statistiche accessi

A Senigallia il PD ha presentato le sue proposte per l’Italia della convivenza

Partito Democratico 2' di lettura Senigallia 02/10/2011 -

“L'Italia della convivenza” è stato il tema dell’iniziativa svolta il 1 ottobre all’Auditorium San Rocco dal PD di Senigallia. All’incontro sono intervenuti il Segretario provinciale Emanuele Lodolini, l’Assessore comunale Fabrizio Volpini ed il sen. Massimo Livi Bacci.



Si è discussa l`agenda di una società più giusta e più sicura. Sono le donne e gli uomini, soprattutto i giovani, italiani e nuovi italiani che hanno sperimentato la fatica ma anche la bellezza della mescolanza e che vogliono che essa diventi un tratto dell`Italia normale. Imparare a vivere insieme è un ingrediente fondamentale della riscossa civica di cui il nostro Paese ha bisogno e che ha cominciato a soffiare con prepotenza, come dimostrano gli esiti del referendum e delle elezioni amministrative. Le forze progressiste devono con determinazione costruire la società della convivenza, combattere la paura con una politica della speranza. La strada per costruire la convivenza è l`adesione a comuni principi costituzionali, è quella di persone diverse che si uniscono per fare delle cose insieme, per costruire insieme qualcosa di utile a tutti. Ciò richiede un impegno individuale nel proprio luogo di lavoro, di studio, di preghiera. E richiede un progetto e una proposta politica, quella che il PD chiama "L`alleanza tra italiani ed immigrati per un`Italia migliore".

L`alleanza per una nuova cittadinanza europea, per politiche di co-sviluppo, per la dignità del lavoro, per la scuola di tutti e per tutti, per un welfare per le sicurezze per tutti, per una democrazia inclusiva. In questo contesto assumono grande rilievo le proposte PD (in allegato), presentate dal sen. Livi Bacci per l`Europa, per il lavoro, per nuove modalità di ingresso, per la scuola interculturale, per come combattere in modo efficace l`immigrazione clandestina, per promuovere politiche di cooperazione allo sviluppo. A Senigallia il PD ha ribadito il proprio NO con tutto il nostro sdegno alle politiche del governo, in particolare quelle che chiudono in carcere gli innocenti. perché questo è l`esito concreto del trattenimento fino a 18 mesi di persone che non hanno commesso reati ma che sono prive di documenti.

A Senigallia i Democratici hanno ribadito che chi nasce e cresce in Italia è italiano. Questa è la nostra bandiera, la nostra battaglia, per questo chiediamo fin d`ora che essa sia la prima riforma che verrà varata nella prima riunione del Consiglio dei ministri del futuro governo di centrosinistra. Anche per questo sosteniamo le proposte di legge di iniziativa popolare promosse da un largo cartello di associazioni sul diritto di voto amministrativo e per la riforma di cittadinanza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-10-2011 alle 16:23 sul giornale del 03 ottobre 2011 - 445 letture

In questo articolo si parla di provincia di ancona, politica, senigallia, partito democratico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/pWY





logoEV
logoEV