statistiche accessi

Scontri a Roma, anarchici: 'Caccia alle streghe in grande stile'

Scontri di Roma, 15 ottobre 2011 2' di lettura Senigallia 18/10/2011 -

Una caccia alle streghe in grande stile, questa è l'unica definizione che si può dare alla grande campagna mediatica avviata dopo i fatti di Roma.



Se le stesse energie fossero state spese per ridurre il disagio sociale montante, forse non ci sarebbe stata l'esplosione di rabbia giovanile; o forse no. Il beneficio del dubbio è d'obbligo, ma non per tutti. Sembra che si sia aperta ufficialmente la caccia all'anarchico, anche se poi è un tifoso o un black block o un comunista o un autonomo: di tutto un po' insomma, l'importante è criminalizzare chi dissente. Basta poco: una felpa, un casco, avere 20 anni. C'è una sproporzione enorme fra i fatti accaduti e la reazione, prima a Roma e poi nel resto del paese. Per quello che ci riguarda come FAI - Federazione Anarchica Italiana, la maggioranza del movimento aveva fatto due scelte precise: partecipare a Roma al corteo in modo visibile, pacifico, ordinato dietro lo striscione "accerchiamoli" o organizzare iniziative locali di controinformazione (così è stato a Jesi, come in molte altre città italiane), per essere presenti nei territori dove più acuta si fa sentire la crisi in termini di disoccupazione, povertà e tagli occupazionali.

Sappiamo che fare titoloni con il termine "anarchico" è un buon incentivo alle vendite. Sappiamo inoltre che, in questo paese, prendersela con gli anarchici ha sempre anticipato tempi molto bui, da Piazza Fontana in poi. Grave è lo sbraitare di leggi speciali, di riduzione dei diritti, di terminologie care allo squadrismo che ben poco hanno a che fare con la democrazia. Se queste sono le risposte ai gravi problemi sociali, far montare rabbia e alienazione, magari pilotarla, con qualche infiltrato o qualche utile idiota, per poi far dimenticare tutto con repressione pesante, c'è di che preoccuparsi. Per noi come anarchici la risposta è una sola: costruire sicurezza sociale, non con i manganelli e la violenza, ma con una istruzione pubblica garantita, con l'assistenza ai più deboli, con la dignità del lavoro e della comunità, con un futuro in cui vivere senza doversi vendere come schiavi o prostitute.

FAI - Federazione anarchica italiana

Gruppo "Michele Bakunin" Jesi

Gruppo "Francisco Ferrer" Chiaravalle

Gruppo "Pietro Gori" Fabriano

Circolo Culturale "Ottorino Manni" Senigallia






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2011 alle 16:18 sul giornale del 19 ottobre 2011 - 2040 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, violenza, manifestazione, anarchici, FAI - Federazione Anarchica Italiana, guerriglia, indignati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qxe





logoEV
logoEV
logoEV