statistiche accessi

Agenti feriti a Roma: la solidarietà del SAP

1' di lettura Senigallia 16/10/2011 -

Oltre dieci poliziotti del Reparto Mobile di Senigallia sono rimasti feriti, ieri, nel corso della manifestazione degli indignatos a Roma. Gli agenti, impiegati alla testa del corteo, giunti a Piazza San Giovanni sono stati attaccati da gruppi di giovani con il volto coperto, che hanno lanciato sassi, oggetti di ogni tipo e bombe carta.



Nonostante il lancio di lacrimogeni gli assalitori, a differenza della maggior parte dei manifestanti, per diverse ore hanno attuato una vera e propria guerriglia urbana volta esclusivamente allo scontro con le forze dell’ordine e alla distruzione di beni pubblici e privati.

Solo l’alta preparazione dei poliziotti anconetani ha permesso di evitare il peggio, tuttavia parecchi sono rimasti feriti e domenica sono rientrati in anticipo a Senigallia.

Filippo Moschella, Segretario Provinciale del maggiore sindacato autonomo della Polizia di Stato, esprime piena solidarietà e totale vicinanza a tutti i colleghi del Reparto Mobile.

Occorre anche rivedere, secondo il sindacalista, la qualità e la tipologia delle attrezzature in dotazione, dato che diversi scudi sono stati spaccati e i lacrimogeni non sono serviti a respingere i facinorosi.

In un momento storico difficile per la Polizia, a seguito degli ulteriori tagli governativi ai fondi del Ministero dell’Interno, che stanno già determinando il razionamento di veicoli, carburanti e spostamenti di personale per servizi operativi a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, gli uomini e le donne del Reparto Mobile di Senigallia hanno dato, ancora una volta, prova di professionalità, determinazione e alto senso del dovere.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-10-2011 alle 16:30 sul giornale del 17 ottobre 2011 - 1022 letture

In questo articolo si parla di cronaca, roma, Sap, sindacato autonomo polizia, reparto mobile senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qs1





logoEV
logoEV
logoEV