Elezioni, Sel: 'Seguire il modello Senigallia'

Sel 2' di lettura Senigallia 01/06/2011 -

Le elezioni amministrative svoltesi recentemente con la vittoria inequivocabile del Centro Sinistra dimostra che non solo “il vento sta cambiando” ma che anche all’interno del Centro Sinistra qualcosa si sta muovendo o quanto meno i cittadini dicono deve cambiare.



Lo dimostrano le schiaccianti vittorie di Pisapia a Milano De Magistris a Napoli e del giovane Candidato di Sinistra Ecologia Liberta’ Massimo Zedda a Cagliari che stacca di circa 20 punti il Candidato di Centro destra che, a Cagiari, era sostenuto anche dall’ UDC. Tutto ciò dimostra che quando il progetto è chiaro ed inequivocabile ispirato da volontà di cambiamento ed inclusione sociale e soprattutto è costruito e confrontato con i cittadini attraverso le primarie si vince e si convince anche con candidati non propriamente “moderati e di centro”. Questo è il dato dei ballottaggi, ma lo dimostrano anche le vittorie al primo turno di Merola a Bologna e Fassino a Torino in cui sicuramente le primarie, attraverso il confronto ed il coinvolgimento della città hanno favorita la vittoria al primo turno, basti pensare alle difficoltà in cui si trovava la sinistra negli ultimi anni a Bologna. Pensiamo che questi siano i “modelli” da seguire, anche se ancora si teorizza molto sul modello marchigiano esportato con grande trionfalismo a Macerata; ma facendo un po’ di conti proprio sul risultato del ballottaggio di Macerata, il 10 % del candidato di sinistra al primo turno vale il doppio del voto dell UDC (5%) per cui anche lì il Centro Sinistra unito avrebbe vinto al primo turno senza tanti problemi ed ansie al ballottaggio.

Come Sinistra Ecologia Libertà aggiungiamo anche nella nostra Provincia il bel successo a Santa Maria Nuova con l’elezione del Sindaco di SEL Angelo Santicchia che ha battuto il candidato del Centro destra ed anche il Candidato del PD che all’ ultimo momento aveva rifiutato l’alleanza con il nostro Partito, anche questo è un piccolo segnale ma di grande incoraggiamento. Siamo soddisfatti anche perché a Senigallia attraverso l’ esperienza della Città futura e delle primarie di coalizione del Centro sinistra, tra i primi abbiamo sperimentato questi percorsi democratici e coinvolgenti i cittadini , evitando come invece hanno fatto altri i percorsi autoreferenziali e calati dall’ alto e anche a Senigallia non a caso si è vinto al primo turno senza problemi e su un programma di rinnovamento. Per cui possiamo dire che c’è anche un modello Senigallia da seguire.


da Attilio Casagrande
coordinatore Sel




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2011 alle 17:18 sul giornale del 02 giugno 2011 - 2169 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, SeL, Sinistra Ecologia Libertà, attilio casagrande

