contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
articolo

Sedi aree vaste, PdL: 'La politica dell'amministrazione ha fallito'

2' di lettura
703
di Francesca Morici
francesca@viveremarche.it

Gabriele Cameruccio e Alessandro Cicconi Massi

Il gruppo consiliare del PdL interviene in merito alla collocazione delle sedi delle cinque Aree vaste territoriali. Lunedì mattina la giunta regionale ha approvato, infatti, la localizzazione. Per la provincia di Ancona il coordinamento di area spetta a Fabriano.

"La vicenda merita un commento forte - ha affermato Alessandro Cicconi Massi, coordinatore del PdL - è accaduto quello che abbiamo sempre sostenuto. L'azione politica dell'amministrazione non ha condotto ad alcun risultato ed il consiglio grande si è dimostrato solo una vetrina per mostrare un velato impegno verso le tematiche della sanità. Ora la città è più povera, - ha aggiunto Cicconi Massi - chiaramente Fabriano è politicamente più forte. Senigallia è la seconda città della provincia, in estate i residenti raddoppiano, nonostante questo non ha voce nella gestione sanitaria. E' stato smentita anche la gestione partecipata. Senigallia ha pagato, ora non deve pagare più".

"Avevamo ragione quando presentammo la mozione un anno fa, mozione che ebbe cinque voti a favore e diciannove contrari. - ha sottolineato Gabriele Cameruccio, capogruppo - L'intervento del sindaco Mangialardi butta fumo in faccia ai cittadini per nascondere l'improduttività della politica sanitaria condotta dall'amministrazione locale".

"Ancora una dimostrazione di come la giunta regionale segua la politica dei "campanili", - ha incalzato Enrico Rimini - il sindaco indichi ora quali sono gli impegni che la Regione avrebbe preso con il nostro Comune. Senigallia non può essere una città di serie b".

"Il consigliere regionale Zinni aveva chiesto la partecipazione dei Comuni nella scelta delle sedi delle Aree vaste. L'assessore Mezzolani invece ha potere assoluto sulla sanità e sulla salute dei cittadini. Chiediamo ancora una volta al sindaco di alzare la voce in difesa del territorio. Mangialardi riferisca in consiglio e contesti ufficialmente la decisione della Regione", hanno concluso i consiglieri.



... Enrico Rimini


Gabriele Cameruccio e Alessandro Cicconi Massi

Questo è un articolo pubblicato il 10-09-2011 alle 16:41 sul giornale del 12 settembre 2011 - 703 letture