Aumento del gettone dei consiglieri: Vivi Senigallia resta sola

soldi Senigallia 06/04/2011 -

Sulla proposta di aumentare il gettone di presenza dei consiglieri comunali Vivi Senigallia rischia di restare sola. La richiesta, avanzata in I Commissione dal consigliere Mario Fiore, ha suscitato reazioni negative anche all'interno della maggioranza.



E così la lista civica “del sindaco”, seconda forza di maggioranza, rischia di andare in minoranza.

La proposta non è attuabile perchè la legge non consente di modificare i gettoni oggi percepiti dai consiglieri (pari a 26 euro netti a seduta ndr) e dunque la questione neanche si pone -spiega il presidente del consiglio Enzo Monachesi- ma comunque, in un momento di crisi, non è proprio il momento di pensare a simili proposte. E' vero che i consiglieri percepiscono praticamente un rimborso ma è giusto che sia così e al contrario per me è motivo di vanto”.

“Non è il caso di apportare alcun ritocco al gettone di presenza dei consiglieri che per noi va bene così e che per altro è fermo già dal primo mandato dell'ex sindaco Luana Angeloni -concorda il capogruppo Pd Lorenzo Magi Galluzzi- invece di aumentare sarebbe più opportuno potenziare l'informazione su quanto percepiscono i consiglieri”.






Questo è un articolo pubblicato il 06-04-2011 alle 23:55 sul giornale del 07 aprile 2011 - 978 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica, soldi, gettoni di presenza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jku