Arcevia: piano cave, vittoria per Monte Sant'Angelo

tribunale 1' di lettura 03/08/2011 -

Il Consiglio di Stato ha depositato ieri 2/agosto la Sentenza che riguarda il Bacino estrattivo di Monte S. Angelo di Arcevia. E’ stato respinto il Ricorso presentato dalla Provincia di Ancona, contro la Sentenza del TAR Marche, che annullava il Piano cave provinciale.



Sono state accolte tutte le nostre tesi. Abbiamo denunciato fin dal 2004 agli Amministratori lo scempio che avrebbero perpretato su molti ambiti di tutela imposti da Leggi e Regolamenti. Nessuno di loro ci ha ascoltato, due Tribunali sì. Questa Sentenza rappresenta una vittoria della giustizia e deve ristabilire un sano rapporto delle Amministrazioni con Monte S. Angelo e la sua enorme valenza.

L’ormai defunto Piano cave sarebbe stata l’ultima spiaggia della società e dell’ economia locale. Arcevia sta vivendo una fase di sviluppo legato alle bellezze naturali, alla storia, all’ arte, ai prodotti tipici in sintonia con quello che sta avvenendo in tutta Italia. E’ ora di dire basta alle scelte sbagliate degli Amministratori arceviesi fatte sempre in contrapposizione con le tendenze di sviluppo del momento. Monte S. Angelo rappresenta il baricentro geografico del territorio comunale ma non solo, è anche il baricentro della sua storia, della sua cultura, delle sue tradizioni, della sua anima.

Ci auguriamo che questa Sentenza possa trasformarsi in una occasione per la giusta valorizzazione di un territorio che merita molto.

Gianfranco Marcellini, Coordinatore Comitato Difesa Monte Sant'Angelo
Italia Nostra - sezione di Arcevia


da Comitato Difesa Monte Sant\'Angelo




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2011 alle 17:16 sul giornale del 04 agosto 2011 - 3441 letture

In questo articolo si parla di arcevia, attualità, tribunale, comitato difesa monte sant'angelo e piace a Enea_Bartolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/n7c





logoEV