Risarcimenti operai Italcementi, interrogazione di Mancini

2' di lettura Senigallia 18/05/2011 -

Interrogazione che ho rivolto al Sindaco circa le questioni sollevate nelle settimane scorse dalla Cisl di Senigallia al riguardo dell'amianto. In particolare, il sindacato in parola ha chiesto un incremento della sorveglianza sanitaria sugli ex lavoratori e l'avvio di una vertenza nei confronti dell'Italcementi, visti i costi altissimi pagati dall'intera città di Senigallia, richieste che si auspica vengano fatte proprie dall'Ammnistrazione Comunale.



Premesso che la Cisl di Senigallia ha diffuso alcuni giorni or sono un comunicato relativo ai risarcimenti operati, in seguito all’iniziativa dell’ALA, dall’Italcementi in favore degli ex lavoratori Sacelit (o delle loro famiglie) colpiti da malattie conseguenti all’esposizione all’amianto;

Considerato che il sindacato Cisl auspica l’apertura di una vertenza nei confronti dell’Azienda per dare tutela agli ex dipendenti “anche nei confronti di eventuali aggravamenti che potrebbero verificarsi nel prossimo futuro, a partire da una sorveglianza sanitaria ampliata e mirata”;

Considerato, altresì, che la Cisl afferma che l’Italcementi “dovrà prendersi carico delle sue complessive responsabilità nei confronti dell’intera città di Senigallia” e chiede “alla Istituzioni di sostenere l’iniziativa sindacale volta alla completa tutela degli ex dipendenti Sacelit nella consapevolezza che questa città ha già pagato all’amianto un prezzo salatissimo anche in termini di vite umane”;

Valutando positivamente l’iniziativa della Cisl perché ripropone una questione rilevante quanto tragica per la nostra città, un dramma del quale -stando alle parole del sindacato- non si può ancora parlare al passato;

- chiedo al Sig. Sindaco di Senigallia quanto segue:

1. se, in risposta alla nota della Cisl, abbia incontrato il sindacato in parola per ascoltarne le ragioni e concordare le forme in cui concretizzare l’appoggio che viene richiesto alle Istituzioni, compresa la “sorveglianza sanitaria ampliata e mirata”;

2. nel caso in cui l’incontro non si fosse svolto, per quali ragioni;

3. se l’incontro, invece, fosse stato effettuato, quali impegni siano stati assunti da Lei e dall’Amministrazione Comunale.

Se, da un lato, tutti sappiamo quanto sia apprezzato in città l’intervento dell’ALA sulle diverse questioni riferite all’amianto, altrettanto bene conosciamo la lunga storia delle organizzazioni sindacali storiche di Senigallia, tra cui la CISL, la cui autorevolezza con consente che non venga date seguito alle precise richieste rivolte alle autorità politiche e sanitarie cittadine.


da Roberto Mancini
Consigliere comunale di “Partecipazione”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2011 alle 16:18 sul giornale del 19 maggio 2011 - 712 letture

In questo articolo si parla di roberto mancini, amianto, politica, cisl, italcementi, Capogruppo consiliare di “Partecipazione”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/kWi