statistiche accessi

Ripe: delitto Taurino, viveva in uno stabile 'turbolento'

luigi taurino 2' di lettura Senigallia 25/10/2011 -

Uno stabile decisamente inquieto e turbolento quello nel quale viveva Luigi Taurino insieme alla moglie Angela e al figlioletto. Oltre ai rapporti “difficili” con la ragazza albanese, arrestata ora con l'accusa di concorso in omicidio con il fratello e un altro connazionale, la palazzina di via Borghetto, a Passo Ripe era già stata sorvegliata speciale dei Carabinieri nel gennaio scorso a causa di una lite fra due extracomunitari, degenerata poi in un accoltellamento.



Nel terzo appartamento della palazzina infatti vivono anche due nigeriani di 22 e 28 anni che furono poi arrestati con l'accusa di lesioni gravi. Uno stabile che non rassicura troppo, alla luce anche degli sviluppi sull'omicidio Taurino, i residenti che abitano nelle altre case circostanti. Di commentare la vicenda ovviamente c'è poca voglia, soprattutto per la preoccupazione di essere coinvolti in “situazioni pericolose e sconvenienti” ma gli umori non sono dei migliori. La gente non si sente sicura e ora, alla luce degli ultimi sviluppi, la situazione non migliora di certo.

“Come possiamo vivere tranquilli sapendo quello che è accaduto a pochi passi dalle nostre abitazioni?” -commentano un po' all'unisono i residenti. L'arresto di Suela Arifaj e del suo connazionale Marku Jatmir ha scosso profondamente gli animi della piccola frazione, dove la giovane viveva da un paio d'anni dopo essersi trasferita con il marito, un imprenditore originario dell'Abruzzo da cui ha avuto due bambini piccoli. “Conosco la ragazza e anche il marito -racconta il sindaco Faustino Conigli- perchè li ho sposati io con rito civile un anno e mezzo fa. Mi sono sembrati una coppia molto unita, e lei una ragazza molto affabile verso il marito. Quello che è successo e le accuse nei suoi confronti ci lasciano attoniti. Dopo il matrimonio è capitato anche di vedere la coppia in giro per il paese, magari in occasione di qualche festa e non avremmo mai pensato ad un'ipotesi così assurda come quella che poi è accaduta”.






Questo è un articolo pubblicato il 25-10-2011 alle 23:58 sul giornale del 26 ottobre 2011 - 1628 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, ripe, omicidio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qQd