Famiglie aperte all'accoglienza, incontro con Riccardo Borini

Associazione Un Tetto 2' di lettura Senigallia 28/06/2011 -

L’Associazione Un Tetto, da venti anni attiva nel campo dell’affido e dell’accoglienza dei minori, sta promuovendo da alcuni mesi un progetto dal titolo “L’isola che c’è” che ha come obiettivo quello di sensibilizzare le famiglie e la società a promuovere uno stile di vita improntato alla vicinanza e all’accoglienza soprattutto dei più piccoli. In quest’ottica venerdì 1 luglio è stata organizzata una assemblea a cui sono invitati tutti coloro che durante l’anno sono venuti a contatto con le attività promosse dall’associazione e tutti coloro che sono interessati a saperne di più sull’accoglienza dei minori.



Una serata da condividere, per presentare i progetti che l’associazione sta portando avanti, per informare quanti hanno dimostrato sensibilità e interesse alle tematiche su cui i volontari di Un Tetto riflettono, si interrogano e cercano di realizzare azioni di aiuto: l’accoglienza e l’affido di minori, il sostegno a famiglie che vivono particolari momenti di difficoltà, iniziative e corsi di formazione. Diversi i progetti a cui l’associazione dedica il suo impegno e in cui possono essere coinvolti i volontari: il centro Pomeridiano Il Germoglio, attivo sul territorio di Senigallia da sedici anni e gestito in collaborazione con la Coop Casa della Gioventù; esperienze di affido famigliare di minori in collaborazione con i Sevizi Sociali Territoriali; creazione di un gruppo di “famiglie solidali” con il progetto “L’isola che c’è”; accoglienza dei bambini di Litva, un paese della Bielorussia contaminato dalla esplosione di Chernobyl; sostegno alla realtà Parada attraverso l’adesione alla campagna “Un Naso rosso contro l’indifferenza”, progetto di accoglienza della tourneè dei Ragazzi di Bucarest.

Al centro la promozione del benessere di bambini e ragazzi, con particolare attenzione a quanti vivono in situazioni di disagio. Al centro la convinzione che le risorse personali e comunitarie possono essere convogliate e unite per sostenere e promuovere sempre maggiore benessere. Tante sono le azioni di solidarietà “naturale” che si attivano nelle giornate di ciascuna persona, ciascuna famiglia; tante ancora se ne possono attivare se ci si sostiene a vicenda e se si prova a costruire una rete di aiuti e condivisioni per affrontare situazioni di bisogno che interpellano e chiedono di essere tutelate. È altresì importante avere momenti in cui fermarsi, riflettere, formarsi per assumere una sempre maggiore consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti.

Per questo l’appuntamento di venerdì 1 luglio presso i locali della parrocchia della Pace di Senigallia inizierà alle ore 19 con l’intervento di Riccardo Borini, coordinatore dell’ambito territoriale sociale di Jesi, sul tema “Accogliere i minori. E le loro famiglie?” e continuerà alle ore 20.30 con la cena insieme dove ognuno porterà qualcosa di condividere con gli altri.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-06-2011 alle 18:27 sul giornale del 01 luglio 2011 - 512 letture

In questo articolo si parla di attualità, associazione un tetto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mGS





logoEV