Arcevia: cani imbrattano la città, il Comune chiede pulizia ai padroni

convegno animali 2' di lettura 25/08/2011 -

Alcuni anni fa , l’ Amministrazione Comunale ha fatto istallare all’ interno della cinta muraria della città di Arcevia dei cartelli , ben visibili , con su scritto “Arcevia ami i cani “ ….. ed a seguire un vademecum di come ci si comporta con un cane all’ interno del centro urbano , confidando soprattutto nella buona educazione del padrone del cane .



Evidentemente questo non è stato sufficiente per il turista ferrarese , perché il 19 agosto , in vacanza in Arcevia , a passeggio con il proprio cane , di grossa taglia , al guinzaglio lungo corso Mazzini , questi , ad un certo punto , ha effettuato una lunga deiezione urinaria in direzione di un vaso decorativo che costituisce l’ arredamento di un negozio sito in Corso Mazzini .

Il turista con il cane , come nulla fosse successo , si allontanava indisturbato dirigendosi verso la propria auto , senza chiedere nemmeno scusa al titolare del negozio , né tantomeno chiedere gentilmente una bottiglia di acqua per ripulire il marciapiede dalla vistosa presenza di urina . In quel momento sopraggiungeva una vigilessa , chiamata da un turista che aveva assistito a tutta la scena e considerato l’accaduto , avvenuto in piena estate , con un caldo torrido di questi giorni e con tanti turisti in giro con bambini che stazionano e giocano lungo il marciapiede , a quel punto , la vigilessa non si è potuta esimere dal contestare al turista ferrarese l’infrazione prevista dal codice della strada per grave imbrattamento del suolo pubblico .

Abbiamo parlato del fatto con il Vice Sindaco ed Assessore al Decoro Urbano , Dalmiro Lenci e con l’ Assessore al Turismo , Fiorenzo Quajani , i quali ci hanno detto che l’ Amministrazione Comunale sta facendo il possibile per mantenere Arcevia pulita , ordinata e gradevole a quanti vivono e soggiornano in Arcevia . Purtroppo non è isolato questo episodio , infatti girando per i numerosi vicoli di Arcevia , è frequente imbattersi in escrementi di cani e di gatti ; questo non va assolutamente bene , oltre a creare un problema igienico , ciò è sinonimo di inciviltà , di cattiva educazione e soprattutto di non rispetto per la Comunità arceviese . Quindi , bene ha fatto la vigilessa a contestare l’ infrazione al turista ferrarese , anzi invitiamo la Polizia Urbana ad una maggiore vigilanza perché questi fatti incresciosi , non abbiano più a ripetersi .






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-08-2011 alle 16:07 sul giornale del 26 agosto 2011 - 3416 letture

In questo articolo si parla di arcevia, attualità, comune di arcevia, cani, gatti, abbandono di animali, microchip

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/oIi





logoEV
logoEV