda il mamamia, visto il ripetersi ogni settimana di fatti simili, forse un paio di blindati sistemati nel parcheggio il sabato notte non guasterebbero...

.....sarebbe più semplice chiuderlo 2-3 mesi!!!! o per sempre!!!

io consiglio di chiudere anche tutto il centro storico di Senigallia visto che un sabato si e uno no c'è un rissa... questo per seguire la logica di alcuni commentatori in pantofole....

se chiudessero quello si metterebbero a litigare da qualche altra parte ... direi invece che potrebbero destinare una sala del mama al "fight club"! :D

se è rivolto a me, commentatore in pantofole ci sarai tu.

Ma no. Un accoltellamento fra extracomunitari al Mamamia. Non ci posso credere!

Per OmniaByte e Pelo59, che si distinguono entrambi per pressapochismo , il primo sempre per fatti ideologici:OmniaByte, non ci deve essere casino in centro, non ci dve essere casino in luoghi aperti al pubblico, non è che mal comune mezzo gaudio , io non sto in pantofole, per quanto mi riguarda.
Pelo59: sarà un po' il caso di non scomodare troppoi gli "extracomunitari", perché in questo modo coinvolgi un sacco di persone;ti rammento e scrivo un po' più a proprosito che i problemi di ordine pubblico che riguardano il mamamia non sono nati in primordine attravero question i fra "extracomunitari", io di " scazzottate non ti so dire quante ne ho viste in anni. Che ci sia casino in centro al lungomare o in città e lo so non è un alibi, ma un peggiorativo.
Pensare un po' di più prima di scrivere e inviare un commento sarebbe meglio.Ice25, ripeto che mi sembra un po' farlocco il tuo scritto, male, squallida, cioè, la cosa.Qua è tutta una precisazione di ciò che non sarebbe da precisare.E sarebbe il caso che tutti si forzassero un po' di più prima di postare, "in pantofole" ci si sta anche un po' con la mente.Penso di aver finito così non ho ulteriore voglia di dedicarmi a questo argomento.

Credo che il problema sia alla radice. A questi scalmanati gli puoi anche chiudere il mammamia, ma non risolvi il problema, tanto ne troveranno altri di locali per andare a scannarsi o praticare losche attività. Potrebbero farlo anche sotto casa, o in pieno centro storico come ha detto qualcuno e come riportato dalle recenti cronache. A mio avviso occorre che le relative famiglie stiano un pò più sopra ai loro ragazzi. E quando ci vogliono due calci nel sedere o due schiaffoni bisogna darli, come facevano una volta. Adesso invece nessuno dice più niente, pare che va sempre tutto bene, e dentro casa ci ritoviamo i figli che comandano più dei genitori.

Caro Tommaso,
non ho detto "mal comune mezzo gaudio" ma se si vuole (giustamente) un controllo più severo che sia fatto al Mamamia quanto ai locali del centro storico o del lungomare (che non sono esenti da spaccio e/o risse, la cronaca conferma). Riguardo alle pantofole era riferito ai commentatori dei luoghi notturni che però se ne stanno a casa durante la notte e, seppur non capiscono le dinamiche, sentenziano come giudici. E' una mia impressione e un mio giudizio personale.

Ma sei ancora arrabbiato con me per quella storia di Massimo Bello e la targa a Craxi?
Dai su... non la tocca nessuno la targa di un latitante pluri pregiudicato! ;-)