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/lxy


Visto che la cosa è pubblica mi permetto di esprimere il mio dissenso, garbato ed educato ma pregno di ferree convinzioni. Le elezioni a Senigallia non sono state vinte dal centrosinistra, assolutamente no. Mangialardi ha vinto con uno scarto di soli di 170 voti (e col 36% dell'elettorato totale votante a suo favore) solo e unicamente grazie al fatto che è stata messa una lista civetta completamente apartitica e apolitica (e non di sinistra, ASSOLUTAMENTE NON DI SINISTRA e neanche di centro) che ha preso quasi l'8% dei voti, altrimenti sarebbe stata un disfatta e il "vostro" centrosinistra non sarebbe andato da nessuna parte (lo dico con tutto il rispetto). I tre partiti della Città Futura insieme hanno preso un misero 5%, come la piccola e neonata Lista Partecipazione di cui, tranne il capolista, composta solo e unciamente da persone della società civile (di sinistra)... Vivi Senigallia è il frutto intelligente di una strategia che ha portato Mangialardi a vincere (siamo in democrazia, tanto di cappello), ma è composta da persone che non hanno nulla a che fare con la sinistra, anzi. Forse l'Udc è più a sinistra (cattolica) di certi personaggi che hanno votato la lista di Vivisenigallia. Interessi vari e radicati in città, imprenditori, palazzinari, esponenti di interessi forti....queste sono le persone e le lobbies che hanno votato in massa a chi gli ha sempre garantito prebende e lauti guadagni nel corso degli anni (sempre onesti eh, fino a prova contraria, anche se legittimati da scelte politiche non condivisibili). Le primarie poi sono state un giochino per non dar fastidio a Mangialardi e legittimare la Città Futura...ben altre persone avrebbero dato molto più fastidio a Re Mangialardo I, ma gentimente molte di loro sono state sconsigliate a partecipare... Il grande Assessore al cemento verde Simone Ceresoni, la persona sotto la cui direzione Senigallia ha subito uno dei più grandi scempi urbanistici-visivi della sua storia (l'annullamento della visuale della zona del Conero dalla Rotonda per permettere solo a pochi Vip di avere la quinta sul mare, sulla Rotonda e sul Conero, a scapito dei poveri cittadini che non contano un cazzo... O il nuovo quartiere (che sorgerà su Via Cellini, ho visto un chiarissimo progetto firmato da un illustre personaggio) che disporrà di 160-180 appartamenti con palazzine fino a 4 piani)... Tutto solo per i ricchi naturalmente.... E potrei fare mille esempi (quello che si permetterà di fare alla Sacelit ecc ecc)...

Ecco, l'Assessore Verde Ceresoni, lui si che forse avrebbe scompaginato qualche carta alla primarie (anche se il PD permette di giocare fino a che non lo si disturba, altrimenti, come si è visto, non permette nulla che non sia funzionale a detenere il potere assoluto nelle sue mani. Primarie assolutamente fatue e funzionali solo agli equilibri interni della coalizione. Capisco che la vittoria a Milano abbia provocato enormi felicità alla Sel, ma un pò di dignità e rispetto della verità e della memoria non farebbero male...

Poi se volete vi parlo della coalizione di Vivisenigallia e delle motivazioni meravigliose (ma che offendono l'intelligenza delle persone a volte) che trova Ceresoni per dire che grazie a lui si costruisce di meno rispetto al programmato.. Ma se uno fa riferimenti a piani vecchi dove c'erano sballate ipotesi di aumento della popolazione a dismisura, ha vita facile nel dire che fa diminuire il costruito... Scusa che non regge e che ha anche stancato sentirla dire ogni volta...ogni volta....perchè comunque farà costruire tutto quello è in programma (cose spaventose) e che i signori dell'edilizia hanno convenuto con le precedenti amministrazioni (dove c'erano sempre Ceresoni e Mangialardi comunque). I potentati economici, sono loro che comandano la città e il Paese...i politici, per quanto assolutamente onesti, possono fare poco o nulla...e contano niente...

Scusate, questa è una digressione sul tema.... Festeggiamo la grande vittoria di Pisapia, soprattutto in un ottica rivolta all'inizio della fine del Berlusconismo, movimento che ha fatto tanti danni quanto il fascismo in Italia... Ma evitiamo celebrazioni locali che veramente, secondo me, sono fuori luogo e non corrispondono alla realtà. Distinti Saluti. Paolo Battisti (Consigliere Comunale Partecipazione).

Anche io non andrei così fiera del modello Senigallia che è stato semplicemente un cartello elettorale per garantire un gattopardistico immobilismo nella gestione della politica cittadina.

I giovani "civetta" porta voti (pr di locali,ballerine, gente conosciuta) non sono un nuovo modo di far politica.

Avete cercato di dire cose vecchie con un vestito nuovo come direbbe Guccini.

