A Castellaro la 2° rievocazione della Trebbiatura

trebbiatori 3' di lettura Senigallia 13/07/2011 -

Per il secondo anno consecutivo l’associazione “Castellaro 2001” con il patrocinio di diversi enti tra cui il comune di Senigallia si riconferma alla grande nel programma delle feste paesane senigalliesi .



Il grande successo dell’anno scorso a braccetto con la tipicità dell’evento confermano anche per l’anno corrente la volontà dell’organizzazione di mettere in piedi qualcosa che ormai non si vede più tanto spesso. La trebbiatura vera e propria com’era fatta nel passato oggi è spesso trascurata in quanto le moderne macchine con un solo passaggio riescono a fare quello che 40-50 anni fa svolgevano più di 15 persone. Posta nel dimenticatoio la famosa “macchina da batte” se ne va con lei tutto quello che “extra-grano” le girava attorno, si pensi per esempio ai pranzi genuini sull’aia o sul cumulo della paglia, alle prime guance rosse delle ragazze che incontravano i loro futuri sposi e magari li incitavano nelle gare che venivano fatte a chi solleva il sacco più pesante oppure al momento della pesatura dove un raccolto maggiore era motivo di superiorità dell’agricoltore e tutte quelle storie “nostrane” di un era che è stata sorpassata.

Proprio per riassaporare tutto queste cose ormai dimenticate l’associazione Castellaro 2001 invita tutti da venerdì 15 per tre giorni a partecipare alla rievocazione storica dove dalle 18 alle 21 di sabato e domenica (venerdì dalle 19) si potrà assistere alla vera battitura con la famosa trebbiatrice alimentata da trattori d’epoca (sabato con le “locomobili” a vapore dei primi del ‘900). Seguirà nella serata di sabato la tanto attesa aratura dei campi in notturna con i “testa calda” provenienti dai numerosi collezionisti che prenderanno parte alla manifestazione. La trebbiatura è il vero perno della festa ma oltre a questa ci saranno: stand gastronomici con piatti tipici della cucina di campagna (“boccolotti” al sugo d’oca e oca al forno, tagliere del trebbiatore, arrosti di verdure, fricò ecc.), mostra di trattori d’epoca, intrattenimento e possibilità di passeggio con pony, giochi vari; inoltre durante le tre giornate dalle 18 alle 24 sarà allestita una mostra fotografica di foto passate, una fattoria didattica, ed un’ esposizione di attrezzature e trattori di ultima generazione.

Domenica invece il passato incontrerà il futuro, prevista difatti per le ore 10.30 negli spazi della festa una conferenza- dibattito sul tema: “Grano…tra passato e futuro. La storia del frumento” una grande iniziativa voluta dall’associazione in collaborazione con altre istituzioni il quale con le numerose personalità scientifiche e tecniche che interverranno illustreranno ai partecipanti le varie offerte che oggi i cerali possono offrire all’agricoltura italiana non dimenticando il passato ma proiettandoci verso un futuro sicuramente diverso. All’interno della conferenza sarà possibile anche degustare del pane prodotto con una farina locale. A seguire pranzo su prenotazione con pasta di frumento made in marche e tipicità della battitura.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-07-2011 alle 16:43 sul giornale del 15 luglio 2011 - 3039 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di attualità, associazione Castellaro 2001

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/njy





logoEV
logoEV