contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CRONACA
articolo

Guerriglia urbana a Roma: perquisite le abitazioni di due attivisti del Mezza Canaja

1' di lettura
2125

di Giulia Mancinelli
redazione@viveremarche.it


Polizia

Perquisizioni a tappeto nel capoluogo dorico e anche a Senigallia, a seguito della guerriglia urbana scoppiata sabato a Roma e nella quale sono rimasti feriti anche molti agenti di Polizia e Carabinieri.

Nel mirino della Digos sono finiti i giovani appartenenti ai vari centri sociali. Il blitz è scattato all’alba di lunendì mattina, quando decine di uomini della D.I.G.O.S., diretti dal vice questore aggiunto Antonio Nicolli, coadiuvati dai colleghi delle Volanti, hanno fatto irruzione in alcune abitazioni di “personaggi” che gravitano negli ambienti “antagonisti” della provincia anconetana.

Nel corso delle perquisizioni, finalizzate alla ricerca di armi, materie esplodenti e quant'altro, è stato rinvenuto e sequestrato materiale ritenuto dagli investigatori "interessante" e ora al vaglio degli inquirenti.

I controlli della Digos hanno interessato anche le abitazioni di due giovani senigalliesi, esponenti del centro sociale autogestito Mezza Canaja. Dal controllo non sarebbero emerse particolari anomalie. Probabilmente i controlli sono stati effettuati in quanto alcuni esponenti del Mezza Canaja avevano preso parte alla manifestazioni di Roma.



Polizia

Questo è un articolo pubblicato il 17-10-2011 alle 18:06 sul giornale del 18 ottobre 2011 - 2125 letture