E i cittadini se ne stanno accorgendo o se ne accorgeranno presto quando compirete lo scempio in Via Cellini o all'ex IPSIA, quando ci si renderà conto che la Complanare non risolverà i problemi della viabilità senigalliese, quando i soliti affari porteranno i soliti soldi nelle solite tasche.







sempre onesti eh, fino a prova contraria...............
Sarebbe anche opportuno fornirla, ogni tanto, la prova altrimenti qualcuno potrebbe anche ritenersi "diffamato sempre fino a prova contraria"
Legittima ogni tipo di critica politica alle scelte politiche di un'altra parte, ci mancherebbe altro ma quando si parla di democrazia bisognerebbe non dimenticare quelli che sono i principi di democrazia e garanzia che il nostro Paese ha ad esempio non ci si dovebbe mai dimenticare quello dell'onere della prova anche in politica e soprattutto quando si analizza la vittoria di Pisapia da una parte e la sconfitta di chi dall'altra parte non ha fornito la prova

a me sembra che o non hai capito quel che intendeva Battisti o che hai la coda di paglia. O tutte e due le cose.
Invece di citare comportamenti etici che dovrebbero valere a corrente alternata (o a discrezione, fai tu), visto che ogni volta che commenti i comportamenti del centrodestra non fai che contraddire quanto affermi in questo intervento.
Se non sei d'accordo, infine, controbatti con argomenti, se ne hai, visto che Battisti parla di cose tangibili e verificabili.

allora verifichiamole e se sarà fornita la prova contraria condanniamole non solo politicamente.

Signor Malavida so benissimo lei chi è, ma non lo dico naturalmente a mo di minaccia o con intenzioni poco chiare... E capisco perchè si cela e non si firma... Ma trovo veramente ridicolo e puerile il suo nascondersi dietro uno pseudonimo...e anche un pò vigliacco, se mi permette.

Difenda la sua amata maggioranza con il coraggio del suo nome...dovrebbe essere orgoglioso delle cose che fanno e spiegarcele invece di nascondersi...

Poi magari, se vuole, diamoci tutti un appuntamento alla Rotonda, da li iniziamo il tour che porta al mostro che stanno costruendo a fianco del piazzale, poi ci facciamo un bel giro illustrativo e le porto i piani di costruzione delle palazzine dell'Ex Ipsia (che urbanisticamente saranno un pugno in un occhio e distruggeranno l'entrata di uno dei quartieri più nobili e belli della città, il Portone) e le porto il progetto del quartiere che verrà costruito sulla collina di via Cellini... Poi se vorrà parleremo della Sacelit, delle variante del piano degli arenili, del fatto che il Sindaco invece di attingere ad un concorso pubblico già fatto e con la graduatoria ancora in vigore per assumere un dirigente del Turismo ha indetto una selezione dove ha deciso lui chi assumere... Poi parleremo del palese conflitto di interessi di alcune persone che occupano posti importanti (a breve ne faremo uscire uno) ecc ecc... Tutti comportamenti e atteggiamenti sicuramente legali, beninteso, perchè dal punto di vista normativo prima il Comune vara i permessi per costruire (come nel caso dello stabilimento a sinistra della Rotonda) o applica delle leggi esistenti (come nel caso della selezione indetta dal Sindaco di cui sopra)...quindi nulla da eccepire dal punto di vista legale...
Il mio, da persona di sinistra, è il dispiacere di vedere che una amministrazione che si dichiara di centrosinistra dovrebbe avere e tenere ben altri comportamenti e gestire la città (che è di tutti) in maniera assolutamente differente... E invece questa, per mutuare una frase del capogruppo della mia lista...è la città degli amici....

Dimenticavo... Sono sempre Paolo Battisti, Consigliere Comunale di Partecipazione, caro Signor Malavida...

Non mi sembra essere l'unico ad usare un pseudonimo in questo sito, forse perchè le regole del gioco lo permettono. Quando cambieranno le regole cambieremo modalità di gioco o forse non giocheremo più ma come malavida posso difendere la mia "amata maggioranza" come tanti altri sotto pseudonimo l'attaccano. In altre sedi, non si preoccupi, lo farò con il mio nome come spesso mi è capito di fare ed il coraggio non c'entra nulla.
Una passeggiata alla rotonda la farò molto volentieri così come una bella chiaccherata.
Tra i miei amici c'è anche lei e tanta gente come lei. Questo lo sa bene così come sa bene che non sono ne vigliacco ne puerile.
Con stima
malavida




logoEV
logoEV