Donmatteo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Per OmniaByte:
Riporto la prima parte del tuo secondo commento:
"[..]non ho detto "mal comune mezzo gaudio" ma se si vuole (giustamente) un controllo più severo che sia fatto al Mamamia quanto ai locali del centro storico o del lungomare (che non sono esenti da spaccio e/o risse, la cronaca conferma). Riguardo alle pantofole era riferito ai commentatori dei luoghi notturni che però se ne stanno a casa durante la notte e, seppur non capiscono le dinamiche, sentenziano come giudici. E' una mia impressione e un mio giudizio personale".
Sono d'accordo su ogni parola, sui contolli e sui censori pantofolai.Purtroppo non c'è un controllo adeguato alla situazione ambientale che permane e ciò a trecentosessanta gradi;più episodi "fortuiti", "causali", una valanga di espisodi fortuit e casuali, non dico che la normalità è questa, ma facciamo metà e metà, come dici tu, creano un fato, una situazione, che non sarebbe così difficile da controllare e lenire, non siamo a Quarto Oggiaro , che è una zona "a labirinto",oppure, comunque, in una metropoli dove tutto si sviluppa " a macchia" e nemmeno ci sarebbe bisogno di mettere a rischio pewrsone in pattuglia, se venissero adottate misure preventive già in partenza e di leggi e di regolamenti comunali.Sono stato a Cardiff, per esempio, in Galles, dove non è che fuori il venerdì sera c'è la simultanea scacchistica, no affatto, la situazione è parecchio esuberante, i controlli sono continui e episodi di "bolgia" non capitano... Davanti a tanta gente un po' tropp iebriata dal'alcool mi è capitato solo di assistere in cinque ore ad un pugno in bocca per di più in una zona scura, in un viottolo e ti assicuro che ciò è veramente irrilevante rispetto al clima di euforia che sembrava sempre passare il limite, ma era pieno di polizia, non repressiva, ma c'era, in modo ramificato e, aggiungo, era un episodio "fra amici" quello auci ho assistito, capita lì ,è un fato culturale, non è ce bbia grdito, ma era una discussione fra loro in cui forse era emerso un diasppunto,come mi capitò anche in un pub a Londra.

Per quanto riguarda Craxi, può darsi che non mi sia stata bene la cpsa, Craxi non lo reputo assolutamente il male assoluto dell'Italia, a tal punto che sta nel cosidetto "pantheon " del Pd, soprattutto, Craxi è morto e sepoltom, non capisco perché, a distanza di venti anni, tutta questa ostilità verso Craxi che allo stesso modo si manifesta quando Pannella va in corteo e riceve sputi, insulti di ogtni genere, dalla stessa gente che contesta Craxi e Pannella, che uno sia d'accordo o no con le sue idee, non mi pare un tangentista o un pericolo per il paese...Insomma basta.Per la storia di Ostra Vetere, tu nbon ti erio inalberato per Craxi, ma, a mio modo di leggere e interpretare, ti eri eccitato un pochino troppo, pare che uno si debba sfogare non si sa per che cosa e con ciò non si arriva da alcuna parte, identifocando per forza un nemico, è paganesimo questo, e le frasi plurinquisito latitante sono pretestuose e prese in prestito, siamo pieni di inquisiti e latitanti e Craxi non c'è più da venti anni.Io ce l'ho con tutti quelliu che fanno caciara o la permettono e mi pare logico, non èbigottaggine, se non si riesce a cogliere il mio pensiero, pazienza.Non era solo Craxi il fatto,ma erano anche Almirante e Quattrocchi, per quanto riguarda Quattrocchi, mi 'spiace, ma per schiarire le idee a tutti suggerisco la visione del film "l'altra verità" altrimenti detto "route Irish", scritto credo e comunque diretto da ken loach, che spiega meglio il enomeno dei contractors e su Craxi non sai bene di cosa parli, aggiuyngo in ultimo che su Craxi sono sì leggermente assolutista, non nel senso che lo celebri, ma nel senso che ho vissuto quel periodo emi dà fastidio che pretestuosamente si sparga solo di male a ci non può nemmeno replicare, non sopporto il giustizialism o il perbenismo, che siano verbali, che siano atteggiamenti o che siano pratiche, mai ho sopportato...per esempio dovresti documentarti sul ruolo del Psi durante il caso Moro...e qua veramente non scrivo più, purtroppo no si finisce mai di scrivere e Craxi l'hai tirato fuori tu e allora confermo che se leggo male su Craxi di riflesso mi innnervosisco un po' per questo pressapochismo giacobino, fatti miei,ma io qalche principio ce l'ho oppure ci provo ad averne, è aspirazione mia spontanea.Basta.Non replico più.