Ferrovia Fano-Urbino trasformata in pista ciclabile, Utp: 'Ci opporremo con tutte le forze'

Antonio Bruno 1' di lettura Senigallia 26/05/2011 -

In questi giorni i capigruppo di maggioranza al Comune di Fano con in testa il capogruppo Marco Cicerchia ricominciano a discutere sulla trasformazione della vecchia sede ferrovia Fano-Urbino per trasformarla in pista ciclo-pedonale.



Questi signori devono sapere che la nostra associazione si opporrà con tutte le forze affinchè non avvenga questo scempio ed ha già diffidato e chiesto alla direzione nazionale di RFI di rifiutare qualsiasi altro uso della linea che non sia quello ferroviario. D'altronde i costi di ricostruzione ed ammodernamento della ferrovia, così come quantificati dai nostri esperti e con progetto visibile da chiunque lo chieda, non sono "elefantiaci".

Il sottoscritto è disponibile ad incontrare il Capogruppo del PDL Marco Cicerchia per presentargli il nostro progetto di ripristino ferroviario. Cercherò di contattare il sig. Cicerchia, ma se non ci riuscisse chiedo allo stesso - se leggerà questo comunicato - di volerlo contattare all'indirizzo e-mail dell'associazione utp_sg@yahoo.it


da Antonio Bruno
Segr. Prov. Associazione Utenti Trasporto Pubblico





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-05-2011 alle 17:27 sul giornale del 27 maggio 2011 - 1289 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, antonio bruno, ferrovia, antoniio bruno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/lhN


Ferrovia... Dice: - Ci opporemo con tutte le nostre forze!
Ma state tranquilli e risparmiate le forze: 1) - Vi pare che con l'aria che tira, opportunità a parte, davvero le ferrovie si metterebbero a studiare - dopo la rossa - la freccia gialla del Metauro ? Se non riescono a tenere a posto neppure l'esistente, davvero ci sarebbe da preoccuparsi di quello che "la maggioranza" che governa Fano va ipotizzando per "lo futuro?". 2)- E' che, piuttosto, i motivi di preoccupazione sono altri: "Lor signori", ferrovie a parte, non amano proprio le piste ciclabili, infatti a Fano, di nuove, nisba!

da Tero:
---
Antonio, credi che in RFI siano tutti per dilapidare il capitale? Credi che se pur una parvenza di convenienza l’avrebbero lasciata in abbandono per 25 anni? Se fosse così remunerativo, ditte private l’avrebbero chiesta in concessione, invece zero assoluto. Non dico presentare il progetto ma almeno dicci semplicemente l’importo dei lavori (giacché lo conosci),ed il tempo di ammortamento della spesa. Facci sapere quanti utenti (pardon clienti) si prevedono ogni giorno. Non voglio nemmeno quantificare il tempo perso e la benzina dei mezzi in transito sulla statale ai passaggi a livello. Poi se la trazione è diesel qual è il vantaggio anche dal punto dell’inquinamento?

Prima, per cortesia, spendete le vostre forze per queste cose.

Stanno letteralmente abbandonando la stazione di Fano perché non remunerativa ti pare che affrontino un’avventura simile? Non solo a Fano non fermano alcuni Eurostar ma addirittura non arrivano i locali. Almeno un locale che parte verso le 12 da Ancona termina a Senigallia non è una vergogna?. Fano Pesaro potrebbero essere collegate in una specie di metropolitana in 9 minuti.

Giovanni fano

Facciamo un po' di chiarezza in più: finanziamento autolinee Bucci per il servizio sostitutivo della Fano Urbino 93 milioni di euro in 6 anni (completamente persi, il costo del biglietto non torna indietro). Costo per la riapertura della ferrovia 90 milioni di euro che scendono a 40-50 se affidato al genio ferrovieri (che si è detto disponibile e ha appunto fatto la propria stima) e il costo dei biglietti ripaga parte dell'investimento.
Per riferimenti sul progetto http://www.ferroviafvm.it/progetto.html.
La stazione di Fano tornerebbe remunerativa se riapre la Fano Urbino e fermerebbero anche più treni nazionali per dare la possibilità di accedere ad Urbino.
Non penso che RFI voglia dilapidare il capitale ma penso che c'è chi dormirebbe sonni ancor più tranquilli con la linea smantellata e quindi farà giustamente (per proprio interesse) pressioni sui politici per la ciclabile.




logoEV
logoEV